Category: Tecnologie

Out of gas: renewable heating affordable for all in EU. The answer to soaring gas prices lies in renewable heating, a technology that is ready to replace gas boilers but only affordable in 8 EU countries. To enable consumers to overcome the upfront cost for switching to clean heating, EU governments will need to increase subsidies by €70 billion, a new Coolproducts study reveals.

The switch from gas boilers to renewable heating solutions is still out of reach for many European households.
Households willing to install renewable-sourced heating face a common problem. In general, the upfront cost of installing a heat pump is much higher than a gas boiler, but heat pumps are three times more energy efficient. After some years, the upfront cost of a new heat pump can be offset by savings on energy bills – but significant investment is needed at first.

To measure the affordability of switching to heat pumps and solar thermal, we must look at the period needed to cover their upfront cost through the savings on energy bills, which is known as the “payback time”.

With the existing incentives and prices, an average middle-income family of four members will only find a reasonable payback time (8 years or less) when switching from a fossil fuel boiler to a heat pump in Italy, Portugal, Spain, Finland, Cyprus, Malta, Austria and France.

Simply put, 19 out of 27 EU countries either don’t allocate enough subsidies for families to overcome the upfront price of renewable heating solutions or have disproportionate tax regimes on electricity. A lack of public support is hampering the uptake of heat pumps and solar thermal in Europe.

However, solving this problem would be more feasible than ever for EU governments
To make heat pumps affordable for everyone, member states must increase subsidies by at least €70 billion, an extra mile that could be reduced to €20 billion if a CO2 tax of 100 €/ton was introduced (either with the proposed dedicated ETS scheme or alternatively through the Energy Taxation Directive). Such are the estimations of the latest study carried out by the European Environmental Bureau (EEB) on behalf of the Coolproducts campaign.

– Read here the factsheet report for each EU country and the UK
– Here is the full report if you want to have a deeper reading

Green heat for all
Only about 17.3% of the heating appliances installed in European homes are powered by electricity or use clean technologies.
Time is running out to push gas out of a sector that is responsible for 12% of the EU’s total CO2 emissions, equivalent to the emissions of all the cars in the EU, and 28% of the EU’s annual energy consumption.
The non-emitting technologies, able to replace gas, oil and coal boilers, have been there for years and manufacturers have manifested on several times to be ready for the switch.

The only missing piece in this transition towards clean heating is political will. Firstly, we must ban the sale of gas boilers by 2025, which is imperative for achieving climate neutrality by 2050, as the International Energy Agency (IEA) recommended. Secondly, we need to make the switch to renewable heating affordable for all, which would require an extra effort of €70 billion in subsidies.
Fortunately, the combined effect of the national allocation of recovery and resilience plans together with revenues from carbon pricing could allow governments to cover a great part of the extra effort needed to finance the upfront cost of heat pumps.

Still, our analysis also shows that 20 out of 27 EU governments pay millions of euros in subsidies to have new gas boilers installed in our homes, despite evidence that this is slowing down the uptake of renewable heat and undermining Europe’s 2030 climate goals.
Heat pumps with low-GWP refrigerants and solar-thermal technologies have proven to be a very effective, already available solution to slash emissions, but also to protect citizens from our dependency on gas and its volatile prices. These electricity-powered devices can play a major role in reducing energy poverty as solar and wind power are now cheaper than fossil fuels and do not suffer from market-related problems.

While our analysis focuses on average-income households, additional social measures will have to be taken in order to eliminate barriers to clean heat for low-income households. The proposed Social Climate Fund of the Fit For 55, carbon pricing revenues and further energy poverty programmes must be addressed in order to make the purchase of renewable technologies feasible and the running cost compatible with everyone’s income.

Key facts and figures
– The rough cost estimate for making the replacement of all gas and oil boilers with heat pumps or solar-thermal boilers affordable for all (considering a typical investment of €10k) is €70Bn in the EU.
– This would go down to €20Bn if a CO2 tax of €100 would be in place.
– Ground source heat pumps working on the national electricity mix are the least emitting heating technologies in all member states.
– Air to water heat pumps have lower emissions than gas boilers in all member states except Poland and Estonia, due to the high share of coal in the power sectors of these two states.
– Only in 8 EU countries payback time for heat pumps is acceptable (< 8years) with existing incentives and energy prices.
– If a CO2 tax of €100 is introduced (in some form) heat pumps would have an acceptable payback time in 12 instead of 8 member states
– Southern EU countries (Cyprus, Malta, Portugal and Spain) have shorter payback times as their clean heating technology mix, air-to-air heat pumps combined with solar thermal, is less expensive than an air-to-water or a ground source heat pumps.

Davide Sabbadin, a Policy Officer at the European Environmental Bureau (EEB), said: “Households in Europe are not all equal, at least when it comes to breaking free from fossil gas. Member states and EU institutions must beef up their dedicated funds to overcome upfront costs and set a regulatory framework that eases renewables in the heating market, because carbon pricing alone cannot do the job. Not only can these policies slash emissions massively, but they can also end our dependence on gas and protect citizens from its volatile prices”

Mélissa Zill, Programme Manager for heating at ECOS, said: “The pouring of public funds into polluting technologies must stop. We must stop selling gas and oil boilers as of 2025. Governments must help everyone to make the switch, leaving no one behind. With gas prices soaring and recovery funds being allocated, EU member states stand before a unique window of opportunity.”

Coolproducts is a coalition of NGOs led by the European Environmental Bureau (EEB) and the European Environmental Citizens Organisation for Standardisation (ECOS). We campaign to ensure a better product policy for EU citizens and the environment.

The EEB is Europe’s largest network of environmental organisations with over 140 members in 30 countries. ECOS is the only European NGO focusing on environmental standards.

www.eeb.org

www.coolproducts.eu

Recupero componenti elettronici. OSAI, la società canavesana impegnata nella Circular Economy, con lo sviluppo del progetto “Re4M” – sistema innovativo per l’estrazione e selezione dei componenti elettronici destinati al recupero dei metalli preziosi – si è presentata alla fiera Ecomondo quale nuovo partner per modelli di economia circolare.

OSAI (Ticker AIM – OSA), società attiva nella progettazione e produzione di macchine e linee complete per l’automazione e il testing su semiconduttori, ha partecipato a ECOMONDO per illustrare il proprio approccio tecnologico all’urban mining rappresentato dal progetto “Re4M”, il sistema ideato per il riciclo efficiente dei rifiuti elettronici (RAEE) e per la trasformazione in nuova materia prima.
Il progetto, sul quale verranno investiti 5 milioni di Euro, proseguirà nei prossimi due anni con attività di ricerca e sviluppo e la realizzazione di un primo prototipo nel 2023 con la successiva commercializzazione entro la fine del 2025.

Marco Guolo, CTO di OSAI, ha commentato: “Sei anni fa siamo stati chiamati dal Fraunhofer Institute per partecipare ad un innovativo progetto, chiamato ADIR, per la realizzazione di un sistema automatizzato per il disassemblaggio, la seperazione e il recupero dei materiali preziosi dai dispositivi elettronici in disuso. L’obiettivo ambizioso era quello di individuare un nuova tecnologia per lo sfruttamento della miniera urbana.
Dopo l’esperienza positiva maturata nel progetto ADIR e diversi anni di sviluppo nei quali abbiamo appreso le problematiche, le esigenze e le opportunità, siamo in grado di affermare con certezza che applicare l’automazione industriale cambiando il paradigma, ovvero smontare invece di montare, separare invece di unire, in un ambito dove tutto o quasi è fatto a mano, genera grande valore.
L’automazione porta efficienza, applicazione di nuove tecnologie, velocità e qualità e garantisce valore nel recupero della materia prima. Il progetto Re4M sul quale stiamo investendo permetterà di applicare le nostre migliori tecnologie nel riciclo efficiente dei rifiuti elettronici (RAEE), trasformandoli in nuova materia prima da inserire all’interno del processo produttivo in ottica di economia circolare.
Siamo ad Ecomondo per comunicare che abbiamo concretizzato alcune delle nostre idee, abbiamo concepito un impianto di trattamento delle schede elettroniche da RAEE per generare nuovo valore dal rifiuto in maniera efficiente e sostenibile e per applicare quei concetti di economia circolare che ci stanno così a cuore anche dal punto di vista etico”
.

Per meglio valorizzare il contesto e l’applicazione del sistema sviluppato dalla Società in ottica di filiera, OSAI ha condiviso lo stand con BTT Italia, azienda italiana che da oltre 40 anni opera nel settore della raffinazione dei metalli preziosi occupandosi di estrarre da diverse matrici, con diverse provenienze, l’elemento più raro, restituendolo alla sua forma più pura.
La complementarietà delle soluzioni presentate in fiera da OSAI e BTT rappresentano una grande occasione per i visitatori di Ecomondo affinchè possano scoprire le potenzialità che la tecnologia sviluppata mette a disposizione del mercato quale soluzione completa per la valorizzazione della miniera urbana.

Fabio Benetti, CEO di OSAI, ha commentato: “con piacere ed emozione OSAI partecipa per la prima volta, quale espositore, ad ECOMONDO, vetrina di grande prestigio nella quale presentare il nostro progetto Re4M, sul quale stiamo investendo in maniera importante per offrire nuove soluzioni in ambito automation al settore dell’urban minig. Avremo inoltre l’onore di condividere lo stand con gli amici di BTT Italia i quali hanno sviluppato una soluzione tecnologica, perfettamente complementare alla nostra, in grado di arrivare dal componente alla raffinazione del metallo prezioso.
La complementarietà delle due soluzioni ci permetterà di far comprendere in manierà più chiara il potenziale al cliente finale e le opportunità di una soluzione completa, perfettamente integrata, che rende il progetto unico al mondo in questo momento”

Osai Automation System, fondata nel 1991 da Carlo Ferrero, è attiva a livello worldwide nella progettazione e produzione di macchine e linee complete per l’automazione e il testing su semiconduttori.
La Società, con sede operativa a Parella (TO), occupa 195 dipendenti ed opera prevalentemente attraverso 5 divisioni: Automazione, Elettronica, Laser Applicato, Semiconduttori e After-sales. La rete distributiva di Osai è costituita da oltre 40 distributori in tutto il mondo, con oltre 50 staff locali e 3 filiali commerciali (USA, Germania e Cina).
Osai è identificabile nel mercato quale solution provider nell’automazione di processo per linee di prodotti che operano prevalentemente in settori ad elevato technology content e tramite un portafoglio di tecnologie trasversale.

 

Efficient recycling of electronic waste

OSAI, the Canavese company committed to the Circular Economy, with the development of the “Re4M” project – an innovative system for the extraction and selection of electronic components for the recovery of precious metals – has presented itself at the Ecomondo fair as a new partner for circular economy models.

OSAI (Ticker AIM – OSA), the company that operates in the field of design and production of machines and complete lines for automation and testing on semiconductors, has illustrate in Ecomondo its technological approach to urban mining represented by the “Re4M” project, the system designed for the efficient recycling of electronic waste (WEEE) and for its transformation into new raw material.
The project, in which 5 million euros will be invested, will continue over the next two years with research and development activities and the construction of a first prototype in 2023 with subsequent commercialization by the end of 2025.

Marco Guolo, CTO of OSAI, stated: “Six years ago we were called by the Fraunhofer Institute to participate in an innovative project, called ADIR, for the construction of an automated system for the disassembly, separation and recovery of precious materials from disused electronic devices. The ambitious goal was to identify a new technology for the exploitation of the urban mine.
After the positive experience gained in the ADIR project and several years of development in which we learned the problems, needs and opportunities, we are able to say with certainty that applying industrial automation by changing the paradigm, i.e. disassembling instead of assembling, separating instead of joining, in an area where everything or almost everything is done by hand, generates great value. Automation brings efficiency, application of new technologies, speed and quality and guarantees value in the recovery of raw materials.
The Re4M project in which we are investing will allow us to apply our best technologies in the efficient recycling of electronic waste (WEEE), transforming them into a new raw material to be included in the production process with a view to circular economy. We were at Ecomondo to communicate that we have implemented some of our ideas, we have conceived a treatment plant for electronic cards from WEEE to generate new value from waste in an efficient and sustainable way and to apply those concepts of circular economy that are so important to us from an ethical point of view “.

To better enhance the context and application of the system developed by the Company from a supply chain perspective, OSAI will share the stand with BTT Italia, an Italian company that has been operating in the precious metals refining sector for over 40 years, taking care of extracting from different matrices, with different origins, the rarest element, returning it to its purest form.
The complementarity of the solutions presented at the fair by OSAI and BTT represent a great opportunity for Ecomondo visitors to discover the potential that the developed technology makes available to the market as a complete solution for the enhancement of the urban mine.

Fabio Benetti, CEO of OSAI, commented: “With pleasure and emotion, OSAI participates for the first time, as an exhibitor, in ECOMONDO, a highly prestigious showcase in which to present our Re4M project, in which we are investing heavily to offer new automation solutions for the urban minig. We will also have the honor of sharing the stand with friends of BTT Italia who have developed a technological solution, perfectly complementary to ours, able to go from the component to the refining of the precious metal. The complementarity of the two solutions will allow us to make the end customer understand more clearly the potential and the opportunities of a complete, perfectly integrated solution, which makes the project unique in the world at the moment “

Osai Automation System, founded in 1991 by Carlo Ferrero, operates worldwide in the design and production of machines and complete lines for automation and testing on semiconductors.
The Company, with operational headquarters in Parella (TO), employs 195 people and operates mainly through 5 divisions: Automation, Electronics, Applied Laser, Semiconductors and After-sales.
The Osai distribution network is made up of over 40 distributors all over the world, with over 50 local staff and 3 commercial branches (USA, Germany and China).
Osai can be identified in the market as a solution provider in process automation for product lines that operate mainly in sectors with high technology content and through a cross technology portfolio.

www.osai-as.it

Conclusi Ecomondo e Key Energy 2021. La strada per la transizione ecologica è tracciata e passa da Rimini, dove si sono tenuti Ecomondo e Key Energy, i due saloni dedicati all’economia circolare ed alle energie rinnovabili, organizzati da Italian Exhibition Group, con risultati ben oltre le più rosee previsioni.

Quasi l’85% di presenze rispetto all´ultima edizione pre-covid, più di 1.080 marchi presenti a tutto quartiere per il 90% della superficie, 500 ore di convegni e seminari, con il decennale degli Stati Generali della Green Economy, sono i numeri che confermano che la spinta alla transizione ecologica passa anche dalle due storiche manifestazioni di Rimini.

Luogo di confronto e soprattutto business per una comunità di imprese, istituzioni, enti e organizzazioni che nei saloni di Rimini si sono confrontati sulle tematiche oggi al centro delle agende di tutti i governi, e legate in particolare alle opportunità connesse all’avvio del PNRR alla vigilia di un appuntamento politico fondamentale come la COP26 di Glasgow.
Importante e qualificata, inoltre, la partecipazione governativa italiana, così come l´egida della Commissione europea, a rimarcare l’importanza che queste manifestazioni hanno assunto negli anni come punto di riferimento sia nell’area del Mediterraneo sia per istituzioni di primo livello europeo per policy e ricerca ed innovazione nei settori indicati.

Bioeconomia circolare, risorse idriche, trattamento dei rifiuti e processi di digitalizzazione che portano la green economy nel perimetro di industria 4.0 sono tra le novità di filiera più interessanti di questa edizione 2021.
Le aziende che lavorano sui processi e il monitoraggio sono l’anello di raccordo tra la raccolta dei materiali di scarto e la materia prima seconda. Cresciuti, anche in termini di business generato in fiera, le bioenergie e il fotovoltaico e tutto il settore dell’illuminazione smart nelle città legato all’efficientamento e alla sicurezza.

Il salone biennale dei veicoli per l’ecologia SAL.VE ha messo insieme in un’unica vetrina telaisti e allestitori dei mezzi per l’igiene urbana e gli allestimenti per la raccolta differenziata con mezzi a propulsione ibrida o full electric.

Dalle presse meccaniche alle stampanti 3D alimentate da plastiche bio, industria e startup sono state visitate da operatori qualificati e orientati al business, che fanno dei due saloni appuntamenti di green business.
Cresciuta anche la percentuale di stand che sono stati allestiti con materiali sostenibili, ottenuti dal riciclo di legno d’arredi o altri materiali di edilizia, dai pannelli alle piastrelle.

Con gli eventi di Ecomondo, curati dal Comitato scientifico presieduto dal professor Fabio Fava – è stata condotta un’analisi puntuale sul tema della rigenerazione dell’ambiente, in linea con le raccomandazioni del Green Deal europeo.
Grazie alle “conferenze faro” sono state identificate le azioni che potranno consentire una rigenerazione sistemica ed inclusiva delle nostre manifatture, delle nostre città, del patrimonio naturale, suolo, acque e mari, per un pronto recupero economico, ambientale e sociale del Paese assieme all’Europa e all’area del Mediterraneo.

Nella sessione inaugurale di Key Energy, uno studio preparato per questo evento dall’Energy Strategy Group del Politecnico di Milano ha approfondito le opportunità legate al PNRR, in particolare in termini di ricadute economiche e occupazionali: si parla di più di 64 miliardi di euro di ricavi aggiuntivi, oltre a 132mila posti di lavoro in più.
Si è parlato inoltre, nei convegni curati dal Comitato scientifico presieduto da Gianni Silvestrini, delle novità in arrivo, dall’eolico off-shore all’agro-fotovoltaico, dalle Comunità energetiche all’idrogeno, di strategie climatiche, nonché dei primi interessanti risultati sui fronti del Superbonus e della mobilità elettrica.

Italian Exhibition Group dà l’appuntamento al mondo della Green Economy e delle energie rinnovabili al 2022, anno in cui è da segnare in calendario anche il nuovo evento SOLAR EXHIBITION AND CONFERENCE by Key Energy, dal 23 al 25 marzo 2022 nel quartiere fieristico di Rimini: una tre giorni dedicata esclusivamente all’industria dell’energia solare e alle sue filiere con area espositiva, convegni, incontri e dibattiti.
L’evento, dal format innovativo e altamente focalizzato sulle esigenze delle aziende e delle community del solare, si terrà in sinergia e in contemporanea con la seconda edizione di FORUMTECH, l’evento di formazione e informazione di ITALIA SOLARE organizzato il 23 marzo 2022.
Sempre nel 2022, in programma anche due eventi internazionali: CDEPE – Chengdu International Environmental Protection Expo powered by Ecomondo, la più grande fiera di tecnologia verde nel mercato della Cina occidentale, dal 20 al 22 maggio 2022 a Chengdu (e quest’anno dal 18 al 20 novembre) e Ecomondo Mexico, dal 12 al 14 luglio 2022 a León, organizzato in partnership con Deutsche Messe.

FOCUS ON ITALIAN EXHIBITION GROUP
Italian Exhibition Group (IEG), quotata sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A., ha maturato negli anni, con le strutture di Rimini e Vicenza, una leadership domestica nell’organizzazione di eventi fieristici e congressuali e ha sviluppato attività estere – anche attraverso joint-ventures con organizzatori globali o locali, negli Stati Uniti, Emirati Arabi, Messico, India e in Cina – che l’hanno posizionata tra i principali operatori europei del settore.

www.ecomondo.com

www.keyenergy.it

Cold chains energy efficiency for the food and beverage sector. ICCEE, a project funded by the Horizon 2020 programme, launches several tools and platforms developed by the project partners these past months, all with one goal: increasing the energy efficiency and sustainability culture of industrial companies, warehouse, cold storage and logistic operators, providing keys to improve their core business by easily revising their operations.

ICCEE is a 3-year project launched in September 2019 and funded by the European programme Horizon 2020, which aims at turning energy efficiency opportunities of food and beverage companies into actual investments and allowing them to find opportunities to improve the cold chain with a holistic approach.
With this aim, a full capacity building programme dedicated to improving the energy performance through direct training and e-learning was designed and created by a team of experts coming from both the private and public sector. The trainings, organised all across Europe since 2020, have allowed to engage a lot of stakeholders from the value chain. To share knowledge on industrial refrigeration energy efficiency and increase the number of participants receiving this knowledge, an e-learning platform was launched by ICCEE, available on the project website.

8 more interactive and digital EU workshops are now in the pipeline until end of 2021, to introduce stakeholders some of the tools developed to further support the industry on their path to sustainability and increased energy efficiency and allow them to put them to use. Each workshop will define in depth the three main energy efficiency measures resulting from the tools’ application, as well as the funding opportunities to finance them. They will also allow to focus on one subsector: beverage, dairy products, fish, frozen food, fruits and vegetables, meat, and HORECA.

The 6 ICCEE tools, just released on the project website, allow users to add their own data and sector characteristics, to carry out benchmarking and what-if analyses to reduce uncertainties and risks, evaluate the cost-benefits of energy efficiency measures across the supply chain through an holistic approach, prioritize measures to improve the economic and energy performance of the whole supply chain, assess non-energy benefits, such as enhanced competitiveness, reduced maintenance, improved working environment, and finally be informed about existing funding opportunities for energy efficiency measures. Tutorial videos are provided to navigate the users through the tools and allow them to upgrade their skills.
Another platform, the Industry Informative Network, was created to increase stakeholder exchange, fostering the link between various market stakeholders and bridging the gap between demand and supply. It comprises three sections: a community of practitioners for discussion, a library and a technical repository to bridge the gap between market supply and demand – the catalogue of innovations. The platform will be populated over time with manuals, brochures, technical notebooks and other available information on legislative and technical developments for the cold supply chains in the food and beverage sector and invites stakeholders to contribute.
Finally, two major project events have been announced where stakeholders will hear about these tools and the project work: the first event, October 19, builds on the results of 7 EU-funded projects: DEESME, E2DRIVER, INNOVEAS, SMEmPOWER, SPEEDIER, ICCEE and Triple-A, and is part of the European Sustainable Energy Week extended programme. It is organised as mid-term event of ICCEE and will provide

The ICCEE project has received funding from the European Union’s Horizon 2020 research and innovation programme under grant agreement no. 847040, guidelines and good practices to implement energy efficiency solutions, focusing on the challenges, opportunities, new forms of actions and regulations to enhance the role of SMEs in energy transition.
The project final conference will be organised during the World Sustainable Energy Days, in Wels, Austria, beginning of March 2022.

ICCEE (Improving Cold Chain Energy Efficiency, Sept 2019 – August 2022) will facilitate SMEs in the cold chains of the food and beverage sector to undertake energy efficiency measures (EEMs) after carrying out supply chain energy audits. The focus on the cold chains of the sector is due to the significant energy requirements (refrigerated transport, processing and storage) with large potentials for savings. The implementation of an holistic approach, shifting from the single company perspective to the chain assessment, lead to increased opportunities for EEMs. To enable the update of EEMs, ICCEE will a) implement and apply an analytical energy efficiency tool to support and facilitate decision-making at different company organisational levels and b) launch a capacity building program towards staff and relevant stakeholders and a community dedicated to support a change in energy culture of the sector. The feasibility of EEMs will be evaluated by considering economic, environmental and social impacts encompassing their entire life cycle and the entire supply chain. Non-energy benefits and behavioural aspects will also be addressed and recommendations on financing schemes for SMEs will be assessed.

www.iccee.eu

www.iin-iccee.eu

Economia Circolare: 200 nuove professioni. Il rapporto Randstad Research: il primo censimento aperto sulle professioni dell’economia circolare. Profili ibridi con competenze tecniche e trasversali in costante connessione tra loro. Urgente il rilancio del sistema di istruzione-formazione per ricoprire questi ruoli

“Designer circolare”,gestore della logistica inversa”, “esperto di blockchain per la sostenibilità”, “tecnico di gestione della filiera”, “carrellista digitale”, passando per l’imprenditore e per gli ingegneri gestionali che dovranno guidare le aziende nell’innovazione.
Sono oltre 200 (e in continua crescita) le nuove professioni dell’economia circolare, censite nella nuova indagine di Randstad Research, il centro di ricerca sul lavoro del futuro promosso da Randstad, che ha realizzato il primo repertorio in questo ambito come strumento di orientamento per le aziende e lavoratori.

L’economia circolare è il paradigma chiave per una transizione alla sostenibilità ambientale e sociale, la sfida urgente e decisiva del post-Covid e di cui ormai sono sempre più consapevoli consumatori, imprese e gli operatori pubblici; è un paradigma in gran parte ancora da attuare, che punta a ridurre – fino ad eliminare – la produzione di scarti attraverso le innovazioni che ne consentano l’utilizzo e il riutilizzo.

Le professioni coinvolte richiedono un mix di conoscenze “ibride”, sia tecnico-scientifiche specifiche dell’ambito di riferimento, sia trasversali, come la capacità di fare squadra, l’apertura al cambiamento, la capacità di aggiornarsi continuamente e doti relazionali, in connessione costante con i contesti in cui operano. Ed evidenziano un ostacolo che va superato: l’insufficienza di persone adeguatamente preparate per ricoprire questi ruoli, con il rischio di esasperare nei prossimi anni la cronica difficoltà di reperimento di personale.

Le costellazioni rappresentano la metafora proposta da Randstad Research per disegnare le squadre che, in ogni ambito, devono affrontare gli aspetti specifici di questa sfida. Le nuove professioni ibride richiedono infatti una nuova organizzazione del lavoro.
Il modello fordista, entrato in crisi dagli anni ’90, viene definitivamente superato nella circolarità, perché la segmentazione delle mansioni lavorative fa posto al collegamento tra queste. È scorrendo le diverse connessioni che si evidenziano delle vere e proprie “costellazioni” di professioni che viaggiano vicine, rapportandosi tra di loro e permeandosi di conoscenze le une con le altre.

In questo senso, le competenze del curriculum di studi di ciascuna professione vanno integrate trasversalmente con quelle relative ai temi della circolarità e della sostenibilità, ed in secondo luogo con le conoscenze che permettono di rapportarsi con i “compagni di viaggio”.
Nel repertorio aperto delle professioni dell’economia circolare, Randstad Research ha rappresentato 15 costellazioni, a cominciare per esempio da quella dell’agricoltura: per ogni professione viene segnalata la costellazione di riferimento, poi le professioni e le costellazioni con le quali si ibrida. Ogni costellazione è costituita da professioni centrali, professioni specialistiche (presenti solo in alcuni tipi specifici di aziende) e professioni emergenti trasversali.

“È necessario sostenere lo sviluppo dell’economia circolare evitando ‘colli di bottiglia’ nelle risorse umane – avverte Daniele Fano, Coordinatore del comitato scientifico di Randstad Research -. Nei prossimi mesi, in cui l’Italia sarà impegnata nella transizione sostenibile, è destinato ad aggravarsi il problema del “matching”, la difficoltà a riempire i posti vacanti che già oggi ci affligge. Il nostro sistema formativo deve attrezzarsi rapidamente per formare il capitale umano che nei prossimi anni dovrà programmare, realizzare e gestire tecnologie e servizi dell’economia circolare. ll PNRR, con la forte spinta agli ITS, come quelli erogati dalla Fondazione Tech Talent Factory di cui fa parte Randstad, può essere l’occasione per rilanciare tutti i percorsi tecnico-professionali di cui c’è urgente bisogno. Ma è necessario moltiplicare l’accesso dei giovani agli ITS, insieme a un ampio piano ‘shock’ per la formazione e l’istruzione, dalla scuola materna alla formazione continua”.

Le competenze dell’economia circolare
L’economia circolare richiede nuove professioni o la re-invenzione di professioni tradizionali. Innanzitutto, nel settore manifatturiero del riciclo (che conta in Italia 93.00 occupati), ma anche in molti altri. Ha bisogno di designer dei cicli di produzione e consumo, di imprenditori e di ingegneri gestionali che diano senso a questi processi, di operatori a tutti livelli chiamati a separare e ricombinare i prodotti e di molte professioni attigue, a seconda dell’innovazione introdotta.
Dall’analisi delle competenze richieste, nelle oltre 200 professioni individuate, sono fondamentali principalmente le conoscenze tecnico-scientifiche, lo spirito di progettazione, l’attitudine al cambiamento, la capacità di gestione e di controllo, la conoscenza delle norme, la vocazione alla comunicazione e al coordinamento. E poi ci sono le competenze trasversali che variano a seconda della professione. Sono ricorrenti soprattutto la capacità di lavorare in squadra, di capire i trend emergenti, la flessibilità, la capacità di rapportarsi con persone interne ed esterne. Sono profili “ibridi” che richiedono conoscenze più ricche del comune e una maggiore capacità di mettersi “in connessione” con altre professioni.

Randstad Research Italia (RRI) è un centro di ricerca del gruppo Randstad, nato all’inizio del 2019. L’Istituto sorge da una serie di constatazioni rivolte all’attuale mondo del lavoro. Si tratta di una realtà indipendente con un Comitato scientifico composto da studiosi ed esperti di lavoro e formazione.
Randstad Research Italia divulga le proprie ricerche con cadenza annuale, trimestrale e mensile, attraverso paper, note e contributi occasionali di ricerca.
Gli aspetti oggetto di indagine sono suddivisi in un’area core, rappresentata dall’analisi delle professioni richieste per il futuro, più alcune aree satellite, composte da focus settoriali, partnership e dalla valorizzazione di ricerche e notizie di terzi a cui si desidera fornire visibilità.

www.randstad.it

report

Efficienza Energetica cresce, nonostante le generali difficoltà produttive quotidiane. È quanto ho verificato come moderatore delle tre Tavole Rotonde a IT’S ALL ENERGY EFFICIENCY, dalle testimonianze dei protagonisti attivi nei settori più diversi, tutti focalizzati al taglio degli sprechi energetici, utilizzando sì le tecnologie, ma anche e soprattutto le competenze e la passione. Le esperienze hanno evidenziato parole chiave, esempi come modello e slogan stimolanti.

 (altro…)

Luce nuova in Deco Industrie. SMARTEFFICIENCY per ILLUMINAZIONE. Sono stati effettuati i relamping completi negli stabilimenti di Bagnacavallo, Zerbinate di Bondeno, Forli. Deco Industrie è nata nel 1951 nel settore della detergenza per poi ampliarsi nel 1995 al settore alimentare. (altro…)

CONAI ridurrà quattro contributi ambientali: quelli per acciaio, alluminio, plastica e vetro. Dal 1° gennaio 2022 il Consiglio di amministrazione CONAI ha deliberato una diminuzione del contributo ambientale (o CAC) per quattro materiali di imballaggio: dopo carta e cartone – il cui CAC è stato ridotto lo scorso maggio con decorrenza dal 1° luglio, data in cui è entrato in vigore anche il nuovo CAC per la plastica biodegradabile e compostabile, arriva ora la decisione di abbassare il contributo per gli imballaggi in acciaio, alluminio, plastica e vetro.

Quattro nuove variazioni, legate a valutazioni sullo scenario attuale della filiera del recupero e del riciclo degli imballaggi, in vigore a partire dal 1° gennaio 2022. Il contesto favorevole, con listini dei materiali a riciclo in forte ascesa, si traduce così in una riduzione dei contributi ambientali: diretta conseguenza dell’introduzione del criterio economico come elemento di valutazione dei contributi stessi. Il sistema CONAI, infatti, si caratterizza proprio come modello capace di modulare interventi e costi in base alla capacità del mercato di far fronte alle esigenze ambientali. Le riduzioni fin qui approvate, carta compresa, porteranno per le aziende risparmi da CAC stimabili in circa 163 milioni di euro.

Riduzione di 6 €/tonnellata per gli imballaggi in acciaio
Il valore del CAC per l’acciaio scenderà da 18 €/tonnellata a 12 €/tonnellata. Una variazione legata a un nuovo scenario economico che vede crescere il valore di mercato dei rottami: i suoi effetti sui ricavi da vendita dei materiali a riciclo sono decisamente positivi e rendono oggi possibile una diminuzione del contributo ambientale per i pack in questo materiale. Nel 2022, il risparmio previsto per gli utilizzatori di questo tipo di imballaggi dovrebbe risultare pari a quasi 3 milioni di €, su 500.000 tonnellate di immesso al consumo.

Riduzione di 5 €/tonnellata per gli imballaggi in alluminio
Il valore del CAC per l’alluminio si ridurrà da 15 €/tonnellata a 10 €/tonnellata.
L’alluminio è un materiale che ha sempre mantenuto alti i suoi valori di mercato: l’attuale contesto economico, che ha impatti straordinariamente positivi sull’andamento del materiale da riciclo, rende possibile la nuova revisione al ribasso del contributo ambientale per gli imballaggi in questo materiale. Nel 2022, il risparmio previsto per gli utilizzatori di questo tipo di pack dovrebbe risultare pari a oltre 350.000 €, su oltre 70.000 tonnellate di immesso al consumo.

Riduzione di 4 €/tonnellata per gli imballaggi in vetro
Il valore del CAC per il vetro scenderà da 37 €/tonnellata a 33 €/tonnellata. La nuova situazione economica, infatti, autorizza a prevedere miglioramenti sia sul fronte dell’immesso al consumo di imballaggi in questo materiale sia su quello dei valori della materia da riciclo. Previsioni che rendono possibile una diminuzione del contributo ambientale. Nel 2022, il risparmio previsto per gli utilizzatori di questo tipo di pack dovrebbe risultare pari a oltre 11,5 milioni di €, su circa 2 milioni e 900.000 tonnellate di immesso al consumo.

Le riduzioni per gli imballaggi in plastica e la nuova diversificazione contributiva
Si passa da quattro a cinque fasce contributive: per quattro il CAC si riduce, per una resta invariato.

Già a settembre 2020 il Consiglio d’amministrazione CONAI si era impegnato a rivedere criteri e logiche della diversificazione contributiva per gli imballaggi in plastica per l’anno 2022, ossia la suddivisione di questi pack in diverse fasce a cui vengono applicati CAC differenti.
Un impegno preso sia alla luce di quanto in atto a livello europeo, sia con l’obiettivo di legare sempre più i valori del contributo ambientale plastica alla loro riciclabilità e al circuito di destinazione ma anche al deficit di catena, ossia ai costi/ricavi delle attività di raccolta, selezione e riciclo.
L’evoluzione 2022 del CAC diversificato per gli imballaggi in plastica prende le mosse dall’aggiunta di una nuova fascia contributiva.
Dal 1° gennaio 2022 i pack in polimeri plastici saranno infatti divisi in cinque fasce.
La fascia A si sdoppierà, dividendosi in A1 e A2.
Nella prima voce rimarranno tutti gli imballaggi ricompresi in precedenza nella fascia A, al netto dei pack flessibili in polietilene che passeranno in fascia A2; questi ultimi sono imballaggi flessibili con una filiera industriale di selezione e riciclo efficace e consolidata, in prevalenza da circuito commercio&industria ma sempre più presenti anche nella raccolta differenziata urbana, e di conseguenza con un deficit di catena maggiore. In questa fascia saranno inoltre tollerati gli imballaggi flessibili in polietilene espanso con spessori uguali o inferiori ai 2 millimetri (attualmente in fascia B2). Per i pack in fascia A1, il CAC scenderà dagli attuali 150 €/tonnellata a 134 €/tonnellata.
Il CAC per gli imballaggi di fascia A2, nonostante il deficit di catena in crescita, rimarrà, ma solo in questa prima fase di prima applicazione, invariato rispetto a quello dell’attuale fascia A: 150 €/tonnellata.
La fascia B1 rimarrà dedicata agli imballaggi in prevalenza da circuito domestico con una filiera industriale di selezione e riciclo efficace e consolidata.
L’introduzione, in prima applicazione, del criterio economico porterà alla riduzione del CAC per i pack di questa fascia da 208 €/tonnellata a 192 €/tonnellata.
La fascia B2 raggrupperà tutti gli altri imballaggi selezionabili/riciclabili da circuito domestico e/o commercio&industria.
Ossia quelli con diversi livelli di selezionabilità e riciclabilità; quelli riciclabili di recente introduzione sul mercato; quelli a riciclo oneroso e/o dai quali si ottengono rifiuti selezionati di minore qualità; quelli con filiere di riciclo in fase di consolidamento e sviluppo.
In questa fascia saranno tollerati anche gli imballaggi in polietilene espanso con spessori superiori ai 2 millimetri (attualmente in fascia C) e gli strati barriera realizzati in EVOH, ma con limite al 5% del peso totale dell’imballaggio.
Il passaggio dalla fascia B2 alla fascia B1 dei tappi in plastica conformi alla direttiva SUP, quindi progettati per rimanere solidali con il contenitore per bevande in plastica fino a 3 litri, sarà subordinato all’entrata in vigore della norma tecnica EN (in fase di definizione).
Anche la fascia B2 vedrà il CAC ridursi: dagli attuali 560 €/tonnellata si scenderà a 533 €/tonnellata.
Rimarranno in fascia C quei pack con attività sperimentali di selezione o riciclo in corso, e quelli non selezionabili/riciclabili allo stato delle tecnologie attuali.
Nonostante si tratti della fascia di imballaggi in plastica con maggiore impatto ambientale ed economico, anche questa fascia sarà interessata da una riduzione del contributo ambientale da 660 €/tonnellata a 644 €/tonnellata, grazie all’introduzione in prima applicazione del deficit di catena e quale effetto dell’ottimizzazione dei costi messa in atto dal consorzio Corepla.

Dopo la pausa estiva è previsto un momento di verifica del deficit di catena che potrebbe determinare ulteriori interventi sul contributo ambientale, dal momento che il mercato della vendita all’asta degli imballaggi post consumo è in continua evoluzione.

Il Consiglio di amministrazione, infine, ha comunque deciso di proseguire il percorso di analisi per rafforzare ulteriormente la diversificazione contributiva, in particolare per legare in misura sempre più rilevante i valori del CAC di ogni fascia agli effettivi deficit di catena e prevedendo eventuali ulteriori segmentazioni e rivalutazioni.

Nel 2022, il risparmio previsto per gli utilizzatori di imballaggi in plastica dovrebbe risultare pari a quasi 13 milioni di €, su oltre 1 milione e 850.000 tonnellate di immesso al consumo.

Procedure semplificate per l’import
Le riduzioni avranno effetti anche sulle procedure forfettarie/semplificate per importazione di imballaggi pieni, sempre a decorrere dal 1° gennaio 2022.
Le aliquote da applicare sul valore complessivo delle importazioni (in €) diminuiranno conseguentemente da 0,20 a 0,19% per i prodotti alimentari imballati e da 0,10 a 0,09% per i prodotti non alimentari imballati. Il contributo mediante il calcolo forfettario sul peso dei soli imballaggi (tara) delle merci importate (peso complessivo senza distinzione per materiale) scenderà dagli attuali 101 a 99 €/tonnellata.
I nuovi valori delle altre procedure semplificate saranno a breve disponibili sul sito CONAI.

www.conai.org

Calo investimenti efficienza energetica nell’industria, investimenti a -20% nel 2020. Presentato il Digital Energy Efficiency Report 2021, undicesima edizione di Energy&Strategy Group, School of Management Politecnico di Milano

Nel 2020 in Italia gli investimenti per l’efficienza energetica nel comparto industriale (poco più di 2 miliardi di euro, di cui il 90% in tecnologie hardware e solo l’8% in software per il monitoraggio dei cicli produttivi) sono diminuiti del 19,6% rispetto all’anno precedente, ma non è tutta colpa del Covid. Già nel 2018-2019 era in atto una frenata, dopo la crescita del triennio 2015-2017, le cui cause sono da ricercare in un quadro normativo incerto (in particolare per i Certificati Bianchi) e volto in direzioni opposte a quelle segnalate dagli operatori come necessarie per riprendere la crescita. È alle ragioni profonde di questa crisi, e alle soluzioni per uscirne, che è dedicato il Digital Energy Efficiency Report 2021, redatto dall’Energy&Strategy Group della School of Management del Politecnico di Milano e presentato oggi.

“Il 2021 ha portato in dote un’ulteriore riforma dei Certificati Bianchi, ma la direzione è ancora quella sbagliata, perché non ha tenuto conto di nessuna delle proposte avanzate dalle imprese del settore – commenta Davide Chiaroni, Vicedirettore dell’E&S Group -. Un intervento incompleto che si traduce in un rischio per il comparto industriale legato all’efficienza energetica, come investitore o come fornitore di tecnologie o servizi. L’approvazione da parte dell’Unione Europea del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è certamente una buona notizia, perché le risorse destinate al Piano Transizione 4.0 potrebbero, secondo le nostre stime, annullare entro il 2023 l’effetto negativo del Covid. Ma non basta: per risolvere i problemi del comparto è necessario andare oltre il PNRR e riprendere in mano seriamente il tema dei Certificati Bianchi. Ci sono lo spazio e il tempo per farlo, le idee e anche la fiducia degli operatori e delle imprese, che guardano agli investimenti in efficienza energetica come a un patrimonio su cui fare leva per l’effettiva ripartenza”.

Entrando nel dettaglio, quasi il 20% degli investimenti in soluzioni hardware ha riguardato interventi sul processo produttivo (373 milioni di euro), il 18% gli impianti di cogenerazione (350 milioni) e il 15% i sistemi di combustione efficienti (circa 300 milioni), il 12% l’illuminazione (240 milioni); in coda sistemi HVAC, motori elettrici, inverter e sistemi di aria compressa (tra il 7% e il 10% degli investimenti totali).
I 168 milioni di euro investiti in soluzioni software, invece, si sono concentrati su monitoraggio e sensoristica di base (oltre il 65% del totale). È indubbio che la pandemia abbia pesato, portando un rallentamento nelle soluzioni digitali e di flessibilità nell’anno in cui invece ci si aspettava un loro balzo in avanti. Tuttavia, il calo degli investimenti in efficienza energetica nel comparto industriale in Italia è stato solo accelerato dal Covid.

Alla ricerca delle cause della crisi: la riforma dei Certificati Bianchi
Nonostante l’introduzione, negli anni, di vari Decreti relativi ai Certificati Bianchi e al loro rilancio, il mercato ha continuato il trend di contrazione: nel 2020 sono stati riconosciuti 1.720.903 Certificati, circa 1.180.000 in meno rispetto al 2019 (-41%, contro il -24% dell’anno precedente).
In buona sostanza, negli ultimi 2 anni il numero di Certificati Bianchi riconosciuti è più che dimezzato e questo ha comportato uno squilibrio sul mercato, con gravi conseguenze verso i soggetti obbligati che hanno riscontrato sempre più difficoltà nell’adempimento degli obblighi previsti dalla normativa. Facendo un confronto dal 2013, nel 2019 la percentuale di copertura è stata significativamente minore (-20%) ed equivalente al minimo previsto per legge.
Il solo calo degli investimenti non giustifica questo andamento del mercato, ma la connessione con la diminuzione della richiesta dei Certificati Bianchi ha prodotto un circolo vizioso: meno concessioni hanno portato a meno domande, e viceversa. Nel 2020, infatti, il 90% delle richieste si è concluso negativamente, ben oltre la soglia che ci si attenderebbe da un processo di valutazione efficiente condotto dal GSE.
Il 31 maggio 2021 è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale l’ennesima riforma dei Certificati Bianchi, ma è apparso subito evidente come le proposte avanzate dagli operatori del settore non fossero state accolte, destando grandi perplessità.
Particolarmente sensibile il meccanismo di valorizzazione dei Certificati Bianchi: se si combinano la normativa che regola le Aste, i Certificati Bianchi virtuali e la mancanza di un floor, ossia un meccanismo di minimo valore per la definizione del prezzo, è assai difficile che si possa concretizzare una situazione di mercato favorevole.

Il PNRR e l’uscita dalla crisi. Ma si potrebbe fare di più
Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza prevede uno stanziamento di 29,44 miliardi di euro per l’efficienza energetica nel comparto industriale e dei servizi, permettendo di stimare una crescita anno su anno del 17% e di arrivare al 2023 a quasi 3 miliardi di euro di investimenti, cancellando i danni della pandemia. E tuttavia si può aspirare anche a fare meglio: nello scenario “policy driven” disegnato dall’E&S Group, dove accanto al PNRR ci fosse una riforma vera dei Certificati Bianchi, si potrebbe raggiungere al 2023 un livello di investimenti di oltre 3,1 miliardi, pari al 120% di quanto registrato nel 2019.
Al contrario, in assenza di questi strumenti di stimolo lo scenario attuale “as is” avrebbe portato a una crescita lieve degli investimenti nel 2021 (+2% sul 2020), in linea con il 2018-2019, e a una più sostenuta nel 2022-2023, comunque limitata al 5% anno su anno, superando i 2,3 miliardi nel 2023 (il 90% di quelli nel 2019), mentre senza il Covid lo scenario “tendenziale” avrebbe portato gli investimenti a circa 2,9 miliardi.

Focus sulla digital energy: data valorization e data monetization nell’energia
Il Digital Energy Efficiency Report 2021 ha analizzato anche la diffusione in azienda di soluzioni di sfruttamento (valorizzazione o monetizzazione) dei dati energetici. Con data valorization si intende la rielaborazione e il successivo utilizzo dei dati raccolti dalle tecnologie software a supporto di decisioni interne (ad esempio per la negoziazione dei prezzi dell’energia, l’ottimizzazione dei consumi energetici o degli impianti produttivi, la riduzione delle emissioni).
Con data monetization si intende invece la vendita di quegli stessi dati.
Il 67% delle imprese analizzate applica la data valorization (il 78% di esse ha sviluppato la soluzione internamente) e nel 90% dei casi usa i dati raccolti per individuare misure di efficienza energetica e ottimizzare i consumi, nel 60% per negoziare il prezzo dell’energia elettrica con il proprio fornitore.
Meno diffuso (52%) l’utilizzo di dati per l’ottimizzazione degli impianti produttivi e il monitoraggio delle emissioni.
Del 33% che non applica il paradigma, il 70% dichiara che non lo farà nemmeno in futuro.
Molto meno confortanti i dati relativi alla monetizzazione delle informazioni energetiche: ben il 98% del campione dichiara di non applicarla e in larghissima parte di non avere intenzione di farlo nemmeno in futuro (90%).

La survey 2021: il “sentiment” degli energy manager e lo stato di salute delle ESCo
In questa undicesima edizione del DEER, le consuete survey – la prima condotta tra 300 energy manager negli otto settori industriali più “energivori” e la seconda tra oltre 350 ESCo e Utility con servizi di efficienza energetica attive nel mercato italiano – riguardano il tipo di investimenti effettuati nel 2020 e lo “stato di salute” del comparto.
Il 65% degli intervistati dichiara di avere investito in soluzioni hardware per l’efficienza energetica (-4,5% rispetto al 2019), percentuale che sale al 79% per le grandi aziende (-1% sul 2019) e cala al 45% (-11%) per le PMI, da sempre meno propense a questo tipo di interventi.
Infatti, se nel 2018 le percentuali erano simili (88% grandi aziende vs 83% PMI), a partire dal 2019 si è assistito a un netto calo degli investimenti nelle PMI (-27%, contro il -8% delle grandi aziende). Solo il 38% del campione, invece, dichiara di aver investito in soluzioni software nel 2020 (-6% sul 2019), egualmente distribuito tra PMI (35%) e grandi aziende (39%).
Le barriere più rilevanti agli investimenti in efficienza energetica si confermano quelle relative agli eccessivi tempi di ritorno, all’incertezza del quadro normativo e all’interazione critica con il processo produttivo, seppur in flessione rispetto agli anni precedenti.
La pandemia, nonostante i pesanti effetti negativi dal punto di vista economico, si colloca solo al quarto posto.

Nel 2020 le ESCo certificate sono aumentate dell’1,6% rispetto al 2019, in continuità con il trend registrato tra 2019 e 2018 (+1%). Il numero dei dipendenti (in media 27) è invece sostanzialmente stabile, dopo il leggero calo tra 2019 e 2018. I ricavi, principalmente a causa degli effetti della pandemia e della contrazione del mercato dei Certificati Bianchi, sono diminuiti di 3,5 miliardi di euro (-3,8%) sul 2019: il fatturato medio si è attestato a 9,4 milioni di euro e l’Ebitda complessivo è sceso a 336 milioni (con un rapporto sul fatturato pari al 9,3% contro il 9,5% del 2019), a conferma delle ricadute del Covid sull’economia e della maturità raggiunta dal mercato, che limita la marginalità degli operatori.
Confrontando però le aspettative per l’anno in corso rispetto ai dati del 2020, il 31% dei rispondenti ritiene che il proprio fatturato crescerà fino al 10%, il 13,4% fino al 20% e quasi il 18% addirittura oltre il 20%. Solo 1 su 5, invece, si aspetta un trend negativo, a testimonianza di un certo ottimismo tra gli operatori, confermato dal 25% che prevede di aumentare il numero dei dipendenti anche del 10% (per il 40% degli intervistati resterà invariato) e dal 30% che si aspetta un Ebitda in crescita fino al 10%.
Tuttavia, gran parte della crescita del fatturato è legata a interventi nel settore civile, che grazie al Superbonus è visto come una sorta di salvagente dalle ESCo, in particolare da quelle in crisi: uno spostamento così netto di focus potrebbe distogliere le competenze delle ESCo dalla costruzione di un futuro nel comparto industriale e arenarsi quando la spinta data dal Superbonus si esaurirà.

www.som.polimi.it

Recupero del polietilene. Ecopolietilene, consorzio per la gestione dei beni in polietilene, accende i riflettori su un tipo di plastica interamente riciclabile. «Una materia importante dal grande valore ambientale»

Il consorzio Ecopolietilene ribadisce l’importanza di una corretta gestione dei rifiuti derivanti dai beni in polietilene. Realtà nata nel 2017, ma operativa solamente da poco meno di un anno, Ecopolietilene è impegnato nella gestione dei rifiuti derivanti dai beni in polietilene, un particolare polimero plastico che rappresenta circa il 30% del volume totale della produzione mondiale di plastica, ma soprattutto un materiale che è interamente riciclabile.

«Facciamo nostro il messaggio della Giornata dell’Ambiente di quest’anno: il ripristino degli ecosistemi passa necessariamente da un minor sfruttamento delle risorse e da un maggior recupero dei rifiuti. E la plastica è uno dei fronti sui quali serve un impegno maggiore», osserva il direttore generale di Ecopolietilene, Giancarlo Dezio. «Il polietilene è in moltissimi oggetti di uso quotidiano, oltre che nell’industria. La sua peculiarità di essere riciclabile al 100% ne fa un materiale importante all’interno di una visione circolare di gestione dei rifiuti. Raccoglierlo correttamente e affidarlo a una filiera di gestione capace di riciclarlo, è dare un importante contribuito alla sostenibilità e alla tutela dell’ambiente».

In polietilene sono, a esempio, le reti utilizzate in agricoltura, i giochi che si trovano nei parchi, gli spartitraffico e i tubi impiegati in edilizia, ma anche oggetti molti più quotidiani come i taglieri da cucina e i mobili da giardino; sono fatti in polietilene alcune lampade, gli imbuti, scolapasta, portaposate, vassoi, pattumiere e caraffe, in un elenco che potrebbe proseguire quasi all’infinito. Per la sua leggerezza e resistenza, è possibile ritrovarlo in moltissimi oggetti, soprattutto in quelli utilizzati in ambito agricolo e urbano.

«Si stima che in Italia ogni anno vengano prodotti circa 500 mila tonnellate di rifiuti da beni in polietilene. Un volume che, se opportunamente trattato, può rappresentare un valore aggiunto per l’economia e per l’ambiente; un valore che non deve andare sprecato», prosegue il direttore generale del consorzio. «Ecopolietilene rappresenta i produttori, distributori e riciclatori di beni in polietilene e si prefigge di razionalizzare e gestire la raccolta e il trattamento di questa tipologia di rifiuti. Il consorzio vuole sensibilizzare sull’importanza di conferire correttamente questi materiali, soprattutto da parte delle imprese: queste infatti possono alimentare un importante circuito virtuoso, evitando dannose dispersioni nell’ambiente».

Per quanto riguarda i cittadini, «in attesa che possa trovare concretezza una raccolta separata di questi rifiuti, è fondamentale iniziare a distinguere i beni in polietilene per conoscerne l’importanza e il valore ambientale».

Ecopolietilene – consorzio per il riciclaggio dei rifiuti dei beni in polietilene, Ecopolietilene è un sistema autonomo, senza fini di lucro e riconosciuto dal Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare. È composto dalle aziende produttrici, dai distributori e dai riciclatori dei beni in polietilene e nasce dalla professionalità e dal know-how nella gestione dei rifiuti maturata dal Sistema Ecolight, al quale fanno riferimento il consorzio Ecolight ed Ecolight Servizi, società che si occupa della gestione integrata dei rifiuti professionali generati dalle aziende.

www.ecopolietilene.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi