Diagnosi Energetica Obbligatoria: il Gruppo di Lavoro di SmartEfficiency riunisce i principali operatori in tutti i settori tecnologici, finanziari e professionali per riqualificare le aree energetiche delle imprese, come prevede il D.L. 102/2014 che richiede l’aggiornamento entro il 5 dicembre 2019.

Le aree di attività di grande esperienza di SmartEfficiency sono:
– misurazione, monitoraggio, gestione dei consumi,
– valutazione delle soluzioni più opportune per risparmiare sulla bolletta energetica,
– fornitura delle installazioni tecnologiche (misuratori, rifasatori, illuminazione, fotovoltaico, climatizzazione, cogenerazione e trigenerazione),
– soluzioni finanziarie per rendere sostenibile l’investimento.

Diagnosi Energetica D.L. 102/2014 obbligatoria dicembre 2019
Con il Decreto Legislativo n° 102 del 4 Luglio 2014 (G.U. Serie Generale n°165 del 18/07/2014) l’Italia ha recepito la Direttiva 2012/27/UE sull’Efficienza Energetica. L’art. 8 definisce che i soggetti obbligati a svolgere Diagnosi Energetiche entro il 5.12.2015 e successivamente ogni 4 anni sono:
– le grandi imprese: (art. 8, comma 1) limitatamente al rispetto dell’obbligo di realizzazione della Diagnosi Energetica è considerata “grande impresa” quando il requisito occupazionale (più di 250 unità effettive) sussiste congiuntamente a un fatturato superiore a 50 milioni di euro o a un totale di bilancio annuo superiore di 43 milioni.
– le imprese a forte consumo di energia o energivore: (art. 8, comma 3) imprese iscritte nell’elenco annuale istituito presso la Cassa per i servizi energetici e ambientali (CSEA) ai sensi del decreto interministeriale 5 aprile 2013.

Entità della sanzione
Ai sensi dell’articolo 16, comma 1 del D.L. 102/2014, le imprese obbligate che non effettuano la diagnosi energetica sono soggette ad una sanzione amministrativa pecuniaria fino a 40.000 euro. La sanzione non esime dall’effettuazione della diagnosi.

Obbligo di Monitoraggio almeno 1 anno precedente
– 5 dicembre 2015: furono ritenute validi anche stime, calcoli, misure indirette dei vettori energetici.
– 5 dicembre 2019: sarà necessario misurare una gran parte dei vettori energetici oggetto di analisi.
Una volta definito l’insieme delle aree funzionali e determinato il peso energetico di ognuna di esse a mezzo di valutazioni progettuali e strumentali, si dovrà definire l’implementazione del piano di monitoraggio permanente in modo sia da tener sotto controllo continuo i dati significativi del contesto aziendale, che per acquisire informazioni utili al processo gestionale e dare il giusto peso energetico allo specifico prodotto realizzato o al servizio erogato.

Metodologie di monitoraggio
– a. Campagne di misura: la durata della campagna di misura dovrà essere scelta in modo rappresentativo (in termini di significatività, riproducibilità e validità temporale) rispetto alla tipologia di processo dell’impianto. Occorrerà inoltre rilevare i dati di produzione relativi al periodo della campagna di misura. La campagna di misura dovrà essere effettuata preferibilmente durante l’anno solare precedente rispetto all’anno di obbligo della realizzazione della diagnosi energetica.
– b. Installazione di strumenti di misura: nel caso di installazione “permanente” di strumentazione di misura, è opportuno adottare come riferimento l’anno solare precedente rispetto all’anno d’obbligo della realizzazione della diagnosi energetica.

Le tappe per adempiere agli obblighi 5 dicembre 2019
– predisporre entro dicembre 2017 un piano di misurazione e monitoraggio dei consumi.
– registrare i dati rilevati durante l’anno 2018 per approntare la Diagnosi Energetica come richiesto.

dicembre 2015        –           dicembre 2017        – – – – 2018 – – – –            dicembre 2019
Diagnosi Energetica     inizio monitoraggi         monitoraggi           Diagnosi Energetica

Attività di efficientamento e comunicazione dei risparmi ottenuti
I risparmi da considerare ai fini della comunicazione sono tutti quelli riconducibili non soltanto ad interventi di efficientamento inteso in senso stretto, ovvero realizzati sul ciclo produttivo, ma anche al risparmio energetico derivante da qualunque modifica, anche comportamentale, della gestione del ciclo produttivo stesso.

Per ulteriori informazioni ed aggiornamenti:
SmartEfficiency – info@smartefficiency.eu – tel. 02.2641 7228

www.smartefficiency.eu

Comments ( 0 )

    Leave A Comment

    Your email address will not be published. Required fields are marked *

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi