febbraio 2019

0

World’s top green businesses revealed. CDP names over 150 corporates recognized as pioneers for action on climate change, water and deforestation.
Apple, Firmenich, Johnson & Johnson, L’Oréal, Mitsubishi Electric, Nestle, and Unilever are among the leaders.
CDP scored over 6,800 companies from A to D; only the top 2% made the A List.

The announcement came at the opening of the World Economic Forum Annual Meeting in Davos.

Designed to harness the competitive spirit of business to raise ambition and spur action on corporate sustainability, CDP’s annual rankings score the thousands of companies which disclose to the organization on their environmental action.
Split across climate change, water security and forests, the A List provides a holistic picture of how the corporate world is addressing environmental issues.

130+ companies make the A grade for their action on climate change, including China Mobile, Danone, Infosys Limited, Klabin and Microsoft.
ACCIONA, Gap, Ford and KAO Corporation are among the 30+ companies on the A List for their water security action.
Seven companies receive an A for their efforts to address deforestation, including Beiersdorf, Tetra Pak and UPM-Kymmene.
Firmenich, the world’s largest privately-owned fragrance & flavor company, and French cosmetics company L’Oréal, are the only companies to get A’s across the board for their actions on climate change, deforestation and water security.
CDP’s publicly released scores highlight increased corporate transparency and measurement of environmental action across the board, the number of organizations reporting to CDP rising 55% (from 4539) since 2013.

Dexter Galvin, Global Director of Corporates and Supply Chains at CDP, commented: “As the recent report from the IPCC showed, the next decade is crucial in our shift to a sustainable economy, and we believe corporates are at the heart of this transition. By ranking companies, we aim not just to highlight leaders’ best practice, but to inspire all businesses to aim higher and take more action. That the STOXX Global Climate Change Leaders Index – which is based on the CDP A List – outperformed the STOXX Global 1800 by 5.4% per annum from December 2011 to July 2018, demonstrates that the leadership on environmental issues shown by the A List goes hand in hand with being a successful and profitable business.”

In the last year, over 6,800 responses from the world’s largest companies were analyzed against a diverse range of metrics including transparency, target-setting, and awareness of risks and opportunities. Using a robust methodology, companies were scored from A to D- by CDP. Only the very best made the A List.

Gilbert Ghostine, CEO of Firmenich, commented: “As a family-owned company, with a legacy of responsible growth, I believe that business has a critical role to play to tackle climate change with a sense of urgency. Building on our consistent “A” rankings with CDP, we are very proud of our triple “A” score this year. Today, all of our manufacturing sites in the U.S. and Europe are 100% powered by renewable electricity, on our way to reaching our goal of 100% worldwide by 2020. To further scale up our impact across our value chain, we are the first perfume and taste company to be mobilizing our suppliers to also disclose with CDP, as well as one of only 149 companies worldwide to have approved science-based targets.”

The companies that disclosed to CDP in 2018 did so at the request of over 650 investors with assets of US$87 trillion, and/or 115 major purchasing organizations with a combined spend of US$3.3 trillion. The data these investors and purchasers gather from CDP is crucial to inform their decision making, help them engage with companies, reduce risks and identify opportunities.

Alexandra Palt, Chief Corporate Responsibility Officer at L’Oréal, commented: “Congratulations to the companies on the CDP A List for their environmental leadership impacting businesses and supply chains globally. As a CDP Supply Chain member, the wealth of information provided by CDP disclosure is critical in helping us understand how our suppliers are performing, and where we can engage with them to reduce environmental impacts and costs. We particularly look to the CDP A List and scoring process to help improve the environmental performance of our suppliers, actively managing risks and identifying future opportunities.”

Tegwen Le Berthe, Head of ESG Development at CPR Asset Management, commented: “The corporate environmental data CDP collects forms the backbone of the responsible investing market – without this data, investors wouldn’t have the information they require to offer ESG products and services.
At CPR Asset Management, we believe that the integration of ESG data into investment processes generates value in the long term. We need to know how exposed a company is to environmental risks and their long-term strategy for the low-carbon transition, in order to identify future market leaders.
CDP’s disclosure data underpins our ESG analysis, and the scores provide a valuable framework when comparing companies and selecting stocks.”

Examples of leadership and innovation reported to CDP by A List companies include:
By promoting ENERGY STAR certified products, Best Buy US helped its American customers realize utility bill savings of more than US$45 million in FY18, an energy saving which equates to removing nearly 55,000 cars from the road for a year.

Brazilian petrochemicals company Braskem has developed ‘Green PE’, a polyethylene produced from sugarcane ethanol (a renewable feedstock) which captures and fixes CO2 from the atmosphere during its production, helping to reduce greenhouse gas emissions.

Its state-of-the-art wastewater treatment plant in China allows Swiss fragrance & flavor business Firmenich to operate a manufacturing plant that provides almost double the company’s previous manufacturing capacity. This additional capacity supports a targeted growth rate of as much as 8% per annum (through 2025), while efficiencies and increased sales may reduce unit costs by more than 10% (by 2021).

Japanese technology company Fujitsu is working to apply artificial intelligence (AI) to a diverse array of fields, including climate change adaptation measures. It has developed technology which uses AI-powered big data analysis to enable accelerated development of recovery plans when disasters occur.

UK property company Landsec has reduced its energy intensity by 14.3% (kWh/m2) by introducing energy savings initiatives; a reduction which equated to estimated cost savings of GBP£2.8 million (US$3.6 million) in 2017.

Danish toy-maker LEGO Group launched the first LEGO elements made from plant-based plastic sourced from sugar cane, and has committed to making all LEGO products from sustainable materials by 2030.

From 2013 to 2017, Korean electronics company LG Display developed and invested in 156 water-related reduction (water reuse) technologies, to save about KRW 4.61 billion (US$4 million).

Through its participation in RE100, Danish health care company Novo Nordisk is already sourcing 79% of its power for production from renewable sources and has a target of 100% power from renewable sources by 2020.

Australian IT company Telstra has created a Cloud Calculator Tool which helps businesses to transition to cloud technology through quantifying GHG emissions.

Swedish packaging business Tetra Pak has achieved 100% fulfilment of its chain of custody certification and now only accepts paperboard that is certified by the Forest Stewardship Council as well managed or controlled wood sources.

About CDP scores
CDP assesses companies on the comprehensiveness of their disclosure, their awareness and management of environmental risks and their demonstration of best practices associated with environmental leadership, such as setting ambitious and meaningful targets.

The 2018 CDP A List includes the CDP Supplier A List, which in previous years was released separately.

About CDP
CDP is a global environmental impact non-profit that drives companies and governments to reduce their greenhouse gas emissions, safeguard water resources and protect forests. Voted number one climate research provider by more than 650 investors and working with institutional investors with assets of US$87 trillion, we leverage investor and buyer power to motivate companies to disclose and manage their environmental impacts. Over 7,000 companies with some 50% of global market capitalization disclosed environmental data through CDP in 2018. This is in addition to the over 750 cities, states and regions who disclosed, making CDP’s platform one of the richest sources of information globally on how companies and governments are driving environmental change. CDP, formerly Carbon Disclosure Project, is a founding member of the We Mean Business Coalition.

The full methodology for the CDP scores is transparent and available on CDP’s website at: https://www.cdp.net/en/guidance/guidance-for-companies under “CDP scoring methodologies 2018”

www.cdp.net

Autoconsumo comunità energetiche, il Governo recepisca subito la direttiva europea. In una lettera promossa da ITALIA SOLARE e sottoscritta da Anev, Greenpeace, Legambiente, Kyoto Club e WWF le associazioni scrivono al ministro per lo Sviluppo economico

Le associazioni Anev, Greenpeace, ITALIA SOLARE, Legambiente, Kyoto Club e WWF, hanno inviato una lettera al ministro dello Sviluppo economico Luigi di Maio per chiedere l’immediato recepimento delle norme in materia di autoconsumo e comunità energetiche della Direttiva 2001/2018/UE sullo sviluppo delle fonti rinnovabili, e nello specifico degli articoli 21 e 22.

A differenza di altri Paesi europei in Italia oggi manca completamente un quadro normativo che consenta di dare un significato economico a comunità di energia rinnovabile e in generale a forme di produzione e consumo collettivo di energia – sottolineano le associazioni firmatarie della lettera – per questo il recepimento degli articoli 21 e 22 è assolutamente urgente e prioritario.

Il quadro normativo italiano sull’autoconsumo è costituito da disposizioni frammentarie e disorganiche incapaci quindi di dare segnali di lungo periodo agli investitori. Le installazioni di impianti da energia rinnovabile, ricordano le associazioni, sono sostanzialmente ferme da 5 anni anche a causa del fatto che ancora si attende l’emanazione del DM FER1 necessario a far ripartire il settore.

Dai dati del Piano Energia Clima risulta che la quota di energia rinnovabile nei consumi elettrici era del 33% nel 2014 ed è stata del 34 % nel 2018. In mancanza di un quadro normativo organico per la generazione distribuita il raggiungimento degli obiettivi contenuti nella proposta di Piano Energia Clima al 2030 è impossibile. Come se non bastasse la gestione dei mercati, delle reti e del dispacciamento di energia elettrica sono ancora integralmente basati sul presupposto di un sistema centralizzato di produzione di energia. Mancano dunque sbocchi di mercato in Italia a tutte le applicazioni tecnologiche e digitali per le smart grid, la condivisione di energia e l’interfaccia diretta fra produttore e consumatore, con rischio di grave danno all’industria nazionale.

Nella lettera le associazioni ricordano che gli attuali strumenti di supporto contro la povertà energetica sono complessi e inefficaci, mentre le comunità di energia rinnovabile potrebbero costituire uno strumento di solidarietà e supporto molto efficace per le situazioni di disagio sociale, sia in termini di garanzia della fornitura energetica sia in termini di opportunità occupazionali nei territori.

I firmatari auspicano l’urgente recepimento di tutta la direttiva sfruttando l’imminente legge di Delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l’attuazione di altri atti dell’Unione Europea o perlomeno l’adeguamento immediato attraverso tale provvedimento alla nuova normativa in materia di autoconsumo e comunità di energia rinnovabile degli articoli 21 e 22 che rivestono carattere di assoluta urgenza considerato lo stato di stagnazione e mancanza di prospettive di medio periodo del comparto delle rinnovabili e delle smart grids in Italia.

www.italiasolare.it

Interessante panel Fleet InnovAuto. Dopo gli stimolanti contenuti espressi dal panel di manager che ho avuto il piacere di moderare a Innovauto, ecco in breve alcune riflessioni sulle prospettive del mercato delle Flotte Auto Aziendali.
Le Aziende utilizzatrici sono ancora prudenti sulle adozioni di nuove forme di mobilità, pur consapevoli che le scelte di oggi condizioneranno i prossimi 3 – 5 anni della mobilità della propria azienda.
Ragioni prima di tutto di prudenza economica e di necessità di essere ancora garantiti nelle prestazioni dalle tecnologie mature, con i loro vantaggi e svantaggi.

Ne hanno parlato
– Massimo Todaro, Commercial Fleet Global Solutions Deploy Manager SHELL Italia Oil Product
– Emanuele Pasca, Global e-Mobility Offering Enel X
– Aldo Paolo Iacono, Direttore fleet & mobility EDENRED
– Stefano Bendandi, Fleet Manager ABOCA
– Marco Dainese, Head of Corporate Sales & Remarketing EMEA Region MASERATI.

Nell’immediato, la vera rivoluzione nei servizi di mobilità alle aziende la daranno gli operatori dei servizi digitali, che stanno adeguando le proprie soluzioni alle nuove prospettive di mobilità, coniugando la gestione delle informazioni sui veicoli, le abitudini di utilizzo, le prestazioni, le fatturazioni, l’ottimizzazione dei percorsi, la sicurezza, verso i grandi flussi dei big data.
La seconda rivoluzione sta arrivando dal mercato dei titolari di partite IVA, che si sta aprendo per le auto a noleggio, spinta anche dalla necessità di semplificare le operazioni di rifornimento dopo le incombenze della gestione della fattura elettronica nei distributori di carburanti.

Ma la sintesi più forte e condivisa è stata il riconoscimento che è necessario informare meglio sia i decisori, sia i “clienti interni” delle aziende: più cultura e più specifica.
Aumenta il vantaggio, perché aumentano le opzioni di scelta: le motorizzazioni diesel, benzina, metano, ibrido, ibrido plug-in, elettrico coesisteranno per anni, quindi è logico che aumenterà l’imbarazzo della scelta: il tipo di alimentazione dell’auto oggi va adottata studiando bene l’uso specifico e reale che l’utente ne farà.

autore Enrico Rainero

– BYinnovation è Media Partner di Innovauto

www.innovauto.it

Circular Economy Award. Università Cattolica e Intesa Sanpaolo Innovation Center hanno organizzato il prossimo appuntamento della StartUp Initiative, in occasione delle selezioni italiane della Global Social Venture Competition*, competizione che premia le migliori idee di impresa ad elevato impatto sociale e ambientale a livello mondiale, promossa dalla Haas School of Business UC Berkeley in partnership con ALTIS.
L’appuntamento sarà dedicato a tecnologie e progetti innovativi a forte rilevanza sociale o ambientale (social venture), e offrirà numerosi spunti di sicuro interesse per tutte le realtà attente alle tematiche della responsabilità sociale.

PREMI SPECIALI
Circular Economy Award
Intesa Sanpaolo Innovation Center, in collaborazione con la Ellen MacArthur Foundation, selezionerà e premierà la migliore startup, tra le finaliste, che svolge attività ad alto contenuto innovativo nell’ambito dell’Economia Circolare, secondo i principi: Design out waste and pollution, Keep products and materials in use e Regenerate natural systems. Il Circular Economy Award prevede il riconoscimento della startup come acceleratore della transizione verso un modello di sviluppo positivo e a prova di futuro, oltre al coinvolgimento della stessa in alcune delle future attività dei partner (es. eventi, programmi di open innovation, 1-to-1 meeting, etc …).
Premio speciale She4(Imp)Act
Alla GSVC è associato il Premio She4(Imp)Act di un pacchetto per l’incubazione di 3 mesi del valore di 25.000 euro presso Impact Hub Milano per il migliore tra i progetti di startup e startup con fondatori donne o con donne as “key people” oppure che pongono al centro del servizio la donna. Il pacchetto di incubazione include uno spazio di lavoro “all inclusive” per 3-4 persone a Impact Hub Milano, mentoring/coaching personalizzato, affiancamento allo sviluppo del network inter/nazionale professionale, industriale, finanziario, match-making con
investitori, accesso alla community globale e partecipazione agli eventi di networking ed exposure.

Premio speciale Lombardia
Al miglior progetto afferente la Lombardia, Réseau Entreprendre Lombardia offrirà un servizio di professionalizzazione per verificare e sviluppare il potenziale imprenditoriale attraverso una serie di incontri con gli imprenditori, i professionisti e i manager soci di Réseau Entreprendre.
I lavori si svolgeranno in lingua inglese.

I Partner
Intesa Sanpaolo Innovation Center supporta il programma con StartUp Initiative, piattaforma di accelerazione internazionale che seleziona promettenti startup ad alta tecnologia, le forma e le mette in contatto con investitori finanziari e industriali. Dal lancio nel 2009, il programma ha sviluppato un forte track record: 117 investment forum in 9 paesi su 9 cluster tecnologici e settori industriali, che hanno fatto incontrare 890 startup e growing companies con migliaia di investitori, imprese e operatori dell’ecosistema dell’innovazione.

L’Alta Scuola Impresa e Società dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano (ALTIS) nasce nel 2005 con lo scopo di favorire – attraverso ricerca, formazione, e conculenza – la diffusione di una cultura del management responsabile. Dal 2008 è partner italiano della Haas School of Business, University of California Berkeley per l’organizzazione delle selezioni italiane della Global Social Venture Competition.

L’Associazione Prospera, acronimo di Progetto Speranza, è un’associazione senza fini di lucro nata a settembre 2009 con l’obiettivo di fare crescere nel Paese i valori della responsabilità sociale personale, della trasparenza, del merito e dell’onestà intellettuale. Tutti i progetti sono rivolti a sostenere i giovani nel proprio percorso verso la qualificazione professionale e nel momento di confronto e contatto con il mondo del lavoro, a volte così remoto e inaccessibile.

Impact Hub Milano è uno Spazio di Coworking ed Eventi, una Community e un Incubatore Certificato di startup che creano Impatto Sociale Ambientale e Culturale. È il primo nodo italiano di una rete globale di oltre 100 spazi che connette più di 16.000 imprenditori, creativi e professionisti. Impact Hub Milano dal 2012 ha sviluppato una forte competenza nell’ambito dell’incubazione di startup ad alto impatto, derivante sia dalla gestione del primo centro per l’innovazione e l’imprenditoria sociale in Italia, sia dal continuo flusso di informazioni e pratiche che provengono dal network internazionale.

Réseau Entreprendre Lombardia (REL) è una associazione no profit che opera in Lombardia, con la mission di supportare aspiranti imprenditori per la nascita di nuove imprese che creano nuovi posti di lavoro. L’applicazione dell’esclusivo metodo Réseau Entreprendre prevede per le startup un percorso di accompagnamento interdisciplinare e continuo che si articola in tre fasi: professionalizzazione, convalida e mentoring. I soci di REL sono imprenditori e professionisti esperti in diversi campi, che mettono a disposizione, gratuitamente, il proprio tempo per studiare i progetti di creazione d’impresa, partecipare ai comitati di convalida, accompagnare i neo-imprenditori e animare la loro associazione.

Giovedì 28 Febbraio 2019 dalle ore 8.45 presso Spazio Base in Via Bergognone 34, Milano

www.gsvc.it

www.startupinitiative.com

Laurea Magistrale in Mobility Engineering del Politecnico di Milano. Partner del Corso 13 enti e imprese tra cui Scania e A35 Brebemi. Oggetto di studio anche il progetto della prima autostrada elettrificata in Italia, sviluppato da A35 Brebemi con Scania e Siemens.

Il Politecnico di Milano, insieme a 13 enti e imprese – chiave del settore, ha deciso di arricchire la propria offerta formativa con il Corso di Laurea Magistrale in Mobility Engineering (#LMMobilityEngineering).
Il Corso è stato presentato dal Rettore dell’Ateneo Ferruccio Resta, da Renato Mazzoncini, Docente di Mobility, Infrastructures & Services e da Dario Zaninelli, Coordinatore della commissione per la progettazione della nuova Laurea Magistrale.
Il nuovo Corso, attivo dal prossimo anno accademico 2019/2020, sarà erogato in lingua inglese.

La nuova Laurea rappresenta un percorso formativo unico nel suo genere e risponde sia alle richieste di innovazione che vengono dalle imprese, sia alla necessità di potenziamento di settori strategici per lo sviluppo economico che arriva dal Sistema Paese.

Un ruolo centrale nella nascita del nuovo Corso di Laurea Magistrale in Mobility Engineering è stato svolto dai 13 enti e industrie leader del settore che hanno collaborato con l’Ateneo per definire il programma di studi, tra queste Brebemi e Italscania oltre a Alstom Italia; Ansaldo STS; ATM;Brescia Mobilità; EvoBUS Italia S.p.A; Gruppo FS Italiane; Hitachi Rail; Lucchini RS; Mermec; Metra; Trenord.

Tra i progetti che verranno presi in analisi durante il nuovo corso di laurea, c’è anche il progetto della prima autostrada elettrificata in Italia, sviluppato da A35 Brebemi con Scania e Siemens.

“Il progetto pilota “CAL-A35 eHighway” per la mobilità elettrica delle merci, che vede al nostro fianco Scania, Siemens, Politecnico di Milano e altri prestigiosi partner, trova nella nuova Laurea Magistrale in “Mobility Engineering” del Politecnico di Milano, la giusta collocazione”, afferma il Presidente di A35 Brebemi, Francesco Bettoni. “Abbiamo sempre guardato al futuro con fiducia, convinti che l’innovazione anche in questo campo potesse solo migliorare la qualità della vita e la nostra presenza qui, all’interno di un prestigioso ambito formativo, va in questa direzione. L’interesse di A35 Brebemi verso questo nuovo corso di Laurea è quindi evidente nella misura in cui la sperimentazione desse i risultati sperati e quindi vi sarebbe la necessità di formare figure professionali di nuova generazione di alto “standing” in grado di sopperire alle straordinarie opportunità lavorative che il neo modello di business potrà sviluppare”

“Siamo molto orgogliosi di essere tra i promotori di questo progetto e di lavorare a stretto contatto con il mondo accademico. Scania è costantemente impegnata nel cooperare con tutti gli attori che si trovano ad operare nell’ecosistema dei trasporti, al fine di guidare il cambiamento verso un sistema di trasporto sostenibile. In questo senso si inserisce la collaborazione con il politecnico, realtà di grande prestigio in grado di formare profili professionali del futuro che potranno svolgere un ruolo di primaria importanza nel settore della mobilità, logistica e trasporti”, ha evidenziato Franco Fenoglio, Presidente e Amministratore Delegato di Italscania. “Lo sviluppo della prima autostrada elettrificata in Italia, una delle prime in Europa, è un esempio di grande eccellenza sul fronte dell’innovazione: il fatto che questo progetto diventi oggetto di studio nel nuovo corso di laurea del politecnico è per noi un motivo di grande orgoglio”.

CAL-A35 Brebemi eHighway per la mobilità elettrica delle merci
L’idea è quella di dotare l’autostrada, in entrambe le direzioni, di una linea elettrica sospesa che consenta l’alimentazione degli autocarri Scania in circolazione. Il progetto a cui si sta lavorando prevede una prima fase di “studio pilota” in cui l’elettrificazione abbia una estensione massima utile a mettere a regime e tarare il sistema, nella tratta centrale della A35. In seguito a questo, una volta verificate efficienza, efficacia e sostenibilità economica della soluzione in oggetto nonché stabilita una chiara programmazione sovra-nazionale che vada nella direzione della soluzione medesima, si potrà procedere ad una seconda fase che prevede l’elettrificazione della A35, congiuntamente alla commercializzazione dei veicoli e dei relativi dispositivi per l’utilizzo della linea elettrificata.

www.polimi.it

www.scania.it

0

Air Liquide in hydrogen energy markets. The Company announces that it acquired an 18.6% stake in the capital of the Canadian company Hydrogenics Corporation, a leader in electrolysis hydrogen production equipment and fuel cells. This strategic transaction, which represents an investment of 20.5 million US dollars (18 million euros), enables the Group to reaffirm its long-term commitment to the hydrogen energy markets and its ambition to be a major player in the supply of carbon-free hydrogen, particularly for industry and mobility markets.

Convinced that hydrogen will play a key role in the energy transition, Air Liquide has been a pioneer in the development of the hydrogen sector for several years. Air Liquide and Hydrogenics have also entered into a technology and commercial agreement to jointly develop PEM (Proton Exchange Membrane) electrolysis technologies for the rapidly growing hydrogen energy markets around the world.

Commenting on this investment, François Darchis, Senior Vice-President and member of the Air Liquide Group Executive Committee, supervising Innovation, said: “Water electrolysis is one of the key technologies to accelerate the emergence of hydrogen as a sustainable energy carrier. Indeed it enables the production of totally carbon-free hydrogen, thanks namely to renewable electricity. By partnering with Hydrogenics, a leader in electrolysis and fuel cell technologies, Air Liquide is reinforcing its technology portfolio in hydrogen production and strengthening its ability to offer competitive decarbonized hydrogen on a large scale. We are more than ever convinced that hydrogen will play a major role in the fight against global warming. Drastically reducing CO2 emissions is vital for the planet. In this area, Air Liquide has the most ambitious objectives in its industry”.

About Hydrogenics Corporation
Hydrogenics Corporation is a world leader in engineering and building the technologies required to enable the acceleration of a global power shift. Headquartered in Mississauga, Ontario, Hydrogenics provides hydrogen generation, energy storage and hydrogen power modules to its customers and partners around the world. Hydrogenics has manufacturing sites in Germany, Belgium and Canada and service centers in Russia, Europe, the US and Canada.

Air Liquide’s commitment to hydrogen energy
In the past 50 years, Air Liquide has developed unique expertise enabling it to master the entire hydrogen supply chain, from production and storage to distribution and the development of applications for end users, thus contributing to the widespread use of hydrogen as a clean energy source, for mobility in particular.
Air Liquide has designed and installed more than 120 stations around the world to date.
Hydrogen is an alternative to meet the challenge of clean transportation and thus contributes to the improvement of air quality. Used in a fuel cell, hydrogen combines with oxygen in the air to produce electricity, emitting only water.
It does not generate any pollution at the point of use: zero greenhouse gases, zero particles and zero noise. Hydrogen provides a concrete response to the challenges posed by sustainable mobility and local pollution in urban areas.

 

 

Air Liquide per produzione idrogeno privo di carbonio, ottenuto per elettrolisi.

Air Liquide annuncia di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile.
Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (pari a 18 milioni di euro), consente al Gruppo di riaffermare il suo impegno a lungo termine nei mercati dell’energia a idrogeno e la sua ambizione di essere uno dei principali protagonisti nella fornitura di idrogeno privo di carbonio, in particolare per l’industria e i mercati della mobilità.

Nella convinzione che l’idrogeno avrà un ruolo chiave nella transizione energetica, Air Liquide è da diversi anni pioniere nello sviluppo della filiera dell’idrogeno. Air Liquide e Hydrogenics hanno inoltre stipulato un accordo tecnologico e commerciale per sviluppare congiuntamente tecnologie di elettrolisi PEM (Proton Exchange Membrane) per i mercati dell’energia a idrogeno in rapida crescita in tutto il mondo.

Commentando questo investimento, François Darchis, Senior Vice-President e membro del Comitato Esecutivo del Gruppo Air Liquide, che supervisiona l’Innovazione, ha dichiarato: “L’elettrolisi dell’acqua è una delle tecnologie chiave per accelerare l’emergere dell’idrogeno come vettore energetico sostenibile. Consente infatti di produrre idrogeno totalmente privo di carbonio, in particolare tramite l’energia elettrica rinnovabile.
Grazie alla partnership con Hydrogenics, azienda leader nelle tecnologie per l’elettrolisi e delle celle a combustibile, Air Liquide sta così completando il suo portafoglio di tecnologie e rafforzando la sua capacità di offrire idrogeno privo di carbonio in maniera competitiva e su grande scala. Siamo più che mai convinti che l’idrogeno svolgerà un ruolo importante nella lotta contro il riscaldamento globale. Ridurre drasticamente le emissioni di CO2 è vitale per il pianeta. In questo ambito, Air Liquide si è posta gli obiettivi più ambiziosi del suo settore”.

Hydrogenics Corporation
Hydrogenics Corporation è un leader mondiale nel settore dell’ingegneria e nello sviluppo delle tecnologie necessarie per accelerare la transizione energetica. Con sede a Mississauga, in Ontario, Hydrogenics fornisce attrezzature per la produzione di idrogeno, l’immagazzinamento dell’energia e la fornitura di idrogeno a clienti e partner in tutto il mondo. Hydrogenics è presente con siti produttivi in Germania, Belgio e Canada e dispone di centri di assistenza in Russia, Europa, Stati Uniti e Canada.

L’impegno di Air Liquide nella filiera dell’idrogeno
Da 50 anni, Air liquide ha sviluppato una competenza unica sull’intera catena di approvvigionamento dell’idrogeno, dalla produzione allo stoccaggio fino alla distribuzione e allo sviluppo di applicazioni per i clienti finali, contribuendo così a diffondere l’uso di idrogeno come fonte di energia pulita, soprattutto per la mobilità. Ad oggi, il Gruppo ha progettato e installato 120 stazioni di idrogeno nel mondo.
L’idrogeno è una soluzione per rispondere alla sfida posta dal trasporto pulito e contribuire così a migliorare la qualità dell’aria. Utilizzato in una cella a combustibile, l’idrogeno si combina con l’ossigeno dell’aria per produrre elettricità rilasciando solamente acqua. L’idrogeno non genera alcun inquinamento al punto di utilizzo: zero gas a effetto serra, zero particolato, zero rumore. L’idrogeno risponde concretamente alle sfide poste dalla mobilità sostenibile e dall’inquinamento nelle aree urbane.

Air Liquide è il leader mondiale dei gas, delle tecnologie e dei servizi per l’Industria e la Sanità. Presente in 80 paesi con circa 65.000 collaboratori, il Gruppo serve oltre 3,5 milioni di clienti e di pazienti. Ossigeno, azoto e idrogeno sono piccole molecole essenziali per la vita, la materia e l’energia. Esse incarnano il contesto scientifico di Air Liquide e sono al cuore dell’attività del Gruppo, fin dalla sua creazione nel 1902.
L’ambizione di Air Liquide è di essere il leader nel suo settore, di conseguire performance di lungo termine e di contribuire a un mondo più sostenibile. La sua strategia di trasformazione centrata sul cliente mira ad una crescita redditizia nel lungo periodo. Essa poggia sull’eccellenza operativa e la qualità degli investimenti, sull’innovazione aperta e l’organizzazione in network messa in campo dal Gruppo su scala mondiale.
Grazie all’impegno e all’inventiva dei suoi collaboratori per rispondere alle sfide del cambiamento energetico e ambientale, della sanità e della digitalizzazione, Air Liquide crea ancora più valore per l’insieme dei suoi stakeholders.
Il fatturato di Air Liquide ha raggiunto i 20,3 miliardi di euro nel 2017. Le sue soluzioni per proteggere la vita e l’ambiente rappresentano oltre il 40% delle vendite. Air Liquide è quotata alla Borsa Euronext di Parigi (compartimento A) ed è membro del CAC 40, di EURO STOXX 50 e FTSE4Good.

www.airliquide.com

www.hydrogenics.com

Biodiesel da biomassa per sostituire i combustibili fossili e produrre emissioni negative. Il Politecnico di Milano coordinatore del progetto CONVERGE

Il progetto CONVERGE ambisce a rendere il costo del biodiesel competitivo con i combustibili fossili aumentando l’utilizzo delle biomasse dallo 0.1% attuale. L’obiettivo di CONVERGE è quello disviluppare un nuovo processo che integri tecnologie innovative grazie alle quali l’efficienza di conversione della biomassa aumenti del 12% e i costi si riducano di oltre il 10%.

CONVERGE, finanziato con 5 milioni di euro all’interno del Programma Horizon 2020 della Commissione Europea, esplorerà l’utilizzo di biomassa residua come combustibile, facilitando l’uso di biomassa secondaria disponibile localmente.

CONVERGE propone l’utilizzo di cinque tecnologie innovative con l’ambizione di integrare i più moderni processi di gassificazione della biomassa secondaria, la conversione e la separazione dell’idrogeno e dell’anidride carbonica, e la purificazione e compressione dell’idrogeno per un processo più efficiente di produzione del metanolo precursore del biodiesel.

Contemporaneamente alla produzione di biodiesel, il processo CONVERGE prevede la cattura dell’anidride carbonica in eccesso al processo. Siccome il combustibile utilizzato nel processo è biomassa secondaria, la cattura dell’anidride carbonica consente di confinare la CO2 che era stata precedentemente prelevata dall’atmosfera dalle piante. Questo concetto è chiamato in inglese Bio Energy with Carbon Capture and Storage (BECCS). Il BECCS è indicato dal IPCC (Intergovernamental Panel on Climate Change delle Nazioni Unite) come una tecnologia necessaria per contenere l’aumento di temperatura media del pianeta conseguente all’aumento di concentrazione di anidride carbonica in atmosfera al di sotto di 1,5°C.

Per raggiungere l’ambizioso obiettivo, il consorzio riunisce due università, tre centri di ricerca e cinque aziende in tutta Europa. I partner rappresentano l’intera catena del valore dall’approvvigionamento di biomassa secondaria alla produzione di biodiesel. Il progetto è iniziato a novembre 2018 e terminerà nel 2022.

Del consorzio CONVERGE, coordinato dal Politecnico di Milano, fanno parte: TNO (Olanda), Kemijski Institut (Slovenia), Universitatea Babes Bolyai (Romania), Hyet Hydrogen (Olanda), Institutt for energiteknikk (Norvegia), Campa Iberia (Spagna), Biorecro (Svezia), Ca.Re. For Engineering (Italia) e Enviral (Slovacchia).

The CONVERGE project has received funding from the European Union’s Horizon 2020 research and innovation programme under grant agreement No 818135.

www.polimi.it

CO2 Capture and Storage (CCS) in meeting global climate targets. Climate targets can only be achieved by using all the tools we have at our disposal. CO2 Capture and Storage (CCS) can be used alongside and synergistically with renewables and energy efficiency, to rapidly reduce emissions.
CCS is also an enabler of negative emissions, i.e. taking CO2 out of the atmosphere.

The IPCC 1.5C report (2018) and the IEA Energy Technology Perspectives (ETP) (2017) indicate that meeting our climate targets without capturing and storing CO2 will be almost impossible. The Strategy for long-term EU greenhouse gas emissions reductions underlines the importance of CCS to achieving the net-zero emissions goal in Europe.
The latest IEA calculations also indicate that considering all the CO2 that will be emitted by existing/under construction power and industrial plants, our carbon budget for the Sustainable Development Scenario will be used up by 2040.
This leaves no headroom for new industrial plants or new infrastructure that requires steel and cement and does not include the increase in electricity production to meet growing energy needs, including for the almost 1 billion people globally who do not yet have access to electricity.

CCS supports a just transition and can bring significant value to national and global economies. CCS is a highly versatile technology that can be adapted to best fit the local conditions and meet the needs of the local economy and society.
CCS is the only viable mitigation option to deeply decarbonise the production of commodities such as cement, iron and steel that will likely remain irreplaceable for the global economic growth in the medium to long term including for the deployment of renewable energy technologies.
CCS on natural gas can also produce hydrogen, which provides a low-cost and large-scale solution for deep decarbonisation of harder-to-reach sectors such as heating, industry and transport, with minimal disruption to existing gas infrastructure.
CO2 storage is essential for Negative Emission Technologies (NETs) to be effective. Combining the conversion of sustainable biomass for products and/or energy and capturing and storing the associated CO2 in deep geological formations offers real and immediate opportunities to take CO2 out of the atmosphere. Moreover, storing CO2 from the use of sustainable biomass appears to be the only currently available technology capable of delivering large-scale negative emissions of CO2.
CCS is a proven technology with projects such as Sleipner (Norway) and Boundary Dam (Canada) already storing CO2. There are 23 large scale CCS projects worldwide in operation or under construction. These facilities can store over 40 Mt CO2 per year, captured from natural gas processing, power, fertiliser, steel-making, hydrogen-production, plastics and chemical plants (GCCSI 2018). These projects show that it takes time to develop a storage project from concept to reality and also offer valuable lessons to make the next generation of projects even more efficient and cost-effective.
Representatives from CO2GeoNet, the European Energy Research Alliance CCS Joint Programme, the Global CCS Institute, the UK Carbon Capture and Storage Association and the European Zero Emission Technology and Innovation Platform are working to raise awareness of the important role of CCS as a key emission reduction option.
It is important to act now in order to create the conditions for the widespread deployment of CCS, which is necessary to avoid CO2 levels rising above the Sustainable Development Scenario (1.7 – 1.8°C average temperature rise) or 2 Degrees Scenario from the IEA World Energy Outlook (2018) and IEA ETP (2017). Therefore we call for positive action by the Parties of the United Nations Framework Convention on Climate Change (UNFCCC).

CCS is already recognised as an environmentally sound technology by the Convention. It is critical that CCS development maintains momentum and support at the highest levels, including within the UNFCCC, so that CCS can be rolled out at commercial scale in a timely manner.

In order to achieve widespread deployment of CCS, we firmly recommend that the following positive actions are enacted:
1. Provide a clear message of long-term political support for CCS deployment by assessing and specifying the role for CCS in achieving national 2030 and 2050 emission targets (including NDCs);
2. Offer policy predictability and confidence by including CCS, where appropriate, in climate plans to give a clear message of long term support, enabling CCS project developers to make critical investment decisions;
3. Provide equal inclusion and support for CCS as a mitigation option alongside other low emission technologies;
4. Provide national support for projects that use international funding mechanisms (e.g. Green Climate Fund, CTCN, the World Bank and other international financial institutions);
5. Support the development of private-public partnerships to build a trust-based relationship between CCS project developers and the national government to help drive projects forward.

www.co2geonet.com

www.eera-set.eu

Politecnico Torino per professioni. Firmato l’accordo quadro tra l’Ateneo e il Consiglio nazionale dei Periti Industriali per percorsi di formazione universitaria e formazione continua.
Il Politecnico di Torino si è candidato a ospitare uno dei primi corsi in Italia che danno attuazione al D.M. n. 987/2016 che prevede la possibilità di istituire, in via sperimentale, nuovi percorsi di laurea ad orientamento professionale.

Le cosiddette «Lauree professionalizzanti», versione italiana delle Fachhochschule che hanno garantito alle aziende tedesche un bacino di giovani tecnici con elevata specializzazione e un grado di istruzione terziaria, cioè universitario.

Un primo passaggio per l’istituzione del nuovo percorso, che a Torino sarà incentrato sulla manifattura, è la sottoscrizione di un accordo tra l’Ateneo e il Consiglio Nazionale dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati, finalizzato a garantire un’offerta formativa più adeguata per i suoi 42mila iscritti e per coloro che si iscriveranno nei prossimi anni. I percorsi di laurea triennale – e in particolare il nuovo percorso di laurea professionalizzante – sono, infatti, una valida opportunità per gli studenti delle scuole superiori che per accedere alla professione di Perito Industriale Laureato dovranno dal 20121 conseguire un titolo universitario triennale.

Definita all’interno di un accordo quadro, della durata di 5 anni, firmato dal Guido Saracco, Rettore del Politecnico di Torino e Claudio Guasco, Presidente del Consiglio Nazionale dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati, la collaborazione si estenderà quindi a cinque aree tematiche: la formazione universitaria per gli iscritti all’Ordine; l’orientamento formativo, in modo da condurre iscritti e potenziali iscritti a scelte consapevoli dei percorsi di studio universitario; i tirocini formativi e professionali; la formazione continua obbligatoria dei Periti Industriali e, appunto, le nuove lauree ad orientamento professionale, che rispondano ai diversi profili professionali di interesse per gli iscritti.
Grazie alla convenzione con l’ordine dei Periti Industriali, poi, gli studenti avranno la possibilità di svolgere il tirocinio formativo annuo, previsto dal decreto sulle lauree professionalizzanti, presso uno studio di un professionista e si vedranno riconosciuti fino a 50 crediti formativi universitari. Il tirocinio sarà valido anche ai fini dell’iscrizione all’albo professionale dei periti industriali.

“Il raccordo con le realtà imprenditoriali e con il mondo delle professioni è fondamentale per la realizzazione dei nuovi percorsi formativi professionalizzanti nei quali il nostro Ateneo sta investendo molto per conseguire quell’impatto sulla società che riteniamo sia oggi la missione cardine degli Atenei – e di un’università tecnica come la nostra in particolare – e in questa direzione va l’accordo che abbiamo siglato con l’Ordine dei Periti Industriali”, commenta il Rettore del Politecnico Guido Saracco.

“È per noi motivo di grande orgoglio firmare questo accordo con una delle università più prestigiose del nostro Paese che si dedica alla diffusione di quella formazione tecnico-ingegneristica d’eccellenza, necessaria al futuro tecnico dell’ingegneria. Con questa convenzione, quindi, non solo rispondiamo all’ esigenza di preparare professionisti qualificati, ma cerchiamo anche di rafforzare quel legame indispensabile tra mondo della formazione e mondo del lavoro, consentendo così a professioni come la nostra, di supportare concretamente la parte del progetto formativo più orientata al sapere pratico, conclude il Presidente del Consiglio Nazionale dei Periti Industriali Claudio Guasco.

www.polito.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi