Dicembre 2020

People-powered energy system: activating the community energy market for bioenergy. In the updated Renewable Energy Directive II (RED II), the EU clearly considers community energy as a key factor for future Renewable Energy (RE) market uptake and mandates Member States to implement regulatory frameworks for enabling and facilitating this process.
At the same time, several barriers prevent citizens from becoming (bio)energy producers and bioenergy projects to be more appealing. Among others, lack of preparedness for communities to tap the full bioenergy market potential1, lack of bioenergy stakeholders’ awareness of the potential of communities and missing/ unsupportive (local, regional and national) framework and policy conditions.
For a people-powered energy system, the Horizon 2020-funded project BECoop (2020-2023) aims at putting communities in charge of their local renewable (bio)energy generation.

Although significant progress has been made in the EU towards a more effective clean-energy transition, there is still an increasingly uneven penetration rate of RE across energy sectors.
Remarkably, a rather slow penetration in the EU heating and cooling sector is observed, which accounts for 51% of EU’s total energy consumption and is expected to account for the largest share of demand by 2050. Understanding the need for accelerating efforts, the EU has adopted a target for a 1.3% annual increase in renewable heat during this next decade.

Alongside the challenging nature of increasing RE heating penetration, there is, at the same time, a significantly untapped RE market uptake potential that should be seriously considered, bioenergy.
Deriving from living organic materials, bioenergy can be used to produce, among else, electricity, heat, and fuels. Even though not fully exploited, it holds, in practice, the highest potential for replacing fossil fuelled heat and remains the leading technology in the EU RE heating sector. As experts therefore suggest, the expansion of bioenergy projects across Europe would be of crucial importance for meeting the EU-established targets.

Apart from scientific and technological innovations, renewable energy uptake also relies on peoples’ perceptions. In this context, energy communities and cooperatives (RESCoops) provide an ideal framework, they can empower a more effective, fair, and democratised clean-energy transition, holding a series of benefits: they help fight climate change and reduce GHG emissions, contribute in mitigating energy poverty, support job creation, energy supply security and more.

Community bioenergy schemes can play a catalytic role in the market uptake of bioenergy heating technologies, yet their deployment nowadays remains significantly slow.
While there are, arguably, numerous energy cooperatives established across Europe, their vast majority focuses on exploiting solar and wind energy with biomass-based communities accounting for only a minor share of existing RESCoops. In addition, energy communities’ dispersion and range appear restricted, with 80% of them located in either Germany or Denmark, whereas, in terms of production, electricity takes the lion’s share, in contrast to heating.

There is a clear need for unlocking and activating the underlying market potential of community bioenergy, and that is exactly what BECoop, a new Horizon 2020-funded project, aims to do. The ambition of BECoop is to foster a broad deployment of bioenergy heating technologies across Europe, by providing the necessary conditions, technical as well as business support tools and by boosting demand and start de-risking community bioenergy investments.

The project aims to make community bioenergy projects more appealing to potential interested actors and to foster new links and partnerships among the international bioenergy community. The project will investigate and specify the community bioenergy market uptake facilitators and barriers and, building upon this information, further empower policymakers to introduce enabling frameworks for community bioenergy.

4 pilot cases across Europe (Spain, Greece, Poland, Italy) will target existing energy communities seeking to include bioenergy heating projects (district heating, pellets stove, forest biomass), and local/national authorities aiming at initiating novel bioenergy community structures in support of their clean energy transition goals. The selected cases represent diverse framework conditions, community bioenergy maturity, RE penetration in the heating and cooling market and socioeconomic environments, thus, providing a highly complementary synthesis of evidence.

1 This is mostly due to the cost of establishing such projects and the required project development effort and time. Additional barriers such as technical or business, as well as limited awareness of the multiple benefits prevent bioenergy projects from emerging. Finally, the know how and good practices established in one region are not easily transferrable to another.
This project has received funding from the European Union’s Horizon 2020 research and innovation programme under grant agreement No 952930.

www.ieecp.org

Global fight against climate change. Pandemic-induced boost to climate change fight opens investment opportunity. 2021 is on track to be the biggest year yet in the global fight against climate change as the COVID-19 crisis has spurred worldwide political support for the “build back better” movement.

Massive amounts of government spending earmarked for 2021 to support both the economy and new, ambitious net-zero emissions targets have positive implications for investors say two Toronto-based investment professionals, who were recently certified as global Sustainability and Climate Risk (SCR) experts.

Catherine Ann Marshall, SCR, Principal Consultant at RealAlts, and Tania Caceres, SCR, Principal at Risk Nexus are among the first professionals globally to earn the SCR credential making them members of an elite network of sustainability thought leaders, according to the Global Association of Risk Professionals (GARP). The pair say that many government investment initiatives to push a “green recovery” will also provide attractive new investment opportunities to the private sector.

The latest action to unleash government funds is expected Friday (Dec.18, 2020) as the European Parliament votes on the 2021 portion of the multi-year 1.82 trillion European Green Deal Investment Plan. The Plan has a binding target of reducing greenhouse gas emissions by 2030 by at least 55% from the 1990 level.

This Plan follows other recent spending announcements by Canada and the UK, and expectations that president-elect Joe Biden will convene a climate summit within his first 100 days in office. All of these developments added to the momentum in 2020 to fight climate change. More than 110 countries, including major greenhouse gas emitters China, Japan and South Korea, have now committed to becoming carbon neutral by mid-century, according to the United Nations.

Last week the Canadian government unveiled its C$15 billion multi-year green recovery plan which focuses on energy retrofits for real estate, clean transportation, annual increases in the carbon tax until 2030, and support for green industry and nature-based climate solutions. This came on the heels of the announcement of a binding net zero target for Canada by 2050.

Since the summer, and as recently as this month, the UK government made a series of announcements targeting a 68% cut in carbon emissions by 2030 supported by almost 7.4 billion in green recovery initiatives, with more spending to come in future. The UK pledged in 2019 to achieve net zero emissions by 2050.

“These announcements mean governments are taking action to protect against the physical risks of climate change, but they will result in companies facing transition risks as the economy moves away from fossil fuels,” said Ms. Caceres, who has 20 years of experience managing real estate investment risk across Canada and Europe. “The good news is that the transition will open up many new investment opportunities”.

“For instance, the UK government has announced it will partner with private infrastructure investors on green investments such as railroads,” said Ms. Marshall, a real assets expert with 20 years of investment experience. “Other new investment opportunities will include clean energy production and energy retrofits for real estate. These investments have a history of producing solid income returns, and in this low yield environment, they are a welcome opportunity.”

With extensive experience as institutional investment professionals in real assets, the pair are uniquely positioned to recommend how to invest sustainably in real estate and infrastructure.

In bestowing the SCR certificate to Ms. Marshall and Ms. Caceres, GARP said “the SCR distinction makes you one of the area’s first subject matter experts, joining you with an elite network of thought leaders.”

About GARP SCR: The Global Association of Risk Professionals Sustainability and Climate Risk program, launched in 2020, is a global certification that tests candidates’ ability to apply a range of knowledge and skills critical to managing sustainability and climate risks in a financial context. The curriculum builds a comprehensive and global understanding of the facts, challenges, and issues related to ESG. It equips SCRs to become climate risk leaders by enhancing their skills to effect organizational change and to integrate sustainability standards into investment processes. GARP’s
certification programs are recognized by the financial industry worldwide.

About Tania Caceres: Tania leads Risk Nexus, a global real estate consulting firm launched in 2014 specialized in ESG strategy, integration, and risk management. It serves large corporate clients including leading Canadian and European REITs, pension funds, and global investment managers.

About Catherine Ann Marshall: Catherine leads RealAlts, an independent investment consulting firm focused on advising institutional investors on global real assets. Launched in 2008, RealAlts advises both asset owners such as pension funds and insurance companies as well as investment managers.

www.realalts.com

Futuro nostro e della plastica. L’Unione Europea, con la Direttiva UE 2019/904 del Parlamento Europeo, ha messo a punto una disposizione per risolvere concretamente un problema che non può più aspettare. Una rivoluzione che impatterà positivamente nel tempo sull’ambiente ma che dovrà essere sostenuta da comportamenti più responsabili da parte di tutti.

L’obiettivo che si è data l’Unione Europea, vietando l’utilizzo delle stoviglie in plastica monouso, è rivolto a salvaguardare il nostro presente e il nostro futuro. Raggiungere i risultati prefissati sarebbe già un enorme successo in quanto significherebbe diminuire i costi derivanti da danni ambientali di 22 miliardi di euro entro il 2030, un risparmio per i consumatori di 6,6 miliardi e un taglio delle emissioni di CO2 equivalente di 3,4 milioni di tonnellate.

L’obiettivo del legislatore europeo con questa disposizione è limitare l’inquinamento dei mari provocato in larga parte dai materiali plastici che, decomponendosi molto lentamente, resistono nel tempo, continuando ad essere presenti, non solo nelle acque ma anche nelle viscere dei pesci, finendo purtroppo anche nella catena alimentare.
Se si osserva al microscopio l’acqua del Mar Mediterraneo si noterà come i rifiuti presenti sono per il 95% costituiti da materie plastiche. Da alcuni dati raccolti dal WWF è stato rilevato che, essendo un bacino chiuso, l’80% dei rifiuti di plastica torna verso riva con il risultato che per ogni chilometro di litorale, si accumulano 5 kg di plastica ogni giorno.

Prima di degradarsi fino al raggiugere lo stato di microplastiche, altresì dannosissime per gli ecosistemi, un filtro di sigaretta rimane per circa 5 anni nel mare, una busta per 20 anni, un bicchiere di plastica per 50 anni e un filo da pesca per oltre 600 anni.

Questi dati rendono evidente l’urgenza di agire sia sull’origine del problema, riducendo e sostituendo ove possibile con materiali compostabili le materie plastiche impiegate nei prodotti monouso, e ancor di più sul proseguimento di politiche virtuose di riciclo a livello globale, peraltro ben consolidate in Italia in relazione alla gestione del fine vita degli imballaggi in plastica.” dichiara Riccardo Arena, Senior Consultant di TÜV Italia che così prosegue. “Una corretta raccolta differenziata, intanto, può aiutare a ridurre l’inquinamento che ogni giorno vediamo ovunque: dai marciapiedi delle nostre città, ai parchi, alle spiagge e, purtroppo, nei nostri mari e fiumi”.

La Direttiva plastiche monouso (SUP) ha messo al bando posate e piatti di plastica, cannucce, bastoncini cotonati, sacchetti di plastica oxodegradabili e contenitori per alimenti in polistirolo espanso. Inoltre, questa recente disposizione europea ha imposto anche che entro il 2025 si dovrà riciclare almeno il 77% delle bottiglie in plastica per arrivare al 90% nel 2029.
Ha disposto, inoltre, che dal 2024 il tappo dovrà essere attaccato alla bottiglia affinché non venga disperso, oltre a imporre un aumento del contenuto minimo di materiale riciclato, che nel 2030 dovrà arrivare al 30%.
“Sicuramente la disposizione promossa dal Parlamento Europeo non risolve il problema che è globale, ma rappresenta un primo doveroso passo, anche culturale, per sensibilizzare i milioni di cittadini europei al problema e alla necessità di cambiare abitudini privilegiando consumi e prodotti più ecocompatibili”, aggiunge l’ing. Arena “Oggi sempre più persone sono consapevoli che è necessario fare qualcosa di concreto per salvaguardare il nostro futuro”.

A seguito di questa messa al bando, il mercato si è mosso, e tra i primi lo ha fatto la Grande Distribuzione organizzata (GDO) del nostro paese, dove nei suoi punti vendita fanno acquisti oltre 60 milioni di persone alla settimana e le cui imprese si sono impegnate ad eliminare del tutto dai loro scaffali le stoviglie in plastica monouso prima dell’entrata in vigore della legge.
Oltre agli impegni della GDO ci dovranno essere quelli delle istituzioni, delle imprese del settore e dei consumatori che dovranno indirizzarsi verso atteggiamenti ed abitudini sempre più sostenibili nei confronti dell’ambiente.

TÜV SÜD è un ente indipendente di certificazione, ispezione, testing, collaudi e formazione, che offre servizi certificativi in ambito qualità, energia, ambiente, sicurezza e prodotto. Fondato nel 1866, oggi con sede a Monaco di Baviera. Il gruppo negli anni è cresciuto, arrivando oggi ad essere presente con circa 1000 sedi in più di 50 nazioni. Opera con un team di oltre 24.000 dipendenti riconosciuti come specialisti nei propri campi di attività. L’obiettivo di TÜV SÜD è quello di supportare i clienti con una vasta gamma di servizi in tutto il mondo per aumentare l’efficienza, ridurre i costi e gestire il rischio.

TÜV Italia fa parte del gruppo TÜV SÜD ed è presente in Italia dal 1987. TÜV Italia ha una struttura di oltre 600 dipendenti e 400 collaboratori, con diversi uffici operativi sul territorio nazionale, a cui si affiancano i laboratori di Scarmagno (TO) e quelli delle società Bytest, a Volpiano (TO) e Benevento, e pH a Tavarnelle Val di Pesa (FI), acquisite rispettivamente nel gennaio 2012 e nel gennaio 2013.
TÜV Italia organizza periodicamente webinar e seminari gratuiti, dove vengono affrontati I temi tecnici più attuali, altre ai numerosi corsi formativi professionali, dedicati ad approfondire e sviluppare competenze in tutti i settori in cui l’ente opera.

www.tuv-sud.com

www.tuv.it

Preservare suolo: fertilità e biodiversità. Giornata Mondiale del Suolo: al via la prima azione proposta da Farming For Future, il decalogo del CIB – Consorzio Italiano Biogas per la conversione agroecologica dell’agricoltura.

“Manteniamo il suolo vivo, proteggiamo la biodiversità del suolo”, è questo il tema centrale della Giornata mondiale del Suolo 2020 celebrata sabato 5 dicembre. In questa importante ricorrenza, il CIB – Consorzio Italiano Biogas ribadisce la centralità del suolo per la riconversione agroecologica dell’agricoltura italiana, obiettivo del progetto “Farming For Future. 10 azioni per coltivare il futuro”, lanciando l’azione dedicata all’utilizzo di digestato come fertilizzante organico.

Il digestato, prodotto dalla digestione anaerobica di sottoprodotti, effluenti zootecnici e colture di secondo raccolto, utilizzato in agricoltura come fertilizzante organico è essenziale per restituire nutrienti al suolo e ridurre l’uso di fertilizzanti chimici. Inoltre, grazie al digestato si forniscono al terreno non solo azoto, fosforo e potassio, ma anche importanti quote di carbonio organico permettendo di aumentare la fertilità del suolo, contrastando così il rischio di desertificazione.
I suoli italiani si stanno impoverendo. Nel Sud d’Italia la maggior parte dei terreni coltivati ha una dotazione di sostanza organica inferiore all’1%. A ciò va aggiunta la degradazione nelle aree in cui non vengono applicate pratiche agricole volte alla conservazione del suolo, dove l’erosione ne riduce la produttività e la fertilità fino alla perdita irreversibile di superfici coltivabili.

“Il suolo è una risorsa non rinnovabile – sottolinea Piero Gattoni, Presidente del CIB – che va tutelata in tutti i modi possibili. La concimazione organica con digestato è la strada giusta per avere un suolo fertile e resiliente; da un lato, si incrementa la sua dotazione di sostanza organica, dall’altro si combatte la crisi climatica grazie alla CO2 sottratta all’atmosfera e fissata in modo stabile nel suolo. Tutela e rispristino della qualità dei nostri terreni, contrasto ai cambiamenti climatici e produzioni agricole di qualità trovano nella fertilizzazione organica una soluzione dagli effetti positivi rilevanti e di facile applicazione”.

Temi, questi, importanti anche per l’agricoltura biologica che si fonda sulla tutela della biodiversità e della naturale fertilità del suolo attraverso le rotazioni, il sovescio e il ricorso alla fertilizzazione organica senza l’ausilio di prodotti di sintesi. Sinergia e convergenza fra Biogasfattobene® e i principi dell’agricoltura biologica sono state le basi del lavoro di confronto tecnico che ha portato CIB e FederBio alla redazione nel 2018 delle Linee guida per l’utilizzo agronomico del digestato in agricoltura biologica.

Su questo tema, in diretta sulla pagina Facebook del Consorzio Italiano Biogas, il Presidente Gattoni si è confrontato con Maria Grazia Mammuccini, Presidente di FederBio, la quale dichiara: “Il suolo è una risorsa preziosa. Qui si concentra il 90% della biodiversità del pianeta. Un terreno degradato riduce la sua capacità di mantenere e immagazzinare carbonio, contribuendo a innescare o potenziare
minacce globali quali il cambiamento climatico. Uno dei valori fondamentali dell’agricoltura biologica è costituito proprio dalla protezione e dall’incremento della fertilità dei suoli che dipende anzitutto dal contenuto di sostanza organica e dalla sua qualità. Adottare le giuste pratiche agronomiche e garantire il costante reintegro di sostanza organica al terreno, in particolare nelle aziende e nei territori dove è venuto meno l’allevamento degli animali, rende molto interessante l’impiego del digestato “fatto bene”, mantenendo saldi i principi e le regole del biologico. Per questo il Protocollo d’intesa siglato con CIB nel 2018 è importante e ha già consentito di realizzare linee guida per la produzione di digestato conformi ai principi del bio. Adesso occorre che la collaborazione continui per mettere a punto anche ulteriori indicazioni pratiche per la corretta gestione agronomica nell’impiego del digestato attivando anche supporti di formazione e consulenza utili per gli agricoltori bio italiani”.

In conclusione Piero Gattoni rimarca: “Nel celebrare la Giornata Mondiale del Suolo vorrei ribadire che adottare un nuovo paradigma, per produrre di più con meno risorse, non è solo doveroso ma è possibile, come dimostrano le azioni concrete già intraprese dalle aziende del Biogasfattobene®. Per questo auspichiamo che anche il quadro normativo favorisca sempre più l’uso agronomico del digestato come fertilizzante organico completo, capace di sostituire quantità sempre crescenti di concimi di sintesi”.

Per approfondire l’azione numero 4 di Farming for Future è possibile visitare il website nella sezione dedicata.

Le dieci azioni di Farming for Future
-1. ENERGIE RINNOVABILI IN AGRICOLTURA
-2. AZIENDA AGRICOLA 4.0
-3. GESTIONE DEI LIQUAMI DA ALLEVAMENTO
-4. FERTILIZZAZIONE ORGANICA
-5. LAVORAZIONI AGRICOLE INNOVATIVE
-6. QUALITÀ E BENESSERE ANIMALE
-7. INCREMENTO FERTILITÀ DEI SUOLI
-8. AGROFORESTAZIONE
-9. PRODUZIONE E USO DI BIOMATERIALI
-10. BI.OGAS E ALTRI GAS RINNOVABILI

Il CIB – Consorzio Italiano Biogas è la prima aggregazione volontaria che riunisce oltre 750 aziende agricole produttrici di biogas e biometano da fonti rinnovabili e più di 200 società industriali fornitrici di impianti, tecnologie e servizi per la produzione di biogas e biometano, enti ed istituzioni che contribuiscono alla promozione della digestione anaerobica per il comparto agricolo. Il CIB è attivo sull’intera area nazionale e rappresenta tutta la filiera della produzione di biogas e biometano in agricoltura, con l’obiettivo di fornire informazioni ai Soci per migliorare la gestione del processo produttivo e orientare l’evoluzione del quadro normativo per favorire la diffusione del modello del Biogasfattobene® che contribuisce al contrasto della crisi climatica.
Attualmente il CIB conta oltre 970 aziende associate e quasi 500 MW di capacità installata.

www.consorziobiogas.it

www.farmingforfuture.it

Kyoto Club e Transport-Environment: destinare 41 miliardi del Recovery Plan alla mobilità sostenibile. 41,15 miliardi del PNRR per una ripresa sostenibile del settore trasporti italiano. Puntare su mobilità urbana e regionale, elettrificazione dei trasporti e transizione ecologica dell’industria automotive. Queste le proposte di Kyoto Club e Transport Environment illustrate nel nuovo rapporto Un Piano di Ripresa e Resilienza per la mobilità sostenibile che sarà commentato oggi in occasione del convegno annuale di Kyoto Club sull’Accordo di Parigi. Risorse che mettano al centro le città, insieme ad una green and just transition del settore produttivo del comparto trasporti.

Secondo Kyoto Club e Transport Environment, che hanno visionato la bozza del Consiglio dei Ministri del 7 dicembre 2020 del PNRR, il Recovery Plan italiano è troppo sbilanciato sulle grandi opere, che assorbirebbero la maggior parte delle risorse in modo inefficiente sia dal punto di vista della necessaria e rapida decrescita delle emissioni di CO2 che è urgente indurre nel settore, sia dal punto vista sociale ed economico. Per decarbonizzare il settore e rilanciare i trasporti in versione green servirebbero piuttosto: un deciso impulso alle reti per la ciclabilità, la pedonalità e la rigenerazione dello spazio urbano, azioni mirate per l’elettrificazione dei trasporti, il potenziamento del TPL elettrico, della mobilità condivisa e degli hub intermodali nelle stazioni, la logistica delle consegne merci a emissioni zero e un’adeguata rete di ricarica per permettere alla mobilità elettrica di continuare con il trend positivo che ha caratterizzato il 2020.

“L’obiettivo di dedicare risorse e progetti alla mobilità urbana, prevista dai PUMS delle città, diviene “uno dei tanti” obiettivi e non assume quel ruolo centrale che merita per il suo peso e impatto, per migliorare i servizi per cittadine/i e imprese. Nella bozza del testo, invece, si punta ancora una volta a potenziare le grandi opere AV piuttosto che dare priorità al trasporto locale e regionale e al potenziamento delle reti ferroviarie del mezzogiorno. Resta in sospeso il giudizio sui singoli progetti e la loro qualità, dato che sono indicati in modo aggregato e sommario, senza una definizione puntuale delle risorse assegnate. Cosi come andrà verificata la sostenibilità complessiva del PNRR, che non può limitarsi alla parte green del 37%” specifica Anna Donati, coordinatrice del gruppo di lavoro Mobilità sostenibile di Kyoto Club.

Servono inoltre politiche industriali decise per permettere al settore industriale di stare al passo con i tempi e scongiurare il rischio che l’Italia resti tagliata fuori dalla rivoluzione elettrica della mobilità. L’elettrificazione dei trasporti rappresenta una delle più importanti rivoluzioni industriali del secolo odierno e una necessità impellente per il settore, che a fronte di mancanza di innovazione potrebbe trovarsi in gravi difficoltà. Grazie ai fondi stanziati dal PNRR possiamo accelerare la spinta alla riconversione della nostra industria in chiave ecologica e garantire un futuro solido al settore automotive e relativa forza lavoro.

“Questa è la nostra occasione per portare a compimento quella transizione verso un’economia a zero emissioni nette al 2050, realizzando la filosofia che è alla base dell’Accordo di Parigi e del più recente Green Deal Europeo. Tra le varie misure sottolineiamo quelle per una reindustrializzazione Green del nostro comparto dei trasporti in modo da recuperare il ritardo che abbiamo accumulato. L’indicazione di una data, il 2030, oltre la quale si potranno vendere solo auto elettriche rappresenta uno stimolo formidabile per accelerare gli investimenti in questa nuova filiera. È arrivato il momento di dare risposte concrete alla crisi che stanno attraversando cittadini e cittadine.” sostiene il direttore scientifico di Kyoto Club, Gianni Silvestrini.

In merito alla governance del PNRR le associazioni chiedono inoltre l’istituzione di un Comitato permanente di consultazione delle associazioni ambientali, al fine di assicurare che la quota parte green del fondo (almeno il 37%) sia spesa a favore della transizione ecologica e che il 100% sia stanziato nel rispetto dei criteri della sostenibilità.

Veronica Aneris, Direttrice di T&E per l’Italia aggiunge “Questi soldi li stiamo chiedendo in prestito alle generazione future ed è doveroso assicurare la costruzione di nuove e solide fondamenta per lo sviluppo sostenibile e la transizione ambientale, energetica e sociale di cui abbiamo urgente bisogno. Utilizzare queste risorse per continuare ad alimentare l’economia business as usual, basata sui combustibili fossili, sarebbe non solo un grave errore strategico, ma anche eticamente inaccettabile. Le competenze in materia di ambiente e sostenibilità devono essere al centro del processo del PNRR sia nella fase di pianificazione e selezione dei progetti che in quella attuativa ed operazionale. Per questo chiediamo l’istituzione di un Comitato consultivo di responsabilità ambientale che veda coinvolte anche le associazioni ambientali.”

In Italia, nel 2018 le emissioni di gas serra dai trasporti sono state pari a 108 mln di tonnellate di CO2, equivalenti al 26% delle emissioni totali. Rispetto al 1990, le emissioni nei trasporti invece di ridursi, come prescritto dagli accordi internazionali sul clima, sono aumentate.

Il raggiungimento del nuovo obiettivo di riduzione delle emissioni di CO2 del blocco UE, recentemente portato per il 2030 dal 40% al 55%, richiede una drastica riduzione delle emissioni del settore trasporti nei prossimi 10 anni.

ph. © Enrico Rainero

www.transportenvironment.org

www.kyotoclub.org

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi