Author: enrico

0

Referenze attività SmartEfficiency. Grazie al nostro Gruppo di Lavoro, contribuiamo a rendere più efficienti le imprese nostre clienti, coordinando fornitori affidabili, sempre all’avanguardia dell’innovazione in tutta la gamma delle tecnologie, assicurando il migliore rapporto qualità/prezzo.
La caratteristica più preziosa di Smart Efficiency è generare innovazione facendo risparmiare la finanza.
 (altro…)

IKN valorizza manager di talento: Retail Food Energy ha concluso l’edizione 2018 generando valore in tutti i partecipanti, sempre più numerosi. Organizzare eventi di successo oggi è sempre più impegnativo, perchè il tempo a disposizione dei manager è sempre meno ed il suo valore deve essere seriamente ricambiato, comunicando nuove conoscenze professionali e personali.

 (altro…)

Connected Mobility Forum 2018. “Le auto che verranno saranno sempre più simili a smartphone su 4 ruote”, ha dichiarato nel 2014 Martin Winterkom: una profezia azzeccata. Le macchine del futuro saranno infatti elettriche, autonome, connesse e condivise: avranno il potenziale per trasformare la Mobility e aumentare la Safety delle persone, con notevoli benefici a livello sociale, industriale, economico e ambientale.

 (altro…)

Ecomondo and Key Energy 2018: two top events held simultaneously new approaches for the circular economy and renewable energies. On one hand, a big boost in the packaging, textile-fashion, building and automotive chains. On the other, a focus on renewable energies with a great accent on wind, photovoltaic and storage systems.
With the expos organized by Italian Exhibition Group there is also the Circular Smart City project
Circular economy on one hand and the development of energies renewable on he other: the great changes under way in the green economy universe, with an increasingly international business approach, will be featured at the key showcases of Ecomondo and Key Energy which Italian Exhibition Group is organizing at Rimini Expo Centre from 6th to 9th November. At the 22nd edition of Ecomondo the core will be the circular economy, which up until a few years ago was only theoretic and now, thanks to the enactment of regulations and financing able to power it, is a practice under way in the most developed industrial nations. The 12th edition of Key Energy confirms its role as a business catalyser and driving force for all the increasingly strategic sectors of renewable energies and energy efficiency.

Two top events held simultaneously which will occupy 129,000 square metres of exhibit space ready to host over 1,300 companies, with a participation that last year rose to 116,000 attendees and over 90,000 qualified buyers.

As well as the expo proposal, there will also be more than 200 events, meetings and seminars with a focus on the latest most stringent topics, to implement in both the circular economy and renewable energies the new challenges, Italian and European regulations (from the European package on Circular Economy, to the European Strategy on Plastics), avant-garde case histories, good practices, and a special focus on SEN, Strategia Energetica Nazionale (National Energy Strategy), with its various aspects.

All thanks to the support of very high profile scientific committees, chaired by Prof. Fabio Fava (Ecomondo) and engineer Gianni Silvestrini (Key Energy), two top experts in their respective disciplines in Italy and abroad. And in close collaboration with the main associations representing the entire Italian and European industrial universe (list attached). The flagship events will outline the trends in the various industrial sectors, with strategic events on Marine Litter, remediation of industrial sites and upgrading of areas, with a strategic and applicative viewpoint, for an estimated audience of over 20,000 people, identified among the industry members taking part in Ecomondo and Key Energy.

A useful program for anticipating and favouring processes, in close collaboration with the key players of the various sectors: from that of waste recovery and exploitation to that of the bioeconomy, renewable energies and energy efficiency, passing through urban upgrading and smart cities. With a horizon that has become indispensable: Ecodesign. In other words, redesigning production, social and economic systems in with an ecological accent.

ECOMONDO
At Ecomondo, the platform par excellence of the complete waste cycle (a sector that in Europe has an overall turnover of 155 billion euros), the focus will be on Bioeconomy, with industrial excellences, the latest in new material, biorefineries and bio methane.
An innovative expo project will highlight the manufacturing and service enterprises that have made Ecodesign their new ´mantra.´ There will be in-depth coverage of new approaches for putting the circular economy model into effect in the packaging, textile-fashion, building and automotive chains.
The recent European strategy on plastic will be a reference point in once more highlighting an issue that was also discussed at the 2017 edition. Plus Global Water Expo, with the most important enterprises operating at European level in the management and exploitation of water resources. More space will be dedicated to soil remediation and sediments, upgrading of sites and port areas.
Other issues on the agenda: prevention and management of hydrogeological risks, treatment and purification of indoor and outdoor air, monitoring emissions and gaseous effluents.
Following the opening of Ecomondo, the appointment with the States General of the Green Economy, promoted by Consiglio generale della Green Economy (general council of green economy).

KEY ENERGY
Thirteen years after the Protocol of Kyoto came into force, with the agreement of Paris for use as a compass for the policies for the reduction of the CO2 emissions and the objectives set by the European Parliament to reach the carbon flow neutrality by 2050, a highly challenging context the forms the ´backdrop´ for Key Energy, the leading fair for renewable energies in the Mediterranean area.
In Italy, to achieve the 2030 objectives foreseen by the National Energy Strategy, which imply renewable energy providing 57% of overall electricity production, over twice the amount of wind energy will be required and triple that of photovoltaic energy.
The close attention focussed on Solar energy and energy storage will once again be featured at
this year´s edition of Key Energy, following the 2017 launch of the Key Solar e Key Storage sections, with the fundamental support of the key associations (Federazione Anie Rinnovabili, Italia Solare). With Key Efficiency space will once more be dedicated to technology, systems and solution for intelligent use of resources, thanks also to the contribution of the ENEA. On the other hand, the agreement with the ANEV continues to strengthen the proposal of Key Wind, whose key players are major industry member and manufacturers of technology for large, medium and small onshore and off-shore wind energy plants, and all the companies of the wind energy chain.

SUSTAINABLE CITIES: CIRCULAR SMART CITIES
Urban innovation, Mobility innovation and Digital innovation will be the key points around which the Sustainable City process will be constructed, a special project addressing public administrations, technicians and service enterprises involved in the planning and realization of Smart Cities, the cities of the near future and with already solid virtuous experiences, which the fair halls will feature.
Focuses include zero-emission sustainable public transport, with the complete range of green technologies dedicated to urban intermodal mobility, urban upgrading, services, car sharing, bike sharing and fleet management.

ECOMONDO E KEY ENERGY: DUE EVENTI TOP IN CONTEMPORANEA NUOVI APPROCCI PER L´ECONOMIA CIRCOLARE E LE ENERGIE RINNOVABILI

Da una parte, forte spinta nelle filiere packaging, tessile-moda, edilizia ed automotive. Dall´altra, focus sulle energie rinnovabili con grande rilevanza ad eolico, fotovoltaico e sistemi di accumulo.Con le manifestazioni organizzate da Italian Exhibition Group anche il progetto Circular Smart City.Fiera di Rimini, 6-9 novembre 2018

Economia circolare da un alto e sviluppo delle energie rinnovabili dall´altro: i grandi cambiamenti in atto nella galassia dell´economia green, con un approccio sempre più internazionale e di business, saranno celebrati sui palcoscenici di riferimento di Ecomondo e Key Energy che Italian Exhibition Group organizza alla Fiera di Rimini dal 6 al 9 novembre prossimi. Alla 22a edizione di Ecomondo il fulcro sarà l´economia circolare, fino a qualche anno fa solo teorizzata e oggi, grazie all´attuazione di normative e finanziamenti utili ad alimentarla, prassi in atto nei Paesi industriali più sviluppati. La 12° edizione di Key Energy si conferma catalizzatore e propulsore di business per tutti i settori, sempre più strategici, delle energie rinnovabili e dell´efficienza energetica.

Due eventi top in contemporanea che si svilupperanno su 129.000 i metri quadri di superficie espositiva pronti ad ospitare oltre 1.300 imprese, con una partecipazione che lo scorso anno salì a 116.000 presenze, oltre 90.000 buyer qualificati.

Alla proposta dell´esposizione si aggiungono più di 200 tra eventi, incontri e seminari con al centro i più stringenti temi d´attualità, per mettere sul doppio binario della circular economy e delle energie rinnovabili le nuove sfide, le normative italiane ed europee (dal pacchetto europeo sulla Circular Economy, alla Strategia Europea sulle Plastiche), le case history all´avanguardia, le buone pratiche, e un focus speciale sulla SEN, Strategia Energetica Nazionale, con le sue declinazioni.

Tutto, grazie al supporto di comitati scientifici d´altissimo profilo, presieduti dal Prof. Fabio Fava (Ecomondo) e dall´Ing. Gianni Silvestrini (Key Energy), tra i massimi esperti nelle rispettive discipline in Italia e all´estero. E in stretta collaborazione con le principali associazioni rappresentative dell´intera galassia industriale nazionale e in Europa (elenco in allegato, ndr). Gli eventi faro disegneranno le tendenze nei vari settori industriali, con eventi strategici su Marin Litter, bonifiche dei siti industriali e rigenerazione dei territori, in un´ottica strategica e applicativa, per una platea stimata in oltre 20.000 persone, individuata tra gli operatori che parteciperanno a Ecomondo e Key Energy.

Un programma utile ad anticipare e favorire i processi, in stretto dialogo con i protagonisti dei vari settori: da quello del recupero e valorizzazione dei rifiuti alla filiera della bioeconomia, delle energie rinnovabili e dell´efficientamento energetico, passando dalla rigenerazione urbana e dalle smart cities. Con un orizzonte divenuto imprescindibile: l´Ecodesign. Ovvero, riprogettazione in chiave eco dei sistemi produttivi, sociali ed economici.

ECOMONDO
Ad Ecomondo, piattaforma per eccellenza del ciclo completo del rifiuto (settore che in Europa genera un fatturato complessivo di 155 miliardi di euro), focus sulla Bioeconomia, con le eccellenze industriali, le novità in fatto di new material, bioraffinerie, bio metano. Un innovativo progetto espositivo esalterà le imprese della manifattura e servizi che hanno fatto dell´Ecodesign il nuovo mantra. Saranno approfonditi i nuovi approcci per attuare il modello di economia circolare nelle filiere packaging, tessile-moda, edilizia, automotive.
La recente strategia europea sulla plastica sarà punto di riferimento nel riproporre un tema dibattuto anche nell´edizione 2017. Inoltre, Global Water Expo con le imprese più interessanti che operano a livello europeo nella gestione e valorizzazione della risorsa idrica. Crescerà lo spazio dedicato alla bonifica di suoli e sedimenti, alla riqualificazione di siti e aree portuali.
Altri temi in agenda: prevenzione e gestione del rischio idrogeologico, trattamento e purificazione dell´aria indoor e outdoor, monitoraggio di emissioni ed effluenti gassosi.
In apertura di Ecomondo, appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, promossi dal Consiglio generale della Green Economy.

KEY ENERGY
A tredici anni dall´entrata in vigore del Protocollo di Kyoto, con l´accordo di Parigi a fare da bussola alle politiche di riduzione delle emissioni di CO2 e gli obiettivi posti dal Parlamento europeo di raggiungere la neutralità dei flussi di carbonio al 2050, è un contesto altamente sfidante a fare da riferimento a Key Energy, fiera delle energie rinnovabili per l´area del Mediterraneo.
In Italia, per raggiungere gli obiettivi al 2030 previsti dalla Strategia Energetica Nazionale, e che implicano un contributo delle rinnovabili pari al 57% della produzione elettrica, occorrerà una produzione più che raddoppiata per l´eolico e triplicata per il fotovoltaico.
La forte attenzione al Solare e accumulo sarà riproposta nell´edizione di quest´anno di Key Energy, dopo il lancio nel 2017 delle sezioni Key Solar e Key Storage, con il fondamentale apporto delle associazioni di riferimento (Federazione Anie, Italia Solare). Con Key Efficiency si tornerà a dare spazio alle tecnologie, ai sistemi e le soluzioni per un uso intelligente delle risorse, grazie anche all´apporto di ENEA. L´accordo con ANEV continua a dare forza invece alla proposta di Key Wind, che vede protagonisti i principali operatori e produttori di tecnologie per impianti eolici di grande, media e piccola taglia, onshore e off-shore, e tutte le aziende della filiera eolica.

LA CITTA´ SOSTENIBILE: CIRCULAR SMART CITY
Urban innovation, Mobility innovation e Digital innovation saranno i punti cardinali intorno ai quali sarà costruito il percorso della Città Sostenibile, progetto speciale rivolto alle pubbliche amministrazioni, ai tecnici e alle imprese dei servizi, coinvolti nella pianificazione e realizzazione delle Smart Cities, le città di un futuro ormai prossimo e con esperienze virtuose già solide e che i padiglioni proporranno.
Tra i focus, quello sul trasporto pubblico ad emissioni zero e sostenibile, con l´offerta completa delle tecnologie green dedicate alla mobilità urbana intermodale, alla rigenerazione urbana, i servizi, car sharing, bike sharing e fleet management.

www.ecomondo.com

Retail Food Energy Agenda. Inspiring Energy Manager dalla progettualità alla manutenzione degli Impianti. Dalla progettualità alla manutenzione degli impianti: come differenziare l’Experience e garantire Confort al cliente.
 (altro…)

0

Master per manager Industria 4.0. Prima edizione del Master Hierarchical Open Manufacturing per Industria 4.0 per formare professionisti con competenze tecniche e capacità manageriali in grado di affrontare le nuove sfide del settore manifatturiero

Nel mondo del lavoro moderno, i professionisti con elevate competenze tecniche non possono sottrarsi a svolgere funzioni manageriali sempre più complesse e strategiche per la competitività dell’azienda. Sono necessarie figure “smart” che dispongano di un ventaglio di competenze per affrontare al meglio le nuove sfide dell’Industria 4.0 e diminuire il gap tra il “manager” e il “tecnico”.

Per formare professionisti al passo con i tempi nasce, in collaborazione con l’Università di Torino, il Master di 1° livello Hierarchical Open Manufacturing per Industria 4.0 del Politecnico di Torino: un percorso biennale per guidare le risorse alle competenze tecnologiche, gestionali e collaborative necessarie all’Industria 4.0.

La partecipazione al master è gratuita ed è rivolta ai laureati triennali e magistrali nelle classi dell’Ingegneria civile, industriale e dell’informazione ed ai laureati in Scienze (nel bando sono indicati i requisiti esatti per l’ammissione) previa assunzione dalle aziende con un contratto di alto apprendistato.

Il Master è finalizzato infatti alla formazione delle figure professionali necessarie al progetto HOME – Hierarchical Open Manufacturing Europe, nell’ambito del Bando Regionale Fabbrica Intelligente.

La partnership di HOME è composta da: Agrindustria Tecco S.R.L., Aisico S.R.L., Elbi International S.P.A., Eurodies Italia S.R.L., Fidia S.P.A., Galeasso S.R.L., Mar-Gom S.R.L., Mec S.R.L., Mect S.R.L., Nanchino Automazioni Industriali S.R.L., Plm Systems S.R.L., S.I. Engineering S.R.L., Sistemi Sospensioni S.P.A. (Gruppo Magneti Marelli), Synarea Consultants S.R.L., Tecnikabel S.P.A..

Roberto Cazzola C.E.O. di Elbi International SpA, capofila del progetto Home, fa una breve analisi: “Le fabbriche stanno cambiando. Sono sempre più digitali e interconnesse. L’Industria 4.0 non è solo l’introduzione di una nuova tecnologia, ma un cambiamento culturale radicale che rivoluzionerà profondamente il modello di business aziendale. Il progresso, in termini di Industria 4.0, sarà guidato da un ambiente smart e interconnesso che avrà un effetto dirompente sulle aziende di tutti i settori. Lo scenario è in rapida evoluzione, bisogna attrezzarsi per cogliere i benefici dello Smart Manufacturing, che richiede quindi anche un nuovo modello di formazione. Il Master collegato al progetto Home, che cerca di rispondere a tutti questi cambiamenti, rappresenta una grossa opportunità per i giovani che vogliono entrare nel mondo del lavoro da protagonisti e partecipare all’evoluzione a cui si assiste nella manifattura.”

Dario Antonelli, Coordinatore del Master conferma: “Industria 4.0 non è tanto un insieme di tecnologie abilitanti, quanto un diverso modo di ripensare il ruolo delle macchine e dei lavoratori con una integrazione sia orizzontale, tra le diverse aree della fabbrica, che verticale, tra i diversi livelli decisionali dell’azienda. La disponibilità in tempo reale di una quantità un tempo impensabile di informazioni su tutti gli aspetti della vita aziendale richiederà la capacità di comprendere ed utilizzare tali informazioni e costituirà una sfida appassionante per chi vorrà far fruttare al meglio le possibilità offerte da una formazione trasversale su tutte le dimensioni della rivoluzione digitale.”

“Fare innovazione è uno state of mind, anche nella vita di tutti i giorni. Il Master vuole essere per i ragazzi un esempio su come anticipare il futuro e non esserne un follower”, dichiara Luca Sarli, referente per le aziende nel Master.

informazioni

Aggregatori FV e Prosumer: seminario di ITALIA SOLARE. Energy citizens, comunità energetiche, prosumer e aggregatori rappresentano i modelli a cui tende il processo di transizione energetica e rappresentano una grande opportunità sia per gli operatori, sia per i consumatori.
A livello europeo stanno nascendo casi interessanti che possono essere presi come best practice di riferimento per l’Italia.

Di questo si parlerà nel seminario “Modelli di prosumer e aggregatori FV: esempi e legislazione in Italia e in Europa”, organizzato da ITALIA SOLARE e Ambiente Italia nell’ambito del progetto europeo PV4Grid.

Grazie al Clean Energy Package della Commissione Europea e alla Strategia Energetica Nazionale che aprono ai prosumer e agli aggregatori, gli operatori del settore hanno puntato l’attenzione su regole di mercato e soluzioni tecnologiche più adatte alla transizione energetica verso un modello basato sulla generazione distribuita da fonti rinnovabili. Transizione che vede il modello “sharing” e le tecnologie digitali gli attori principali di questo processo.

“Il contesto regolatorio europeo e nazionale stanno finalmente aprendo a nuovi scenari, condizione fondamentale per lo sviluppo di un sistema energetico che prevede un profondo cambiamento di ruoli e di approccio tecnologico. Sarà una rivoluzione a cui ci dobbiamo preparare. Analizzare le esperienze già in essere e confrontarsi con operatori e stakeholder è il primo passo di questo percorso”, ha detto Paolo Rocco Viscontini, Presidente di ITALIA SOLARE.

Durante il convegno saranno confrontare le esperienze europee in materia di prosumer e aggregatori fotovoltaici in modo da fornire ai partecipanti informazioni esclusive per prepararsi in maniera adeguata al futuro (prossimo) che verrà. Saranno analizzati anche gli aspetti legali e regolatori connessi, oltre al ruolo dei trader di energia.

“Anche se ancora solo parzialmente, diversi Paesi europei, come Austria, Francia e Germania, hanno introdotto nella loro legislazione la possibilità dell’autoconsumo collettivo aprendo così la strada anche al cosiddetto ‘condominio elettrico’. È fondamentale condividere queste esperienze e cercare, dopo averle adattate alle specificità del caso, di introdurle anche nella nostra normativa nazionale”, commenta Riccardo Battisti, di Ambiente Italia e referente del progetto ‘PV-Prosumers4Grid’.

8 maggio, ore 09,30 – 13,00 – Hotel Diana – Via Principe Amedeo 4 – Roma

www.italiasolare.eu/aggregatori-fv-prosumer

0

Squeezing Fossil Fuels Costs. Coal and gas are facing a mounting threat to their position in the world’s electricity generation mix, as a result of the spectacular reductions in cost not just for wind and solar technologies, but also for batteries – according to research from Bloomberg New Energy Finance (BNEF).

BNEF’s latest report on the levelized costs of electricity, or LCOE, for all the leading technologies finds that fossil fuel power is facing an unprecedented challenge in all three roles it performs in the energy mix – the supply of ‘bulk generation,’ the supply of ‘dispatchable generation,’ and the provision of ‘flexibility.’

In bulk generation, the threat comes from wind and solar photovoltaics, both of which have reduced their LCOEs further in the last year, thanks to falling capital costs, improving efficiency and the spread of competitive auctions around the world.

In dispatchable power – the ability to respond to grid requests to ramp electricity generation up or down at any time of day – the challenge to new coal and gas is coming from the pairing of battery storage with wind and solar, enabling the latter two ‘variable’ sources to smooth output, and if necessary, shift the timing of supply.

In flexibility – the ability to switch on and off in response to grid electricity shortfalls and surpluses over periods of hours – stand-alone batteries are increasingly cost-effective and are starting to compete on price with open-cycle gas plants, and with other options such as pumped hydro.

Elena Giannakopoulou, head of energy economics at BNEF, said: “Our team has looked closely at the impact of the 79% decrease seen in lithium-ion battery costs since 2010 on the economics of this storage technology in different parts of the electricity system. The conclusions are chilling for the fossil fuel sector.

“Some existing coal and gas power stations, with sunk capital costs, will continue to have a role for many years, doing a combination of bulk generation and balancing, as wind and solar penetration increase. But the economic case for building new coal and gas capacity is crumbling, as batteries start to encroach on the flexibility and peaking revenues enjoyed by fossil fuel plants.”

BNEF calculates LCOEs for each technology, taking into account everything from equipment, construction and financing costs to operating and maintenance expenses and average running hours. It found that in the first half of 2018, the benchmark global LCOE for onshore wind is $55 per megawatt-hour, down 18% from the first six months of last year, while the equivalent for solar PV without tracking systems is $70 per MWh, also down 18%.[1] Offshore wind’s LCOE is $118 per MWh in 1H 2018, down 5%.

BNEF’s analysis showed particularly low levelized costs of electricity for onshore wind in India, Brazil, Sweden and Australia, and particularly low levelized costs of electricity for photovoltaics in Chile, India, Australia and Jordan.

Taking India as an example, BNEF is now showing benchmark LCOEs for onshore wind of just $39 per MWh, down 46% on a year ago, and for solar PV at $41, down 45%. By comparison, coal comes in at $68 per MWh, and combined-cycle gas at $93. Wind-plus-battery and solar-plus-battery systems in India have wide cost ranges, of $34-208 per MWh and $47-308 per MWh respectively, depending on project characteristics, but the center of those ranges is falling fast.

Seb Henbest, head of Europe, Middle East and Africa for BNEF, said: “Competitive auctions for new renewable energy capacity have forced developers, equipment providers and financiers to bear down on all the different costs of establishing wind and solar projects.

“Thanks to this and to progressively more efficient technology, we are seeing record-low prices being set for wind and solar, and then those records being broken again and again on a regular basis. This is having a powerful effect – it is changing perceptions.”

BNEF has been analyzing the numbers on levelized costs of electricity for the different technologies since 2009, based on its database of project financings and work by its analyst teams on the cost dynamics in different sectors.

In that nine-year period, the global benchmark LCOE for solar PV without tracking has tumbled by 77%, and that for onshore wind by 38%. LCOEs for older established sources, such as coal, gas, nuclear and large hydro, have seen only very modest reductions, at best, in that time – and in some countries, they have actually increased. BNEF’s lithium-ion battery price index shows a fall from $1,000 per kWh in 2010 to $209 per kWh in 2017.

ABOUT BLOOMBERG NEW ENERGY FINANCE
Bloomberg New Energy Finance (BNEF) is an industry research firm focused on helping energy professionals generate opportunities. With a team of 200 experts spread across six continents, BNEF provides independent analysis and insight, enabling decision-makers to navigate change in an evolving energy economy.
Leveraging the most sophisticated new energy data sets in the world, BNEF synthesizes proprietary data into astute narratives that frame the financial, economic and policy implications of emerging energy technologies.
Bloomberg New Energy Finance is powered by Bloomberg’s global network of 19,000 employees in 176 locations, reporting 5,000 news stories a day.

https://about.bnef.com

0

Uptown: carshaing di comunità primo in Europa. I residenti dello Smart District in costruzione a Cascina Merlata avranno macchine elettriche condivise sotto casa in uso esclusivo. Il progetto voluto da Euromilano e Share’ngo è stato presentato a INHABITS, nell’ambito del Fuori Salone. Indica una strada nuova in Europa nel disegno delle smart cities e invita urbanisti e sviluppatori immobiliari ad un impegno nuovo a favore della mobilità sostenibile.

UPTOWN sarà il primo insediamento residenziale carbon free in Europa con un servizio privato di car sharing riservato ai residenti che avranno a disposizione una flotta di auto elettriche a loro riservate, un sistema di prenotazione integrato nelle APP di Uptown e minuti acquistabili in abbonamento mensile in relazione alle necessità della propria famiglia.
L’auto elettrica sarà il nuovo modello D2 di Share’ngo, che offre tutto quello di cui avranno bisogno i residenti ad Uptown per muoversi in città: 2 posti, velocità fino a 80Km/h, autonomia estesa a 180Km, guida brillante e facilità di uso con ingresso libero in Area C, parcheggio gratuito su strisce gialle e blu ovunque in città. Il servizio di car sharing privato di Uptown costerà solo 10 centesimi al minuto con un abbonamento minimo di 60 minuti al mese ed altri 60 minuti in omaggio.

COME FUNZIONERA’
Con un prezzo del servizio di 10 c/minuto (meno della metà di quello dei car sharing a flusso libero), l’auto elettrica condivisa di comunità è una scelta intelligente e decisamente conveniente rispetto a un’auto privata. Per il primo anno i residenti di Uptown che acquisteranno una quota in abbonamento da almeno 60 minuti al mese ne avranno altri 60 in omaggio con la possibilità di aumentare o ridurre il proprio monte-minuti nel tempo a seconda delle proprie esigenze. Ogni 100 quote da 60 minuti sottoscritte dai residenti di Uptown Euromilano, Share’ngo metterà in strada una vettura dotata di una APP integrata a quella di Uptown in una delle 3 stazioni di parcheggio e ricarica previste neI nuovo insediamento residenziale. ll servizio sarà attivo con i primi ingressi ad Uptwon South (primavera-estate 2019) ma una demo-car con stazione di ricarica propria sarà disponibile già da metà maggio di quest’anno per chiunque visiterà Uptown a Cascina Merlata.

A regime il servizio WESHARE’NGO prevede:
– macchine disponibili in relazioni alla domanda del servizio (sono prevedibili da 25 a 40 auto)
– gestione completa delle prenotazioni, del noleggio e dell’abbonamento tramite smartphone attraverso la App di UpTown;
– possibilità di scambiarsi i minuti a disposizione tra abitanti/condomini;
– possibilità di prenotare l’auto anche per un giorno intero e a qualsiasi ora della settimana ( a calendario);

In più a tutti gli utenti del servizio sarà offerta anche la registrazione gratuita a SHARE’NGO, il servizio di car sharing elettrico a flusso libero con altre 800 auto a disposizione in città.

«La nostra mission di diffondere la rivoluzione silenziosa della mobilità elettrica e condivisa ci ha convinto ad investire in un progetto importante e ambizioso come questo», ha dichiarato Pierpaolo Turco, Direttore Commerciale di CS Group/Share’ngo. «Un progetto destinato a cambiare la forma mentis, le priorità e il modo di pensare di chi immagina, progetta e realizza l’urban re-development su larga scala, come fa con una vocazione all’eccellenza Euromilano. Onoriamo questa partnership mettendo a disposizione di Uptown nella fase di start up le nuove auto D2 , la city car elettrica oggi tra le più vendute al mondo. Una vettura brillante, facile da guidare ed elegante, tecnologicamente evoluta e oggi disponibile con autonomia fino a 180 km, il cui DNA resta fondamentalmente italiano con una netta evoluzione tecnica e di design che la rende l’urban car a impatto ambientale zero ideale per il car sharing di comunità attento alla qualità della vita’’.

“Le persone sono al centro della nostra visione della smart city e garantire un’alta qualità della vita ai futuri residenti di UpTown è la nostra mission” – è il pensiero di Attilio Di Cunto, AD di EuroMilano. “Per fare questo abbiamo scelto i partner migliori che fossero disponibili a condividere un percorso incentrato sulla qualità e sull’innovazione nel campo dei servizi. Share’nGo è uno di questi, orientato come EuroMilano a una forte impronta ecosostenibile. Tutto il nuovo smart district di UpTown è a emissioni zero e no gas e la scelta di offrire ai residenti la possibilità di un esperimento mai tentato prima in Italia – il car sharing di comunità – ci rende orgogliosi e sicuri di essere sulla strada giusta. Le macchine avranno una livrea facilmente riconoscibile, che si richiama alla collaborazione fra UpTown e Wesharen’Go, e porteranno la nostra visione del futuro per le strade di Milano”.

www.euromilano.it

www.sharengo.it

Eco Waste Management a Retail & Food Energy 2018, un momento di networking dinamico, pensato per favorire il confronto. Dalla progettualità alla manutenzione degli impianti: come differenziare l’Experience e garantire Confort al cliente.

– Ottenere agevolazioni e gestire gli investimenti nel rispetto della nuova riforma tariffaria
– Contenere i costi della bolletta con le nuove soluzioni di refrigerazione, climatizzazione e riscaldamento
– Migliorare le Performance del PdV e garantire il Comfort nei nuovi Experience Store con la collaborazione dell’Ufficio Commerciale
– Contribuire alla CSR della tua Azienda: trasformare l’obbligo del Bilancio di Sostenibilità in una leva competitiva
La Customer Experience in Store sta subendo una trasformazione radicale: il Cliente è al centro delle attività del Retail e la Direzione Tecnica diventa il volano per garantire confort del Punto di Vendita.

Tavoli interattivi
Eco Waste Management, Climatizzazione & Smart Grid
Suddivisi in 3 tavoli tematici e guidati da un moderatore i partecipanti verranno guidati ad approfondire le soluzioni di diversi case study e dibatteranno sulle possibili tecniche innovative adottate: nella gestione di raccolta e smaltimento rifiuti, nelle attività di climatizzazione per migliorare la qualità ambientale e nell’implementazione di strategie e soluzioni volte allo sviluppo di reti intelligenti e smart grid.

Al termine del dibattito i moderatori riporteranno alla platea i focus emersi nei singoli tavoli.

Tavolo 1:
Sostenibilità Ambientale ed Energia nella gestione e smaltimento rifiuti

Giovanni Slavazza – Direttore Operativo Tigros
Luca Casolo – Energy Manager Mondo Convenienza

Tavolo 2:
Comfort e Risparmio Energetico: tecnologie per la climatizzazione e riscaldamento

Andrea Lorenzi – Chief Engineering e Security Manager Park Haytt

Tavolo 3:
Smart Grid e Reti Intelligenti garantire ambienti confortevoli e funzionali in linea con le politiche del brand e con impianti e strutture

Alfio Fontana – Energy Manager – Responsabile Acquisti Energia e Manutenzione Carrefour Italia
Jorge Vaca Gomez – Energy Manager Novacoop
Mario Cherubini – Senior Energy Data Analyst RFI Rete Ferroviaria Italiana

www.retailenergy.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi