Category: Eventi – Fiere

Energia a It’s All Efficiency. Si è tenuta l’edizione 2022 di It’s All Energy Efficiency, con Enrico Rainero moderatore nelle 4 sessioni, suddivise secondo i settori: Pubblica Amministrazione, Retail, Hospital, Industry.
Le testimonianze delle attività “sul campo” dei responsabili energy delle aziende sono sempre preziosissime, specialmente nei momenti in cui prendere le decisioni ed attuarle è sempre più difficile.

 (altro…)

ProcureCon Supply Chain Resilience. People who may not have even previously heard the term, although were probably unconsciously familiar with the concept, now have a greater understanding of how critical these networks are to modern society.

Even now when the worst days of the pandemic are fading into memory, other emerging global crises are compounding its fallout such as the Russian invasion of Ukraine. With no end to that conflict in sight, we need solutions to our supply chain woes today.

We need to increase the resilience of our supply chains, so the impact of any future crises is reduced as much as is possible.

Transparency
According to research by McKinsey, the number one factor companies need to focus on to make supply chains more resilient in the future is transparency. Greater transparency leads to an improved ability to respond to situations as they emerge.

80% of people surveyed in McKinsey’s research said the key to unlocking increased transparency in supply chains was to improve and invest in digital planning.

“The holy grail of supply-chain risk management is multitier transparency,” said McKinsey’s Knut Alicke. “A lot of companies have visibility into their direct suppliers because they have a contract with them. Often the problem is not with the first tier but with the first, fourth, and fifth tiers. And what everyone is now looking into is how to create this visibility when something is going wrong and have an early-warning system so they can do something about it. From a tech perspective, this is possible to solve today. You also need to create trust amongst the partners, and the ecosystem of the supply chain.”

Inventory and Planning
Before the pandemic, it was common for supply chain planning meetings to occur just monthly or even quarterly, but this will no longer do in the new normal in which we find ourselves.

Biweekly or even weekly planning cycles should now become standard operating procedure. This means inventory footprint can constantly be assessed and reassessed to ensure business critical items do not run out during crucial moments – or indeed global crises. Employing multisourcing and dual sourcing will make an organisation less reliant on critical suppliers and allow inventory levels to be kept in a state where just in time supply chain practices are less important than they once were

“Things can then die in inventory, and that’s not really helping your cash flow,” continued Alicke. “So, you need to increase the inventory for the critical stuff, and you need to make sure that you are less dependent on critical suppliers. Therefore, multisourcing and dual sourcing is very important. To do that, you need to invest in digital talent to be able to do the planning, understand all of the algorithms, and with this, come to a fast decision.”

Final Thoughts
Supply chain resilience is going to be critical moving forwards. By increasing transparency and investing in digital planning, businesses can better manage inventory and become more agile when it comes to responding to emerging crises in the future.

PROCURECON EUROPE
The Flagship Procurement Event to Benchmark Your Strategy with the World’s BIGGEST Companies.
Be a Business Person in Procurement, Not a Procurement Person in the Business!
After two years of virtual learning and networking, it’s time to unite the industry in person again.

More than ever, procurement executives are driving the commercial stability of their organisations.
Balancing digital innovations and sustainable initiatives against a backdrop of global instability and spiraling prices isn’t easy, but you’ve got this.

With inspirational keynotes, small-group interactive learning, fun networking events and hundreds of peers to connect with, we can’t wait to welcome you back to ProcureCon.

Only here will you discover how procurement leaders from Europe’s largest companies are:
– Innovating with suppliers to increase commercial opportunities
– Shoring up supply chains to ensure continuity of production
– Embedding sustainability at the core of what they do to drive permanent change

The Fun Stuff
Learn, network and have fun doing it! Join us in our drinks receptions at the end of days one and two. Enjoy cocktails & refreshments while networking with your industry colleagues but also making new connections.

4 Reasons Why ProcureCon Is the Leading Procurement Conference
1- No other event brings together so many CPOs and heads of procurement – open to all with no subscription constraints – allowing you to benchmark your procurement strategies with those ahead of the curve.
2- No other event unites so many leaders from the entire procurement community – turning Barcelona into the ultimate procurement networking hub
3- No other event offers a procurement focused agenda split across 3 comprehensive days. Built on 63 research interviews to ensure all your purchasing challenges and opportunities are addressed.
4- No other event gives you the biggest and best procurement focused speaker faculty in the business, featuring 60+ procurement leaders to ensure you walk away with practical insights from those leading the way.

27-29 September 2022 – Hyatt Regency Barcelona Tower

– BYinnovation is Media Partner of ProcureCon Europe

website

BolognaFiereWaterEnergy. Bologna al centro della transizione ecologica. Si è tenuto presso la Biblioteca Salaborsa di Bologna l’evento di presentazione della società BolognaFiere Water&Energy – BFWE.

“Ricerca e Innovazione, Digitalizzazione, Sostenibilità: la strada per la transizione ecologica”, questo il titolo dell’Iniziativa che ha riunito allo stesso tavolo esperti nazionali e internazionali in tema di acqua, energia e nuove tecnologie.

L’evento, patrocinato dalla Regione Emilia-Romagna e dal Comune di Bologna, è stato organizzato da Mirumir in collaborazione con BolognaFiere. Cambiamenti climatici, emergenza acqua, nuovi vettori energetici e mobilità sostenibile, sono stati questi i temi al centro dell’iniziativa.

I lavori sono stati aperti dall’intervento di Gianpiero Calzolari, Presidente di BolognaFiere che ha affermato: “nasce una società, BFWE, che attraverso la promozione di sei manifestazioni, darà vita ad un appuntamento dedicato ai grandi temi della transizione ecologica. Bologna è il luogo ideale in cui creare e far crescere una simile iniziativa. Questo grazie ai rilevanti investimenti e progetti che, attraverso i fondi europei del PNRR e i fondi regionali, la Regione Emilia-Romagna e l’Area Metropolitana di Bologna stanno mettendo in campo”.

Paolo Angelini, Amministratore Delegato di BFWE, ha dichiarato: “siamo certi che dalla nostra collaborazione potranno scaturire sinergie importanti per lavorare insieme alla transizione ecologica del Paese. I temi al centro dell’incontro di oggi saranno alla base delle 6 manifestazioni BFWE – Forum Accadueo, CH4, ConferenzaGNL, Fuels Mobility (che include anche “la piazza della mobilità elettrica”), HESE, Dronitaly – che si terranno in Fiera a Bologna, dal 12 al 14 ottobre”.

Successivamente, Ruben Sacerdoti – Responsabile Settore Attrattività, Internazionalizzazione e ricerca (AIR), DG Conoscenza, Ricerca, Lavoro, Imprese della Regione Emilia-Romagna – ha evidenziato come il tema della transizione ecologica sia al centro delle politiche della Regione. Attraverso il progetto “Emilia Romagna Go green”, la Regione sta collettando le migliori esperienze ed opportunità di ricerca. È di fondamentale importanza poter coordinare il lavoro di tutti gli stakeholder che sono impegnati e coinvolti nelle sfide ecologiche, di rilievo l’investimento fatto sul tecnopolo big data per la transizione ecologica.

Bologna, ha affermato Anna Lisa Boni – Assessora Deleghe Fondi europei, cabina di regia PNRR, coordinamento transizione ecologica, patto per il clima e candidatura “Città carbon neutral”, relazioni internazionali del Comune di Bologna – è impegnata in una trasformazione sistemica del territorio, al livello climatico con l’obiettivo della neutralità al 2030. È necessario far comprendere a tutti gli attori socio-economici che la sfida della transizione ecologica si vince se si arriva ad un “partenariato climatico”. In tale ottica, Bologna lancerà nel prossimo mese di novembre la sottoscrizione di un contratto che metterà assieme soggetti pubblici e privati, un partenariato verticale, basato su concreto piano di azione operativo .

Prima delle due tavole rotonde tematiche è stato intervistato John Fawell, Member Expert Committee GDWQ (Guidelines for drinking-water quality) della World Health Organization che ha fatto emergere come l’emergenza idrica che stiamo vivendo valichi i confini nazionali e caratterizzi il pianeta ad ogni latitudine. “Pianificazione e progettazione sono essenziali ma questo è il momento di passare all’azione. Abbiamo bisogno di paesi che guidino il cambiamento, nuovi modelli che siano d’ispirazione per il mondo. La strada da percorrere non è quella di un’unica grande soluzione ma dobbiamo implementare una gamma di azioni che abbiano un taglio locale. Efficientamento e riduzione degli sprechi come primo passo per un percorso che sposi anche l’innovazione tecnologica. Creatività, coinvolgimento dei giovani e del territorio sono gli aspetti fondamentali per il futuro del settore idrico.”

“La sfida dei cambiamenti climatici e l’emergenza acqua” è stato il tema della prima tavola rotonda che ha visto la partecipazione di: Andrea Guerrini, Componente collegio dell’ARERA e Presidente del WAREG (Network regolatori idrici europei); Luca Lucentini, Direttore del Reparto di Qualità dell’acqua e salute dell’Istituto Superiore Sanità; Luigi Petta, Responsabile Laboratorio Tecnologie per l’uso e gestione efficiente di acqua e reflui dell’ENEA e Stefano Tersigni, Direzione centrale delle statistiche socio-demografiche e ambientali dell’ISTAT.
In termini generali, dalla discussione è emerso anzitutto come il tema centrale sia quello di lavorare per ridurre la dispersione dell’acqua, stimata al 48%, sulla media nazionale. Ad oggi, rispetto all’utilizzo, il prelievo maggiore, il 50% è legato all’agricoltura, il 36% è connesso alla potabilità mentre la quota restante è riconducibile all’ambito industriale. Non solo buone pratiche e maggiore sensibilità sull’utilizzo dell’acqua da parte del cittadino ma anche e soprattutto riuso, attraverso l’utilizzo delle acque reflue che possono fornire un contributo decisivo, in sicurezza, come dimostrato dal progetto pilota del depuratore di Cesena, cui hanno lavorato Enea e Regione Emilia-Romagna. Negli anni è stato evidenziato come gli investimenti nel settore idrico siano raddoppiati passando da circa 30 euro a 66 euro per abitante. Così come le aziende del settore vengono oggi valutate per la loro capacità dio lavorare sulla riduzione delle perdite.
Sul tema dell’approvvigionamento dell’acqua in sicurezza, non esiste una sola strada ma un mix di interventi, fra i quali anche quello del ricorso alla tecnologia, come la dissalazione, in un’ottica di costi e benefici.

Nella seconda tavola rotonda, dal titolo “Lo scenario energetico del Paese: i nuovi vettori e la strada per la mobilità sostenibile”, sono intervenuti: Romano Borchiellini, Coordinatore dell’Energy Center del Politecnico di Torino; Paolo D’Ermo, Segretario Generale WEC Italia; Gian Luca Morini, Direttore del Laboratorio di Fisica Tecnica – Delegato del Rettore all’Edilizia dell’Università di Bologna; Antonio Sileo, Direttore dell’Osservatorio sull’Innovazione Energetica di I-Com e Fellow Green dell’Università Bocconi e Carmela Tripaldi, Direttore della Direzione Ricerca e Sviluppo Nuove Tecnologie ed Aerospazio di ENAC.
In termini di scenario, si è posto in evidenza come la guerra non stia mettendo in discussione i pilastri della transizione energetica ed ecologica, mentre in Europa l’attenzione è rivolta principalmente, quantomeno nel breve periodo, alla diversificazione delle fonti. I relatori hanno affermato con forza che la strada della transizione energetica passa necessariamente per un approccio olistico, basato sull’integrazione degli sforzi tra settore pubblico e privato. È necessario, cioè, che la regolamentazione normativa proceda allo stesso ritmo dell’innovazione tecnologica in materia energetica, per far sì che gli ambiziosi obiettivi europei possano trovare un’effettiva concretizzazione. Al centro della discussione il tema infrastrutturale, fulcro imprescindibile per l’effettiva applicazione delle nuove tecnologie attualmente in fase di sviluppo. Tra queste, particolare attenzione è stata rivolta all’idrogeno e alle sue potenzialità per la mobilità, da coniugare necessariamente con esigenze di sicurezza. La sfida però sarà quella di lavorare ad un diverso approccio al tema. Le infrastrutture vanno intese in termini di beni della comunità, dall’intrinseco valore sociale. Indipendentemente dal raggiungimento degli obiettivi di decarbonizzazione nei termini previsti, infatti, dovranno essere elaborate soluzioni efficaci per i cambiamenti in atto.

BolognaFiere Water&Energy – BFWE – è la joint venture fondata da BolognaFiere, uno dei principali player italiani del mercato fieristico e Mirumir, società che, da oltre venti anni, promuove e organizza iniziative espositive e convegnistiche sui temi dell’energia e dell’innovazione tecnologica.
La mission di BFWE è fornire un contributo alla conoscenza e alla condivisione delle tematiche connesse al valore economico e sociale dell’acqua, dell’energia e delle nuove applicazioni tecnologiche.
Solo attraverso un percorso di confronto costruttivo su basi scientifiche è possibile creare le condizioni per procedere verso la transizione ecologica. Ricerca e Innovazione, Digitalizzazione, Sostenibilità sono le parole chiave per BFWE.

– BYinnovation è Media Partner degli eventi BFWE

BFWE

BolognaFiere

Mirumir

Sustainable Procurecon Europe 2022. CPOs are at the forefront of addressing the environmental impact of their organisations. By working to find the most sustainable suppliers, they can meet their own CSR and ESG objectives and ensure their firms are meeting their customers’ sustainability demands.

Beyond doing the Right thing, Sustainability Pays
Our recent ProcureCon Europe survey revealed 86% of respondents said their organisations commitment to sustainability has either increased or stayed the same since 2021. CPOs can reinvest these cost savings to help support their organisations growth and branding. Furthermore, ensuring that they meet ESG supply chain goals, their organisations can avoid penalties and reputational damage.

Realising the benefits of CSR and ESG
CSR is no longer an afterthought in procurement. It is a key consideration that is driving innovation and change, and CPOs are taking note.

When Unilever announced its procurement strategy would shift to become committed to ‘sustainable and regenerative sourcing’, they have saved over €1 billion since 2010. CSR and ESG not only offers CPOs an opportunity to clean up their supply chains, it also can save money for their organisations and boost customer relationships.

By signing up to the UN-backed Race to Zero Campaign, Rolls Royce has they pledged to tackle their supply chain emissions by working with strategic partners to adopt ‘circular’ business practices. This initiative has resulted in Rolls Royce cutting the number of raw materials being used in their supply chain and reducing their carbon footprint whilst ensuring a positive impact.

This is not fixed in sectors that produce physical goods alone. Citibank has demonstrated its commitment to sustainable and responsible procurement by instituting a resource management Supplier Diversity and Sustainability Program.

By fostering close working relationships with minority and women-led business development organisations, Citibank can further their CSR goals which can help encourage other firms in their sector to do so by providing a tried-and-tested blueprint for how it can be done.

Prioritising Supply Chains to Reduce Environmental Impact
CPOs need to ensure they are always looking deeper into their end-to-end supply chains to meet their current ESG targets. Here they can act to renew contracts with suppliers can prove they are using sustainably sourced materials and are keeping to strict CSR goals, such as avoiding child/forced labour.

However, smaller organisations that might not have implemented a sustainable procurement strategy yet, their CPOs can still play a big role by taking the initial steps to implement change. From setting out new procurement sustainability goals, to being more selective when choosing suppliers when renewing contract, there are several ways to factor in ESG in procurement.

CPOs should remain focussed on working directly with suppliers but there is a risk
They could find that prices for sustainable materials are inflated, hampering their efforts from the outset. To tackle this CPOs should be proactive, supporting supplier transparency and revamp sourcing strategies.

PROCURECON EUROPE
The Flagship Procurement Event to Benchmark Your Strategy with the World’s BIGGEST Companies
Be a Business Person in Procurement, Not a Procurement Person in the Business.
After two years of virtual learning and networking, it’s time to unite the industry in person again.

More than ever, procurement executives are driving the commercial stability of their organisations. Balancing digital innovations and sustainable initiatives against a backdrop of global instability and spiraling prices isn’t easy, but you’ve got this.

With inspirational keynotes, small-group interactive learning, fun networking events and hundreds of peers to connect with, we can’t wait to welcome you back to ProcureCon.

Only here will you discover how procurement leaders from Europe’s largest companies are:
– Innovating with suppliers to increase commercial opportunities
– Shoring up supply chains to ensure continuity of production
– Embedding sustainability at the core of what they do to drive permanent change

The Fun Stuff
Learn, network and have fun doing it! Join us in our drinks receptions at the end of days one and two. Enjoy cocktails & refreshments while networking with your industry colleagues but also making new connections.

4 Reasons Why ProcureCon Is the Leading Procurement Conference
1- No other event brings together so many CPOs and heads of procurement – open to all with no subscription constraints – allowing you to benchmark your procurement strategies with those ahead of the curve.
2- No other event unites so many leaders from the entire procurement community – turning Barcelona into the ultimate procurement networking hub
3- No other event offers a procurement focused agenda split across 3 comprehensive days. Built on 63 research interviews to ensure all your purchasing challenges and opportunities are addressed.
4- No other event gives you the biggest and best procurement focused speaker faculty in the business, featuring 60+ procurement leaders to ensure you walk away with practical insights from those leading the way

September 27-29 – Hyatt Regency Barcelona Tower, Spain

BYinnovation is Media Partner of ProcureCon Europe

https://procureconeu.wbresearch.com/

It’s All Energy Efficiency 2022 l’evento dove gli Energy Manager si riuniscono per condividere esperienze, aggiornarsi sui trend di Settore, trovare soluzioni concrete per la competitività e conoscere le migliori tecnologie per le comunità energetiche.
L’evento sarà occasione per gli operatori del settore di approfondire l’evoluzione dell’efficienza energetica e del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e per definire il ruolo degli Energy Manager nello sviluppo sostenibile della azienda.
– DIAGNOSI ENERGETICA
– INDUSTRY 4.0
– BUILDING AUTOMATION
– SOSTENIBILITA’
– COGENERAZIONE
– RINNOVABILI
– INTERNET OF THINGS
– BIG DATA
– REFRIGERAZIONE CLIMATIZZAZIONE
– ILLUMINAZIONE
– CERTIFICAZIONI
– PROJECT FINANCING

Oltre 50 Speaker, Energy Manager del mondo RETAIL, GDO, FOOD, HO.RE.CA, PHARMA, HOSPITAL, TRANSPORT, LOGISTICS, INDUSTRY & PRODUCTION a confronto su:
Soluzioni, Tecnologie e Processi per contenere i Consumi Energetici

L’area espositiva di IT’S ALL ENERGY EFFICIENCY sarà in comune con le manifestazioni IT’S ALL ENERGY & UTILITY e IT’S ALL CIO & TECHNOLOGY

11 Ottobre 2022 – Milano, NH Milano Congress Centre

– BYinnovation è Media Partner di IT’S ALL ENERGY EFFICIENCY – IT’S ALL ENERGY & UTILITY – IT’S ALL CIO & TECHNOLOGY

http://itsall-energyefficiency.com/

agenda

Nuove produzioni cibo e sostenibili. AquaFarm, NovelFarm e AlgaeFarm si sono concluse alla Fiera di Pordenone con lo Special Conference Day del 27 maggio, giornata in cui si sono tenuti due convegni per celebrare l’Anno Mondiale della Pesca Artigianale e dell’Acquacoltura delle Nazioni Unite.

“L’acquacoltura che vogliamo: guardare al futuro e unire le generazioni” è stato il tema principale del seminario al quale sono intervenuti rappresentanti di MIPAAF (Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali), FAO (Food and Agriculture Organization of the United Nations), GFCM (General Fisheries Commission for the Mediterranean) e API (Associazione Piscicoltori Italiani) e tanti giovani operatori della filiera dell’acquacoltura e della pesca artigianale .

Con la crescente domanda di produzione alimentare sostenibile, le associazioni di agricoltori e i produttori sono ora chiamati a svolgere un ruolo fondamentale non solo nella produzione alimentare, ma per la società in generale. Il workshop ha fatto il punto sui progressi compiuti dal settore dell’acquacoltura, focalizzandosi sulle migliori pratiche provenienti dall’esperienza e dalle tradizioni per garantire che le attività in acquacoltura siano sempre più responsabili e contribuiscano ancora più attivamente allo sforzo per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030. Diverse generazioni di coltivatori di blu food, ma anche personalità nell’ambito della ricerca e dell’amministrazione, si sono scambiati conoscenze ed esperienze e hanno discusso delle future sfide del settore.

Nella giornata è stato fatto anche il punto sulle manifestazioni appena concluse, AquaFarm, la mostra-convegno internazionale dedicata ad acquacoltura e industria della pesca, NovelFarm è il più importante evento italiano interamente dedicato alle nuove tecniche di coltivazione, fuori suolo e vertical farming e AlgaeFarm, appuntamento dedicato a tecnologie e applicazioni in alghicoltura, che hanno fatto registrare un numero di visitatori in linea con l’ottimo risultato dell’edizione 2020, anno nel quale c’era stato un +15% di ingressi. Confermata anche l’alta percentuale di partecipanti esteri e il carattere internazionale di queste manifestazioni.

Le mostre-convegno hanno visto la presenza di 120 espositori (35% proveniente dall’estero) che sono stati ospitati nei Padiglioni 4 e 5 del quartiere fieristico, per 6.900 mq di spazio espositivo. Componente fondamentale dell’appuntamento come sempre è stato il programma delle conferenze sulle più importanti tendenze del settore (es. programmi europei, costi energetici, sostenibilità, innovazione, digitalizzazione). Proprio per l’approfondimento degli argomenti trattati e per il livello delle presenze le manifestazioni sono supportate da importanti collaborazioni: main sponsor è il Gruppo Del Pesce, mentre partner sono API (Associazione Piscicoltori Italiani) e AMA (Associazione Mediterranea Acquacoltori), le due associazioni italiane di riferimento del settore acquacoltura per Aquafarm, e Vertical Farm Italia per NovelFarm. Collaborano alle manifestazioni anche Camera di Commercio di Pordenone e Udine e ITA ICE (Italia Trade Agency), Electrolux è partner tecnico. Gli eventi sono organizzati in collaborazione con MIPAAF (Ministero per le Politiche Agricole Alimentarie e Forestali nell’ambito del FEAMP (Fondo europeo per la politica marittima, la pesca e l’acquacoltura) e Unioncamere Nazionale.

“Anche il risultato di questa edizione ha dimostrato la bontà del progetto su cui abbiamo puntato 5 anni fa insieme alla squadra di partner e collaboratori che lavora con noi: AquaFarm, NovelFarm e la neonata AlgaeFarm stanno crescendo a livello nazionale e internazionale, un chiaro segno di come i temi trattati rappresentino questioni davvero strategiche per l’alimentazione del futuro” dichiara il Presidente di Pordenone Fiere, Renato Pujatti.Il format che affianca stand espositivi e un programma di conferenze specializzate è vincente perché queste fiere guardano verso l’innovazione e la ricerca: due aspetti fondamentali per i settori protagonisti, fortemente proiettati al futuro, e sulle quali vogliamo investire ulteriormente”. I progetti su cui puntare nel futuro sono numerosi, come spiega ancora Pujatti: “NovelFarm, diventata ormai manifestazione di riferimento in Italia e nel Sud-Europa per le coltivazioni agricole di nuova generazione, in ambiente protetto, vertical farm e idroponica, dopo tre edizioni in cui si è tenuta in contemporanea con AquaFarm, dal 2023 avrà una collocazione temporale diversa e si svolgerà come manifestazione autonoma nei giorni 23 e 24 marzo sempre a Pordenone. A dimostrazione di quanto il settore sia strategico per Pordenone Fiere si è tenuta a margine di NovelFarm una importante riunione delle aziende di vertical farming, e colture fuori suolo propedeutica alla nascita della prima associazione di categoria per le aziende del settore. Il progetto si chiama ANIFUS, Associazione Nazionale Imprese Fuori Suolo, e già dalla sua presentazione ha trovato un’ottima accoglienza tra gli addetti ai lavori che finalmente vedono riconosciuto anche a livello di rappresentanza un settore che sta diventando sempre più di riferimento per il futuro dell’agricoltura. Pordenone Fiere è al loro fianco”.

“E’ stato bello ritrovarsi dopo tanto tempo tutti in presenza! – il commento di Pier Antonio Salvador presidente di API, Associazione Piscicoltori Italiani – Ad AquaFarm c’era veramente tutto il comparto: le aziende di produzione, le istituzioni, i fornitori, le autorità di controllo, la ricerca. Dal confronto di tutti è emerso che l’obiettivo verso il quale dobbiamo puntare è quello della sostenibilità declinata nei suoi tre pilastri: ambientale, economico e sociale. In questo processo è fondamentale il contributo dell’innovazione tecnologica e della ricerca ma anche la comunicazione può fare molto diffondendo sempre più i vantaggi dell’acquacoltura. In questo AquaFarm ha dato un grandissimo contributo grazie all’approfondimento scientifico ma anche a tutte le iniziative dedicate ai bambini e al grande pubblico”.

AquaFarm è la mostra-convegno internazionale dedicata ad acquacoltura e industria della pesca sostenibile
La 6^ edizione è in programma il 15 e 16 febbraio 2023.
NovelFarm è il più importante evento italiano interamente dedicato alle nuove tecniche di coltivazione, fuori suolo e vertical farming.
La 4^ edizione si terrà il 23 e 24 marzo 2023.

– BYinnovation è Media Partner di AquaFarm, NovelFarm e AlgaeFarm

www.aquafarmexpo.it

www.novelfarmexpo.it

www.aquafarm.show/algaefarm-convegno-algocoltura/

It’s All Retail 2022 BRAINZ lancia la nuova edizione della mostra convegno IT’S ALL RETAIL con 130 Relatori provenienti dal mondo Retail, GDO e Fashion.
Il mondo del Retail sta vivendo una profonda trasformazione e gli investimenti nella tecnologia e nell’innovazione influenzeranno sempre più questi cambiamenti che già oggi il settore sta cercando di affrontare.
IT’S ALL RETAIL rappresenta un’opportunità esclusiva per agevolare l’incontro e il confronto tra Retail, GDO e Fashion con esperti di Soluzioni, Sistemi e Tecnologie.

Che cosa serve a Retail, GDO e Fashion per realizzare l’innovazione ?
Le tematiche suddivise in aree di approfondimento:
– IL FUTURO DEL RETAIL

– IT & TECHNOLOGY
– CRM & MARKETING
– POS & PAYMENT
– HUMAN RESOURCES
– REAL ESTATE & ENERGY EFFICIENCY
– SUPPLY CHAIN & WAREHOUSE
– SECURITY & VIDEO SURVEILLANCE

I partecipanti
TOP MANAGEMENT: Amministratore Delegato – Direttore Generale – Retail Director – Responsabile Strategie – Direttore Vendite – HR Director
MARKETING & CRM: CRM Director – Marketing Director – Loyalty Manager – Ecommerce Director – Chief Digital Officer – Chief Data Officer
IT & TECHNOLOGY: Chief Information Officer – Chief Technology Officer – IT Manager Chief Security Information Officer
POS & PAYMENT: CFO, Finance Director, Direttore Amministrazione e Finanza, Pos & Payment Director, Treasury Director
LOGISTINA e MAGAZZINO: Supply Chain Director, Logistics Director – Responsabile Logistica – Responsabile Magazzino
UFFICIO TECNICO: Energy Manager – Facility Manager – Technical Director – Layout & Store Design – Visual Merchandising – Security Manager – Real Estate Director – Construction Manager

I settori interessati
GDO – RETAIL – FASHION & LUXURY – ECOMMERCE – CONSUMER GOODS

About Brainz
We are an innovative and dynamic organization that provides networking opportunities, skills and strategies to strengthen and develop meaningful & relevant relationships for Business-to-Business.
Thanks to 15 years’ experience of our staff, we are able to organize events that stimulate creativity, development of synergies and networking.
Our events are important meetings focused on strategy, innovation and technology.
To grow your career or your business, it is crucial the experience of meeting people face to face and sharing experiences, skills, knowledge and know-how.

28 Giugno 2022 – Mi.Co. Milano Congressi

– BYinnovation è Media Partner di IT’S ALL RETAIL

www.its-all-retail.com

It’s All Retail 2022. BRAINZ organizza la nuova edizione della mostra convegno IT’S ALL RETAIL con la partecipazione di 130 Relatori provenienti dal mondo Retail, GDO e Fashion.
Il mondo del Retail sta vivendo una profonda trasformazione e gli investimenti nella tecnologia e nell’innovazione influenzeranno sempre più questi cambiamenti che già oggi il settore sta cercando di affrontare.
IT’S ALL RETAIL rappresenta un’opportunità esclusiva per agevolare l’incontro e il confronto tra Retail, GDO e Fashion con esperti di Soluzioni, Sistemi e Tecnologie.
Che cosa serve a Retail, GDO e Fashion per realizzare l’innovazione ?

I partecipanti
TOP MANAGEMENT: Amministratore Delegato – Direttore Generale – Retail Director – Responsabile Strategie – Direttore Vendite – HR Director
MARKETING & CRM: CRM Director – Marketing Director – Loyalty Manager – Ecommerce Director – Chief Digital Officer – Chief Data Officer
IT & TECHNOLOGY: Chief Information Officer – Chief Technology Officer – IT Manager Chief Security Information Officer
POS & PAYMENT: CFO, Finance Director, Direttore Amministrazione e Finanza, Pos & Payment Director, Treasury Director
LOGISTINA e MAGAZZINO: Supply Chain Director, Logistics Director – Responsabile Logistica – Responsabile Magazzino
UFFICIO TECNICO: Energy Manager – Facility Manager – Technical Director – Layout & Store Design – Visual Merchandising – Security Manager – Real Estate Director – Construction Manager

I settori interessati
GDO – RETAIL – FASHION & LUXURY – ECOMMERCE – CONSUMER GOODS

About Brainz
We are an innovative and dynamic organization that provides networking opportunities, skills and strategies to strengthen and develop meaningful & relevant relationships for Business-to-Business.
Thanks to 15 years’ experience of our staff, we are able to organize events that stimulate creativity, development of synergies and networking.
Our events are important meetings focused on strategy, innovation and technology.
To grow your career or your business, it is crucial the experience of meeting people face to face and sharing experiences, skills, knowledge and know-how.

28 Giugno 2022 – Mi.Co. Milano Congressi

– BYinnovation è Media Partner di IT’S ALL RETAIL

www.its-all-retail.com

Vino buono pulito e giusto. Tre convegni online aprono la prima edizione di Sana Slow Wine Fair. Si parla di sostenibilità ambientale, di tutela del paesaggio e del valore sociale del lavoro in vigna, i tre cardini attorno a cui è nato il Manifesto Slow Food per il vino buono, pulito e giusto.

Che sia buono non basta più
E’ da questa consapevolezza che nasce il lavoro di Slow Food sul vino. Tutto cominciò nel 2007 a Montpellier, in Francia, quando produttori di vino provenienti da tutto il continente si riunirono per Vignerons d’Europe. Era la prima volta, il primo passo di un percorso che ha portato alla nascita di Slow Wine e dell’omonima guida alle cantine, presto diventata punto di riferimento nel panorama nazionale, e poi alla stesura del Manifesto Slow Food per il vino buono, pulito e giusto.

Con la prima edizione di Sana Slow Wine Fair, in programma a BolognaFiere dal 27 al 29 marzo 2022, proseguiamo nel solco segnato negli ultimi quindici anni. E, nella settimana precedente alla tre giorni emiliana, Slow Food organizza altrettanti convegni online per fare il punto, insieme ai delegati della Slow Wine Coalition e a tutti gli stakeholder della filiera vino. I tre convegni mettono al centro i princìpi che, secondo Slow Food, occorre rispettare quando si coltiva la vite e si produce vino: parliamo di sostenibilità ambientale del vino, di tutela del paesaggio e di equità sociale nel lavoro in vigna e ruolo sociale del vino. Coniugando questi tre aspetti, il vino buono, pulito e giusto può contribuire a cambiare il sistema agricolo.

Gli appuntamenti digitali sono liberi e aperti a tutti coloro che, dai produttori agli enotecari, dai giornalisti agli appassionati, credono nel valore che il vino può restituire all’ambiente e alle comunità. Per partecipare basta registrarsi sul sito nella pagina dell’evento digitale scelto.

Martedì 22 marzo ore 18
La produzione del vino: un potente alleato della transizione ecologica

Di “sostenibilità” si sente parlare sempre più spesso. Ma che cosa significa essere sostenibili nella produzione di vino? Quali sono le metodologie che fanno la differenza? Come fa un viticoltore a ridurre la propria impronta ambientale? Occorre lavorare su diversi fronti, dalla gestione oculata della risorsa idrica alla difesa del suolo senza ricorrere a fitofarmaci, prediligendo un approccio agroecologico. Nel corso del tempo, le piante hanno ad esempio sviluppato difese in grado di proteggerle dagli attacchi di parassiti: si tratta dunque di mettere la vite in condizione di esprimere al meglio queste potenzialità. Un convegno per ribadire il no di Slow Food a concimi, diserbanti, antibotritici di sintesi e per esortare all’uso consapevole delle risorse.

Alla conferenza intervengono:
– Florence Fontaine, Université Reims Champagne-Ardennes, Contrasto al deperimento dei vigneti europei a causa delle malattie del legno (esca e altri patogeni): lo stato degli studi;
– Bernard Nicolardot, AgroSup Dijon, Institut national supérieur des sciences agronomiques, de l’alimentation et de l’environnement, La gestione della sostanza organica nel suolo del vigneto;
– Isabella Ghiglieno, Dicatam, Dipartimento di Ingegneria Civile Ambiente Territorio Architettura e Matematica dell’Università di Brescia, e Marco Tonni, Sata studio agronomico, Brescia, L’impronta idrica nel settore vitivinicolo. Stima degli impatti ed esempi applicativi;
– Paolo Marucco, Disafa, Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari dell’Università di Torino, Ottimizzare la distribuzione dei fitofarmaci per ridurre dosaggi, deriva e consumi. Presentazione di un nuovo prototipo;
– Maurizio Gily, consulente viticolo e docente dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, Le resistenze naturali nella vite e la loro gestione nel miglioramento genetico tradizionale.
Modera Francesco Sottile, agronomo e docente presso l’Università di Palermo, tecnico della Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus.

Mercoledì 23 marzo ore 18
Il vino giusto: dalla comunità agricola al lavoro delle persone

Non ci sono soltanto la cura dei filari e la potatura delle piante tra i compiti dei vignaioli. Non è sufficiente occuparsi della raccolta e della pigiatura delle uve, così come non basta seguire la fermentazione e l’imbottigliamento. Tra i ruoli di chi lavora in vigna c’è quello sociale: significa che il vignaiolo può, e deve, essere motore di crescita economica grazie al rapporto virtuoso instaurato con i propri dipendenti e con le comunità con cui la propria cantina interagisce. Partiamo da questo secondo punto, cioè dalla relazione con l’ambiente sociale circostante: molti dei borghi e dei villaggi in cui si è sviluppata la viticoltura esistono in funzione di questa pratica che mantiene in vita zone considerate marginali. Occorre maturare consapevolezza di questo rapporto, facendo sì che si traduca in senso di responsabilità. Pensare al proprio business, ragionare in termini meramente economici, significa rischiare di incrinare questo equilibrio.
Stesso discorso per quanto riguarda il rapporto con i propri dipendenti: è innanzitutto indispensabile corrispondere un compenso equo ai lavoratori e rispettare le norme in materia di contratti di lavoro, aspetti che non debbono più venire disattesi. In secondo luogo occorre creare le condizioni affinché vi sia reale integrazione e arricchimento culturale reciproco: produrre vino significa anche fare comunità, con tutto ciò che ne deriva.

Alla conferenza intervengono:
– Claudio Naviglia, Ceo e co-founder di Humus Job, La sostenibilità sociale in vigna: contratto di rete e lavoro condiviso;
– Carolina Alvarado, viticoltrice di Valparaíso, Cile, e presidentessa di Slow Food Chile, La comunità e il vino come pratica sociale;
– Arianna Occhipinti, viticoltrice in Sicilia, Italia;
– Gianluca Brunori, economista e professore ordinario di Food Policy presso l’Università di Pisa, Dalla qualità alla responsabilità: le nuove sfide di fronte alla transizione ecologica.

Giovedì 24 marzo ore 18
Vignaioli, vigne, vino e paesaggio

L’ulivo nelle vicinanze del mare, il castagno in montagna e la vite in collina: semplificando, sono queste tre le coltivazioni che alle nostre latitudini hanno contribuito più di qualunque altra a definire il paesaggio. Basterebbe questo per comprendere l’impatto della viticoltura sull’aspetto del territorio. I benefici, sia dal punto paesaggistico sia della conservazione dell’ambiente rurale, sono innegabili: si scongiura l’erosione dei suoli dettata dall’incuria, si promuove la gestione delle acque in zone di forte pendenza, si realizza il monitoraggio degli incendi. Ciò non deve però distrarre da un altro importante aspetto, quello che riguarda il rischio di una deriva verso una sorta di monocoltura delle vite. Importante, in altre parole, è quindi scongiurare che si metta a repentaglio la biodiversità del suolo (attraverso l’utilizzo di erbicidi o fitofarmaci) e dei terreni, sacrificando altre specie arboree sull’altare del vino: occorre rispettare l’alternanza di vigneto, siepi e aree boscate e promuovere una gestione che escluda il suolo nudo.
Non solo: le aziende agricole sono chiamate a svolgere un compito rilevante di tutela del paesaggio anche dal punto di vista architettonico: gli edifici aziendali eventualmente da costruire vanno progettati tenendo conto del paesaggio, così come gli interventi di ristrutturazione e di ammodernamento delle strutture.

Alla conferenza intervengono:
– Marina Santos, viticoltrice di Rio Grande do Sul, Brasile, Come la crisi climatica influenza il paesaggio vitivinicolo, tra copertura vegetale e agroforestazione;
– Francesco Paolo Valentini, viticoltore in Abruzzo, Italia, L’intensità delle precipitazioni, fitopatologie e produzione vitivinicola di qualità;
– Fabio Zottele, membro del Comitato tecnico-scientifico del CERVIM (Centro di Ricerca, Studi, Salvaguardia, Coordinamento e Valorizzazione per la Viticoltura Montana), Il paesaggio come mezzo della produzione vitivinicola? Il capitale paesaggistico;
– Viviana Ferrario, professore associato in Geografia presso l’Università Iuav di Venezia, Agricultural heritage. Imparare dai paesaggi viticoli storici.

Sana Slow Wine Fair – dal 27 al 29 marzo – BolognaFiere

www.slowfood.it

www.bolognafiere.it

AquaFarm NovelFarm a maggio. Pordenone Fiere annuncia il posticipo delle date di AquaFarm e NovelFarm. Appuntamento il 25, 26 e 27 maggio.

L’appuntamento con AquaFarm, NovelFarm e il nuovo progetto AlgaeFarm slitta nuovamente. Alla luce dell’attuale situazione epidemiologica in Italia, in Europa e nel resto del mondo, la Fiera di Pordenone si è vista costretta a rimandare l’evento al fine di garantire una manifestazione in sicurezza e di soddisfare quanto più possibile le aspettative di espositori e visitatori italiani ed esteri. L’appuntamento, dunque, è per il 25 e 26 maggio con uno Special Conference day di caratura internazionale il 27 maggio.

AquaFarm e NovelFarm hanno saputo ritagliarsi negli anni un posto di rilievo tra gli eventi del settore ittico e di quello agricolo e all’interno del panorama italiano ed europeo rappresentano un’unicità nel loro genere. Lo confermano i dati: le due manifestazioni, giunte rispettivamente alla quinta e alla terza edizione, vantano il 35% di espositori dall’estero e un pubblico internazionale pari al 15% del totale con provenienza da Croazia, Spagna, Francia, Egitto, Belgio, Bosnia-Erzegovina, Slovenia, Paesi Bassi, Norvegia e Serbia.

“Abbiamo preso la decisione di rinviare la manifestazione soprattutto per permettere l’affluenza dall’estero: dall’Europa e non solo.” afferma Renato Pujatti, Presidente di Pordenone Fiere. “Abbiamo riscontrato in entrambi i settori il desiderio di ritornare a incontrarsi personalmente per portare avanti il lavoro in modo professionale e soddisfacente, posticipare l’evento è stata una scelta necessaria per offrire a tutti gli stakeholder la consueta qualità organizzativa e la riconosciuta eccellenza dei contenuti dell’evento.”

L’evento offre possibilità di confronto, di networking e di aggiornamento per tutti i professionisti interessati. L’area espositiva è accompagnata da una serie di conferenze che trattano temi attuali e importanti per gli sviluppi futuri dell’acquacoltura e dell’agritech. E quest’anno ad arricchire l’evento ci saranno anche AlgaeFarm, appuntamento interamente dedicato all’algocoltura, il contest di AquaFarm R&D Award che premia progetti innovativi volti a migliorare la produttività in acquacoltura, e non da ultimo lo Special Conference Day, giornata interamente dedicata ad una serie di conferenze internazionali tra cui spicca il seminario IYAFA 2022 (International Year of Artisanal Fisheries and Aquaculture) organizzato in collaborazione con FAO, API (Associazione Piscicoltori Italiani) e GFCM (General Fisheries Commission for the Mediterranean).

AquaFarm è la mostra-convegno internazionale dedicata ad acquacoltura e industria della pesca sostenibile.
NovelFarm è il più importante evento italiano interamente dedicato alle nuove tecniche di coltivazione, fuori suolo e vertical farming.
Quest’anno saranno affiancate da AlgaeFarm, appuntamento dedicato a tecnologie e applicazioni in alghicoltura.

25, 26 e 27 maggio a Pordenone Fiere

BYinnovation è Media Partner di AquaFarm e NovelFarm

AquaFarm

NovelFarm

AlgaeFarm

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi