0

EU new rules for cleaner cars. The European Commission has tabled legislative proposals to ensure car manufacturers comply strictly with all EU safety, environmental and production requirements.

The Commission is proposing a major overhaul of the so-called EU type approval framework. Under current rules, national authorities are solely responsible for certifying that a vehicle meets all requirements to be placed on the market and for policing manufacturers’ compliance with EU law. Today’s proposals will make vehicle testing more independent and increase surveillance of cars already in circulation. Greater European oversight will strengthen the system as a whole.
The Commission was already reviewing the EU type approval framework for motor vehicles prior to the Volkswagen revelations. It has since concluded on the need for more far-reaching reform to prevent cases of non-compliance from happening again. Today’s proposal for a Regulation on the approval and market surveillance of motor vehicles complements efforts to introduce more robust emissions testing (Real Driving Emissions testing).

Jyrki Katainen, Vice-President for Jobs, Growth, Investment and Competitiveness, said: “In a Single Market where goods circulate freely, everyone must play by the rules. The Volkswagen revelations have highlighted that the system which allows cars to be placed on the market needs further improvement. To regain customers’ trust in this important industry, we need to tighten the rules but also ensure they are effectively observed. It is essential to restore a level playing field and fair competition in the market.”

Commissioner Elzbieta Bienkowska, responsible for Internal Market, Industry, Entrepreneurship and SMEs, said: “The Single Market requires rigorous enforcement across sectors, including the car industry. With our proposals today we will raise the quality and independence of vehicle testing and improve the oversight of cars already in circulation. This complements our efforts to introduce the most robust emissions testing procedures in the world, which we will keep refining and reviewing to ensure the strictest emissions limits are really met.”

The current type approval system is based on mutual trust: once a car is certified in one Member State, it can circulate freely throughout the EU. While the EU sets the legal framework, national authorities are fully responsible for checking car manufacturers’ compliance. The draft Regulation on the approval and market surveillance of motor vehicles maintains the principle of mutual recognition, which is at the core of the EU Single Market, but seeks to correct the flaws in the system.

The proposal for a Regulation will help to achieve three objectives:

Reinforce the independence and quality of testing that allows a car to be placed on the market: The majority of Member States designate technical services, which are paid directly by car manufacturers, for the testing and inspection of the vehicle’s compliance with EU type approval requirements. The Commission proposes to modify the remuneration system to avoid financial links between technical services and manufacturers, which could lead to conflicts of interest and compromise the independence of testing. The proposal also foresees more stringent performance criteria for these technical services, which should be regularly and independently audited to obtain and maintain their designation. National type approval authorities will be subject to peer reviews to ensure that the relevant rules are implemented and enforced rigorously across the EU.

Introduce an effective market surveillance system to control the conformity of cars already in circulation: While the current rules deal mainly with ex ante controls, in the future Member States and the Commission will carry out spot-checks on vehicles already on the market. This will make it possible to detect non-compliance at an early stage, and ensure that immediate and robust remedial action is taken against vehicles that are found to be non-compliant and/or to present a serious safety risk or harm to the environment. All Member States should be able to take safeguard measures against non-compliant vehicles on their territory without waiting for the authority that issued the type approval to take action. Member States will have to review regularly the functioning of their market surveillance activities and make the results publicly available.

Reinforce the type approval system with greater European oversight: The Commission will have the power to suspend, restrict or withdraw the designation of technical services that are underperforming and too lax in applying the rules. In the future the Commission will be able to carry out ex-post verification testing (through its Joint Research Centre) and, if needed, initiate recalls. By allowing the Commission to impose financial penalties, the proposal will deter manufacturers and technical services from allowing non-compliant vehicles onto the market. The Commission will also chair an Enforcement Forum which will develop common compliance verification strategies with Member States and organise joint audits of technical services and peer reviews of type-approval authorities.

The Commission’s proposal maintains the current ban on defeat devices, which national authorities have a standing obligation to police and enforce, but goes a step further. Under the draft Regulation, the manufacturer will have to provide access to the car’s software protocols. This measure complements the Real Driving Emissions package, which will make it very difficult to circumvent emission requirements and includes an obligation for manufacturers to disclose their emissions reduction strategy, as is the case in the US.

Next steps
The draft Regulation will now be sent to the European Parliament and Council for adoption. Once adopted, it will be directly applicable. It will repeal and replace Directive 2007/46/EC (the ‘Framework Directive’).

Obbligatorie dal 1° settembre prove nuove e più efficaci delle emissioni degli autoveicoli.

A partire dal 1º settembre 2017, prima di poter circolare sulle strade europee i nuovi modelli di autoveicoli dovranno superare prove aggiornate più affidabili delle emissioni in condizioni di guida reali (“emissioni reali di guida”, Real Driving Emissions – RDE) nonché una prova di laboratorio migliorata (“procedura di prova per i veicoli leggeri armonizzata a livello mondiale”, World Harmonised Light Vehicle Test Procedure – WLTP).

Jyrki Katainen, vicepresidente responsabile per l’Occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitività, ha affermato: “Le nuove prove delle emissioni costituiscono una tappa fondamentale nel lavoro che stiamo realizzando per disporre, nei prossimi anni, di veicoli più puliti e più sostenibili, ma molto rimane ancora da fare. Lo scandalo delle emissioni ha rivelato la necessità di una maggiore indipendenza delle prove a cui vanno soggetti gli autoveicoli e di una più attenta vigilanza del mercato. La Commissione deve inoltre avere la facoltà di intervenire in caso di irregolarità ed è proprio a tal fine che ha presentato una proposta nel gennaio 2016, rimasta sul tavolo sino ad oggi. È giunto ormai il momento che il Parlamento europeo e il Consiglio procedano alla sua adozione. Vanno inoltre profusi sforzi a livello di UE per incoraggiare con decisione la mobilità a basse emissioni.”

Elzbieta Bienkowska, Commissaria responsabile per il Mercato interno, l’industria, l’imprenditoria e le PMI, ha aggiunto: “Un passaggio rapido a veicoli ad emissioni zero è nel nostro interesse, se consideriamo i rischi per la salute pubblica e l’ambiente, ed è essenziale per l’industria automobilistica, se intende rimanere competitiva a livello internazionale. Per il momento, però, i veicoli diesel fanno ancora parte della nostra vita e dobbiamo ripristinare la fiducia in questa tecnologia: ecco perché è fondamentale disporre di prove aggiornate e più affidabili per gli autoveicoli nuovi mentre, per quelli già in circolazione, gli Stati membri devono assolvere i loro compiti, ossia dare esecuzione alle norme e adottare nuovi provvedimenti, insieme a tutte le parti interessate, al fine di ridurre le emissioni del parco veicoli esistente.

Le nuove prove delle emissioni garantiranno risultati più attendibili e contribuiranno a ripristinare la fiducia relativamente alle prestazioni dei nuovi autoveicoli. Le prove rappresentano una delle diverse importanti attività che la Commissione porta avanti per un’industria automobilistica pulita, sostenibile e competitiva.

Prove delle emissioni più severe e precise: le emissioni di NOx e di particolato, che sono una delle principali cause dell’inquinamento atmosferico, saranno misurate in maniera più affidabile in condizioni di guida reali (prova RDE). Questa prova andrà ad integrare una procedura di prova in laboratorio nuova e più realistica (prova WLTP) per tutte le emissioni, comprese quelle di CO2, e il consumo di carburante, nonché le emissioni di NOx e di altri inquinanti atmosferici. Entrambe le prove diventeranno obbligatorie dal settembre 2017 per tutti i nuovi modelli di autoveicoli e saranno introdotte gradualmente per tutti gli autoveicoli nuovi tra il 2018 e il 2019 (per ulteriori informazioni cfr. MEMO/17/2821).

Revisione completa del sistema di omologazione: una volta adottata, la proposta di regolamento che la Commissione ha presentato nel gennaio 2016 garantirà una maggiore qualità e indipendenza delle prove sui veicoli e un controllo più attento sugli autoveicoli già in circolazione e introdurrà la vigilanza dell’UE nell’intero sistema.

Norme sulla qualità dell’aria: gli Stati membri sono tenuti a rispettare i valori limite dell’UE per una serie di inquinanti, tra cui l’NO2, e a stabilire piani per la qualità dell’aria nelle zone o negli agglomerati in cui tali valori limite sono superati.

Mobilità a basse emissioni: la strategia europea per una mobilità a basse emissioni mira ad aumentare l’efficienza del sistema dei trasporti e ad accelerare la diffusione delle energie alternative a basse emissioni per i trasporti e la transizione verso veicoli a emissioni zero. Detta strategia si basa su una gamma di alternative energetiche a basse emissioni per le autovetture e gli autobus e pone l’accento sull’elettrificazione dei trasporti ferroviari e sull’impiego dei biocarburanti nei settori del trasporto aereo e del trasporto su gomma di merci e passeggeri. La Commissione prevede altresì di adottare entro novembre 2017 un piano d’azione riguardante un’infrastruttura per i combustibili alternativi allo scopo di diffondere maggiormente l’uso dei carburanti alternativi in Europa.
Al tempo stesso la Commissione segue con attenzione i provvedimenti adottati dagli Stati membri relativamente ai veicoli inquinanti già in circolazione.

A seguito delle rivelazioni del settembre 2015, con cui era stato reso noto l’uso da parte del gruppo Volkswagen di software di manipolazione per eludere le norme in materia di emissione per alcuni inquinanti atmosferici, la Commissione ha invitato tutti gli Stati membri, in qualità di autorità responsabili della vigilanza del mercato e dell’applicazione della normativa in materia di omologazione, a effettuare le necessarie indagini al fine di verificare i livelli di emissioni reali dei veicoli circolanti sui rispettivi territori e di garantire la conformità al diritto dell’UE.

La Commissione ha appoggiato le attività a livello nazionale mediante l’elaborazione di una metodologia comune di prova che riveli la presenza di dispositivi di manipolazione che alterano i risultati delle prove di laboratorio e garantisca la coerenza dell’esito delle indagini nazionali. Ha inoltre pubblicato un documento orientativo per aiutare le autorità degli Stati membri a valutare se i costruttori automobilistici utilizzino dispositivi di manipolazione o mettano in atto altre strategie risultanti in un aumento delle emissioni del veicolo al di fuori del ciclo di prova e ad analizzare se ciò sia tecnicamente giustificato.

Nel dicembre 2016 e nel maggio 2017 la Commissione ha avviato procedure di infrazione nei confronti di otto Stati membri per violazione della normativa UE in materia di omologazione e continua a controllare se il diritto dell’Unione in materia sia correttamente applicato.

Inoltre la Commissione garantirà il rispetto delle norme sulla concorrenza e continuerà a lavorare affinché ai consumatori sia assicurato un trattamento equo.

La Commissione continua infine ad adoperarsi per assicurare l’applicazione delle norme UE in materia di qualità dell’aria tramite procedure di infrazione nei confronti dei 16 Stati membri che violano i valori limite dell’NO2 ambiente.

website

Comments ( 0 )

    Leave A Comment

    Your email address will not be published. Required fields are marked *

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi