Author: enrico

Energia a It’s All Efficiency. Si è tenuta l’edizione 2022 di It’s All Energy Efficiency, con Enrico Rainero moderatore nelle 4 sessioni, suddivise secondo i settori: Pubblica Amministrazione, Retail, Hospital, Industry.
Le testimonianze delle attività “sul campo” dei responsabili energy delle aziende sono sempre preziosissime, specialmente nei momenti in cui prendere le decisioni ed attuarle è sempre più difficile.

 (altro…)

TNFD as Greenwashing? Civil Society Groups Say UN-backed TNFD Proposal Invites Corporate Greenwashing on Nature.

Thirteen civil society organizations are sounding the alarm about the corporate greenwashing on nature that the work of the Taskforce on Nature-related Financial Disclosures (TNFD) might facilitate. The TNFD is a voluntary initiative led by business but endorsed by various actors on the international stage. Like its sister initiative, the Task Force on Climate-related Financial Disclosures, TNFD will likely serve as a blueprint from which government regulators will draw, as public concern continues to build about the nature and biodiversity crisis and the trillions of dollars in financing that drive it. In May 2022, a Joint NGO Letter to the TNFD by 28 NGOs and networks outlined major concerns with its first draft.

“We were always skeptical that a process so wholly controlled by business interests would deliver – but combing through its latest draft we are shocked by just how bad it remains.” said Shona Hawkes, an adviser with Rainforest Action Network.

Launched in 2021, the Taskforce on Nature-related Financial Disclosures is headed by 34 senior staff from global companies.
TNFD is developing a framework that outlines what information a company or financial institution should self-report regarding how its relationship with nature has, or will, impact its business. This may include how it is preparing for changes in the short, medium, or long term. It emerges at a point in time when the global community is increasingly aware of the trillions of dollars that are underpinning companies or projects that are driving the nature crisis. TNFD launched the first draft of its framework in March 2022, the second in June 2022, the third and fourth are anticipated in November 2022 and February 2023, and the final version is expected in September 2023.

Key areas of concern in TNFD’s current framework include:
– TNFD doesn’t require companies or financial institutions to report their known harms and adverse impacts on nature or people.
TNFD only requires a business to report on significant financial risks or opportunities – in this case, those that may arise from its relationship with nature. This in itself is subjective. An ethical firm may see all harms to nature as bad for business, a company profiting off environmental abuse is less likely to. If a business is knowingly linked to environmental abuse but doesn’t think this is financially detrimental it doesn’t get reported. This is a major red flag for greenwashing and does not seem aligned with the approach of the European Securities and Markets Authority (ESMA) or the Global Reporting Initiative which back double materiality reporting. TNFD also notes that it received feedback on its first draft that reporting on impacts – and also human rights – should be incorporated, but it has opted to omit both.

– TNFD ignores human rights including the rights of women, Indigenous Peoples, local communities, peasants, and the very people who are standing up to companies, often at great risk, in order to safeguard nature.
Despite TNFD receiving hundreds of thousands of dollars in funding from the UN Development Programme – TNFD is normalizing the idea that we can fix the nature crisis while ignoring the human rights abuses that often underpin it.

– TNFD doesn’t require a business to publish grievance lists or take similar steps to disclose where communities, NGOs or media investigations have made allegations that it is linked to harms against nature and people.
Complaints and grievances are one of the most important tools to understand if a business’ claims don’t stack up in practice.

– TNFD plans to rush out a series of guidances. These guidances will outline recommendations for sectors, financial actors, realms (ocean, freshwater, land and atmosphere) and potentially other areas. In its broader work TNFD has often cherry-picked from approaches that set a very low bar, rather than reflect expectations set through more sound multi-stakeholder processes. Poor guidance is highly likely to set a lower bar than many existing national and international environmental and human rights standards. In doing so, TNFD will undermine the headway made, and lessons learned, over many years. This process requires further and wider consultation and a more rigorous assessment than that proposed.

“When we look at what TNFD is proposing, the first question should be: Will this work? Based on our many years of tracking cases of corporate and financial sector harms, the answer is a resounding ‘no’. If environmental destruction isn’t even reported, and the rights of local people aren’t respected, business as usual will persist.” said Edisutrisno, Executive Director of TuK Indonesia

“Global corporations are writing the rules of TNFD – cognisant that it may form the blueprint for future regulations. And yet, these companies and financial institutions reap more profits when there is lax regulation. What we see so far with TNFD is an embarrassing lack of ambition to shift the financial system so that nature and people can survive and thrive. Instead, it’s a blueprint for intensifying the biodiversity crisis.” said Katharine Lu, Senior Program Manager, Friends of the Earth US

“TNFD in its current form offers up huge potential for greenwashing by companies and financial institutions, potentially delaying meaningful action that is so urgently needed to tackle the climate and biodiversity crises.” said Hannah Greep, Banks & Nature Campaign Lead, BankTrack

“Not only is TNFD’s own proposal woeful, it is hijacking the broader conversation about how to divert the trillions of dollars in financing that is driving, and profiting from, the destruction of nature and human rights abuses. This is light years away from the solutions that the victims of corporate abuses and nature harms are calling for.” said Kwami Kpondzo, Coordinator Extractive Industries, Tourism and Infrastructure campaign, Global Forest Coalition

“What is lost in the TNFD discussion is how violent, brutal, devastating, and often, deadly the fights to save lands, forests, and waters often are. On average, four people are killed every week in efforts to prevent them from speaking out on the need to protect nature and their rights. Many investors and banks have repeatedly been alerted about their links to these harms, and have done little if anything to prevent them. Past, present, and potential future harms to nature and human rights must be included in TNFD reporting to curb these abuses.” said Melissa Blue Sky, Senior Attorney, Center for International Environmental Law

“Under TNFD’s proposed framework businesses are fully entitled to continue to back the destruction and degradation of nature and human rights – so long as it doesn’t affect their profits. But by not requiring companies to consider both long and short-term harms to communities and the environment in their risk analysis, the TNFD is setting the stage for severe environmental and human rights abuses and the worsening of the biodiversity and climate crises.” said Moira Birss, Climate and Finance Director, Amazon Watch

“We are incredibly concerned that UN agencies are backing, and funding, TNFD, which is not a multistakeholder initiative— it is written by business for business as usual. There is no mention of human or Indigenous rights, no gender analysis, and no equal seat at the table for those on the front lines of the climate and biodiversity crises. There is no discussion of accountability or mechanisms to address harms and grievances to impacted communities or ecosystems. We urgently need real solutions that are bold and transformative. We are in a catastrophic moment, and cannot further initiatives that enable profit over people and nature.” said Osprey Orielle Lake, Executive Director, Women’s Earth and Climate Action Network (WECAN)

Amazon Watch
BankTrack
Center for International Environmental Law
Forest Peoples Programme
Forests & Finance Coalition
Friends of the Earth US
Global Forest Coalition
Global Witness
Jubilee Australia Research Centre
Profundo
Rainforest Action Network
TuK Indonesia
Women’s Earth and Climate Action Network (WECAN)

https://globalforestcoalition.org

0

Trend elettrico Italia 2030. Accenture: dal Fit for 55% al REPowerEU, il nuovo scenario elettrico 2030 per l’Italia. Nel 2021 l’Italia ha registrato una domanda di energia elettrica di 318 TWh, di cui 278 TWh di produzione netta.
Oltre il 40% di questa energia viene generata dalle fonti rinnovabili, mentre la quota di elettricità sui consumi finali si attesta al 22%. Questo il punto di partenza da cui muovono gli scenari al 2030 elaborati da Accenture.
Nella predisposizione degli scenari per l’Italia, inizialmente si è partiti dal pacchetto Fit for 55% e dagli obiettivi da quest’ultimo previsti.
Secondo quel piano, si prevedeva una crescita incrementale di 70 GW della produzione da fonti rinnovabili, in uno scenario di riferimento dei consumi pari a 340 TWh, che teneva conto di una crescita inerziale collegata all’aumento del Pil al netto dell’efficienza energetica.

Offerta, presupposti base verso il 2030
1) una crescita incrementale di eolico (+25%) e solare (+75%), quest’ultimo ancora poco diffuso in Italia a fronte di innumerevoli aree idonee all’installazione di nuovi impianti.
2) Repowering degli impianti di grande taglia installati prima del 2010 che può portare a un ulteriore incremento del 6% della nuova capacità.
3) Producibilità media degli impianti in linea con il parco esistente, che conta su un equivalent operating hours di 1.200 ore/anno per il solare e 2.000 ore/anno per l’eolico.
4) Stabile, invece, l’apporto delle altre fonti (idro, geotermia e biomasse). In questo modo il mix di generazione elettrica vedrebbe l’apporto delle FER crescere dal 41 al 72%, il che, proprio per la natura intermittente delle fonti rinnovabili, presuppone il supporto di almeno 60 GWh di accumuli incrementali, funzionali ad integrare al meglio le rinnovabili nel sistema.

Il piano REPowerEU alza l’asticella degli obiettivi proponendo uno scenario al 2030 che, per alcuni aspetti, si differenzia dal Fit for 55%. Per esempio, viene stimata nei prossimi anni una maggiore elettrificazione dei consumi derivante da un incremento di pompe di calore e auto elettriche, con un fabbisogno complessivo di energia elettrica fino a 360 TWh (era 340 nel Fit for 55%), in netta crescita rispetto ai 318 del 2021. In particolare, la domanda di elettricità sul fabbisogno complessivo per le pompe di calore passa dal 2% al 4%, mentre per le auto elettriche dallo 0,1% al 3% (fonte: Politecnico di Milano).

Nello scenario che si sta delineando, le assunzioni di base su cui si fa leva per raggiungere i nuovi obiettivi sono le seguenti:
1) + 85GW di nuova capacità FER al 2030, il che significa partecipare come Italia per il 15% all’obiettivo del REPowerEU a livello europeo che vede 103 GW aggiuntivi rispetto al piano FitFor55. Tra le fonti a crescere di più è ancora una volta il solare +70%, mentre un +30% spetta all’eolico.
2) Rimane la stessa l’ipotesi sul repowering degli impianti già esistenti.
3) Accelerazione tecnologica con +30% medio del load factor su nuovo installato. In questo caso cambia l’indice delle equivalent operating hours, che si porta a 1.500 ore/anno per il solare e a 2.350 per l’eolico.

L’innovazione tecnologica è una leva imprescindibile per le aziende che intendono creare un vantaggio competitivo, anche in relazione al tema degli accumuli. Più aumenta la quota delle rinnovabili, più subentra la necessità di compensare un maggior numero di fonti intermittenti con un conseguente incremento degli accumuli, che dai 60 GWh dello scenario Fit for 55% passano agli 80 GWh.
Sulla base di una proxy fatta da Accenture, è stato calcolato che per contenere gli accumuli (considerando solo le batterie) servirebbe una superficie corrispondente a circa venti campi di calcio, per un’altezza di 2-2,5 metri. Numeri che sulla carta sono alla nostra portata, sebbene occorra prestare attenzione non solo alle batterie, ma all’intera rete dei bacini che sono funzionali al sistema elettrico e alla gestione dell’acqua.

Le prospettive per il 2030 prevedono un miglioramento anche delle performance a livello ambientale, con un risparmio in termini di volumi emissivi di 64 Mt ton CO2eq.
Per poter centrare l’obiettivo è necessario un piano di distribuzione modulare, così da raggiungere nei prossimi tre anni a un media d’installazione di 10 GW annui (vs. ~1GW/anno attuale). L’immediato futuro rappresenterà perciò una fase fondamentale per capire se l’Italia sarà in grado di rispettare i target di un piano studiato per gestire la crisi energetica non solo nel breve, ma anche nel lungo periodo. Servirà una distribuzione territoriale degli impianti finalizzata a rendere l’intero sistema più efficace su scala nazionale, oltre a garantire una buona capacità di accumuli in sinergia con l’Innovazione tecnologica. Per incrementare la propria efficacia e la propria capacità gestionale, anche gli interventi ingegneristici sugli impianti di produzione dovranno concedere sempre maggior spazio all’intelligenza artificiale e alla machine learning.

www.accenture.com

0

Raccolta rifiuti tessili: dal consorzio Ecotessili un progetto pilota. Il consorzio, che raduna produttori, importatori e distributori, aumenta le adesioni e annuncia un’iniziativa in autunno per avviare la raccolta dei prodotti tessili.

La filiera per la raccolta, riutilizzo e riciclo dei rifiuti tessili si sta organizzando. In attesa di conoscere le modalità operative che saranno introdotte con i decreti attuativi, i produttori, i distributori e gli importatori di prodotti tessili si stanno attivando per avviare una filiera dedicata. Ecotessili, consorzio nato per la gestione del fine vita dei prodotti tessili, promosso da Federdistribuzione e da importanti insegne aderenti alla Federazione della distribuzione moderna e costituito nell’ambito del Sistema Ecolight – al quale fanno riferimento anche i consorzi Ecolight (per la gestione dei RAEE e delle pile), Ecopolietilene (per la gestione dei rifiuti da beni in polietilene), Ecoremat (per la gestione di materassi e imbottiti a fine vita) e la società operativa Ecolight Servizi – si pone in prima linea in questa nuova sfida, con l’obiettivo di mettere in campo modalità di raccolta di questi prodotti che garantiscano la tracciabilità e la circolarità ambientale, con la massima efficienza possibile. In autunno darà vita a un progetto pilota di raccolta che vedrà il coinvolgimento di importanti realtà già oggi impegnate nella gestione dei prodotti tessili dismessi, iniziativa che andrà a inserirsi nelle azioni per la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti (SERR), in programma dal 19 al 27 novembre e dedicata proprio ai rifiuti tessili.

«In attesa del quadro operativo di riferimento, il consorzio si sta attivando per individuare delle modalità di raccolta dei tessili che possano essere efficienti ma soprattutto efficaci», annuncia il direttore generale di Ecotessili, Giancarlo Dezio. «Di fatto, il primo passo per una gestione corretta di queste tipologie di prodotti dismessi, per impostare una raccolta che sia capillare e di qualità. In collaborazione con alcuni importanti partner, stiamo lavorando su un progetto pilota che possa tracciare un percorso in questo nuovo sistema di raccolta, riutilizzo, riciclo».

I rifiuti tessili in circolazione sono molti: secondo l’ultimo rapporto pubblicato da McKinsey, “Scaling textile recycling in Europe – turning waste into value”, ogni cittadino europeo produce più di 15 kg di rifiuti tessili in un anno e questi hanno prevalentemente come destinazione finale la discarica o l’inceneritore.
Il consorzio Ecotessili inoltre sta registrando in questo momento un importante incremento dei propri consorziati.

«È il segno tangibile dell’attenzione che c’è da parte delle aziende del settore al tema della corretta gestione dei rifiuti», osserva il direttore generale di Ecotessili. «È un’attenzione che non risponde solamente all’obbligo normativo che affida a produttori e distributori la responsabilità della gestione dei rifiuti derivanti dai loro prodotti, ma è indice di una crescente sensibilità nei confronti dei temi ambientali, in un contesto di reale transizione ecologica».

website

Milano città spugna. Gruppo CAP realizzerà 90 opere di drenaggio urbano per i comuni della Città metropolitana e offrirà inoltre le proprie competenze per sviluppare progetti anche al di fuori del territorio servito.

Dal PNRR 50 milioni di euro per realizzare 90 progetti di drenaggio urbano sostenibile in 32 Comuni
Si chiama progetto Milano città spugna e vedrà coinvolto Gruppo CAP, il gestore del servizio idrico della Città metropolitana di Milano, che ha ottenuto l’ammissione al finanziamento dal Ministero dell’Interno per uno dei bandi nell’ambito del PNRR presentato proprio dalla Città metropolitana di Milano.

Le risorse consentiranno all’utility lombarda di realizzare interventi di riqualificazione per prevenire allagamenti, contrastare l’erosione del suolo e gli effetti del cambiamento climatico su tutto l’hinterland milanese, ponendosi come punto di riferimento per la progettazione e la realizzazione di interventi di urbanistica sostenibile.
Per la prima volta, inoltre, Gruppo CAP guarda al di là del suo territorio per operare accanto ad AMAP, Azienda Municipalizzata Acquedotto Palermo, con l’obiettivo di potenziare il sistema fognario del Comune di Alia.

“Partecipare alle opere finanziate dal PNRR significa dare un contributo concreto per costruire il futuro del nostro Paese” spiega Alessandro Russo, presidente e amministratore delegato di Gruppo CAP. “Quello che intendiamo realizzare è un vasto programma di interventi di riqualificazione ambientale che coinvolge l’intero territorio su cui operiamo e che svilupperemo grazie alle competenze tecniche, giuridiche e gestionali che ci hanno permesso di ottenere questo importante finanziamento”.

Gruppo CAP si è presentata come stazione unica appaltante e soggetto attuatore di Città metropolitana di Milano, con la possibilità di guardare a un ampio territorio fatto di 200 Comuni.
Elemento essenziale oggi per confrontarsi con progetti ambiziosi e importanti, come quelli del progetto Milano Città Spugna, che mira a realizzare molteplici interventi di Drenaggio Urbano Sostenibile per far sì che le città siano in grado di assorbire l’acqua piovana, soprattutto negli eventi più intensi, senza intasare le reti fognarie e evitando allagamenti.

Il finanziamento del PNRR, pari a 50.194.050 euro, consentirà di riqualificare un’area complessiva pari a 530mila metri quadrati attraverso interventi si basano sulle cosiddette “Nature Based Solutions”, ovvero su processi naturali che sfruttano piante ed elementi vegetali per assorbire acqua e inquinamento, prevedono la sostituzione dell’asfalto con superfici permeabili in grado di far filtrare l’acqua e allo stesso tempo mitigare le isole di calore nel tessuto urbano.

Si tratta di un concetto relativamente recente, utilizzato dalla Commissione Europea per identificare strategie, azioni, interventi, basati sulla natura che forniscono servizi ambientali e vantaggi socio-economici capaci, qualora svolti in contesto urbano, di aumentare la resilienza delle città: aiuole, parcheggi, tetti e mura verdi, boschi urbani, sistemi di gestione alternative delle acque piovane, agricoltura urbana.

Gli interventi del progetto Milano Città Spugna promuovono l’urbanizzazione sostenibile, stimolando la crescita economica e contribuendo a rendere le città più attraenti per chi le vive.

I sistemi di drenaggio urbano sostenibile, inoltre, contribuiscono a migliorare il benessere dei cittadini, ripristinare gli ecosistemi degradati migliorandone la resilienza, a mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici e migliorare la gestione del rischio idraulico-idrologico.

A Trezzano sul Naviglio è previsto un intervento di alleggerimento della rete di drenaggio mediante realizzazione di sistemi di drenaggio urbano sostenibile (SUDS) che coniugheranno elementi gestionali/funzionali con opere di deimpermeabilizzazione della strada.

A Cesano Boscone i SUDS consentiranno di integrare la gestione sostenibile delle acque meteoriche del parcheggio con la riqualificazione della piazza, per rendere lo spazio urbano maggiormente efficiente e fruibile e, al tempo stesso, migliorarne il valore estetico/paesaggistico.

A Solaro verrà completamente riqualificata un’area che consentirà da una parte una gestione più sostenibile delle acque meteoriche stradali, e dall’altra di offrire ai cittadini uno spazio urbano maggiormente fruibile e dal maggior valore estetico e paesaggistico.

A Rho verranno ripensate e riqualificate diverse aree parcheggio, sempre in ottica di drenaggio urbano.

Gli interventi totali sono 90 e coinvolgono 32 Comuni
Gli interventi erano stati proposti da Gruppo CAP insieme a Città metropolitana di Milano già alla fine del 2021, a soli 15 giorni dall’approvazione da parte del Ministero dell’Interno del Decreto n. 152, che definiva i criteri di attuazione nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Oggi Gruppo CAP per la prima volta guarda al di fuori del territorio servito direttamente per aprirsi al mercato e offrire il proprio know how e competenze anche a soggetti terzi. È il caso del progetto che CAP realizzerà per AMAP, Azienda Municipalizzata Acquedotto di Palermo, per la riqualificazione e potenziamento della rete fognaria del Comune di Alia. L’appalto, del valore di circa 212mila euro, prevede le fasi di studio di fattibilità, quantificazione costi e ingegnerizzazione del progetto, ed eventualmente la realizzazione. Si tratta di una sfida per l’utility lombarda, che allo stesso tempo certifica la sua capacità di confrontarsi su realtà diverse e distanti ponendosi come partner credibile e competente.

www.gruppocap.it/it

0

Aziende in sostenibilità. Arthur D. Little, società multinazionale di consulenza specializzata in strategia e operations management, ha presentato i risultati di un report condotto a livello globale che analizza il livello di maturità del settore aziendale per quanto riguarda il raggiungimento di obiettivi di sostenibilità.

Dalla Survey effettuata emerge come, sebbene la sostenibilità ed i temi ESG siano argomenti di grande attualità, solo poche aziende riescano realmente a metterla in pratica ottenendo poi dei risultati concreti.
Infatti, quasi tre quarti (71%) delle aziende che hanno partecipato allo studio hanno ammesso di non avere ancora pianificato una strategia di sostenibilità o che, se esistente, di non essere stata pienamente compresa dai dipendenti.
Solo la metà dichiara di aver modificato il modo in cui gestisce la propria attività e una minima parte (l’8%) ha modificato i propri modelli di business in base ai criteri ESG adottati.
Gli impegni di sostenibilità non sembrano avere la stessa urgenza o rigore di altri obiettivi aziendali: tra le aziende partecipanti, il 65% non correla gli incentivi dedicati al senior management alle prestazioni di sostenibilità e solamente il 24% dichiara di avere piani strutturati per il raggiungimento dei risultati sia a breve, che a lungo termine (come per gli obiettivi di decarbonizzazione).
Inoltre, nonostante ben l’84% delle aziende abbia un report di sostenibilità, solo il 17% utilizza lo stesso rigore nel reporting applicato alle performance finanziarie.

A proposito di decarbonizzazione
Arthur D. Little ha recentemente esplorato le tendenze che stanno attualmente plasmando il settore energetico verso un mondo “Net Zero”, esaminando in dettaglio gli investimenti effettuati dalle società tradizionali in diversi settori, inclusi petrolio e gas (O&G), dalla produzione di energia alle infrastrutture.
Sebbene ciascuno stia rispondendo con modalità differenti alla transizione energetica, è importante riconoscere che la convergenza è ora uno dei maggiori fattori trainanti del cambiamento del mercato, insieme alla necessità di digitalizzare i processi e, in particolare per il settore dell’energia, di decentrarli. Ciò è dimostrato ad esempio dall’ubicazione dei parchi eolici vicino alle aree urbane o dall’utilizzo della microgenerazione.

In questo quadro incerto e preoccupante, tre fattori principali emergono come cause di questo divario: la mancanza di standard interni di sostenibilità, la scarsa comunicazione e la mancanza di incentivi.

Secondo Stefano Milanese, Partner di Arthur D. Little, “Attualmente, molte organizzazioni soffrono della mancanza di standard interni comunemente compresi e condivisi quando si tratta di misurare le performance legate alla sostenibilità. Le aziende devono articolare chiaramente ciò che misureranno, quali sono i KPI’s e quali le prestazioni da considerare virtuose per la Società.
Se questo passaggio non è chiaro, i dipendenti, e in particolare quelli che non fanno parte dei team centrali di sostenibilità, non saranno in grado di prendere decisioni informate nelle loro attività quotidiane, e non potranno contribuire al raggiungimento di criteri generali ESG, che si pongono come sfida aziendale del presente”.

https://www.adlittle.com/

report

Il sole per il Centro Cash di Olbia. SMARTEFFICIENCY per FOTOVOLTAICO. Il punto vendita è stato inaugurato nel giugno 2022 e si rivolge alla clientela professionale, alberghi e ristoranti.

 (altro…)

0

PC da rifiuti a risorse: nuova vita per vecchi PC. Progetto Nuova Vita è un’Associazione senza scopo di lucro che recupera, rigenera e riutilizza hardware dismesso per donarlo a scuole e progetti sociali, utilizzando Linux e Software libero.

La nostra visione
Un vecchio PC non vale nulla e si può buttare in discarica. O no?
Noi crediamo di no, per molte ragioni: un rifiuto elettronico è difficile da smaltire e inquina molto, con un pesante impatto sull’ecosistema. E poi chi l’ha detto che un vecchio PC non possa funzionare ancora perfettamente? Ecco, noi possiamo controllarlo, rigenerarlo e riportarlo a nuova vita (appunto), in modo che sia ancora utile, e a lungo.

Siccome crediamo che sia giusto scegliere strumenti liberi, gli installiamo Linux e Software Libero perché funzioni al meglio (e a costo zero).
E infine lo doniamo alle scuole del territorio che sposano questa filosofia. Se poi nascono bisogni particolari, volentieri aiutiamo cittadini ed enti a superare le difficoltà con l’aiuto della tecnologia: eventi naturali, difficoltà lavorative, necessità particolari, sono tutte occasioni per dare formazione, supporto, materiale a chi ne ha bisogno.

Le origini
Nella primavera del 2010 un’idea cominciò a balenare nella mente di alcuni amici: “Perché buttare tutti questi PC, quando possiamo riutilizzarli?”
Così, con impegno, testardaggine e dopo varie vicissitudini, il 20 ottobre 2010 decisero di imbarcarsi in quest’impresa fuori dagli schemi: non per la gloria, non per il guadagno, ma solo con l’idea di rendersi utili agli altri.

Ri-Ri-Ri Riduci-Riusa-Ricicla
Sono le parole che guidano ogni cosa che facciamo: riduciamo i rifiuti elettronici, riusiamo i PC e i dispositivi che hanno ancora una vita utile (grazie a Linux e al Software Libero, ricicliamo tutto il materiale che può ancora servire e lo doniamo a Scuole, enti e cittadini che ne hanno bisogno.

Software Libero a Scuola
Doniamo il materiale rigenerato alle Scuole che aderiscono al nostro progetto. Allestiamo le aule informatiche con i PC e il materiale rigenerato, coinvolgiamo e formiamo i docenti e gli studenti, insegniamo ad usare il Software Libero per la didattica in presenza e a distanza (DAD).
Accogliamo volentieri studenti delle scuole Superiori in PCTO (Alternanza Scuola Lavoro) per le attività di laboratorio e installazione.

Formazione e supporto ai cittadini
La tecnologia è essenziale nelle attività lavorative: per questo teniamo corsi di alfabetizzazione informatica e riqualificazione professionale per chiunque voglia acquisire competenze e riqualificarsi nel mondo del lavoro.
Supportiamo iniziative benefiche e di supporto alla cittadinanza in caso di emergenze o necessità particolari, dalla pandemia ai terremoti.

Cosa facciamo
Progetto Nuova Vita è attivo su vari fronti, tutti al servizio delle persone e del pianeta.
Scopri cosa possiamo fare insieme!

www.progettonuovavita.it/

Illuminazione automotive. SMARTEFFICIENCY per ILLUMINAZIONE. Dal 1954, Imasaf crea eccellenza nel mercato del ricambio automobilistico. Anni di storia, crescita, conquiste, evoluzioni, investimenti con impiego di materiali ed attrezzature tecnologiche d’avanguardia.
Una realtà vera ai vertici del mercato nazionale ed internazionale per qualità ed innovazione.

 (altro…)

0

Marketplace asta dei rifiuti. Economia circolare online dove le aziende possono vendere o comprare scarti. Ad ogni produzione segue un suo scarto ma, allo stesso tempo, ogni scarto ha un suo valore. Ogni tipo di rifiuto può al contempo essere una risorsa e quindi avere un valore, non un costo.
Su questo principio si basa Cyrkl, un marketplace B2B che mette in contatto aziende produttrici tra di loro e/o con riciclatori.

Basato sui principi dell’economia circolare
La piattaforma consente alle aziende di caricare annunci dei propri rifiuti per trovare soluzioni di gestione migliori dal punto di vista sia economico che ambientale.
Il processo è molto semplice, attraverso una registrazione gratuita l’azienda può inserire un numero illimitato di annunci che dovranno contenere tutte le informazioni relative al rifiuto in vendita (quantità, localizzazione, foto, codice CER, caratteristiche, ecc.). Attraverso un sistema di intelligenza artificiale l’annuncio verrà visualizzato da tutti i compratori interessati presenti sulla piattaforma in modo tale da fare incontrare domanda e offerta nel modo più trasparente possibile.

I rifiuti all’asta: una nuova frontiera per l’economia circolare
Cyrkl offre ai suoi utenti la possibilità di vendere gli scarti attraverso due diverse tipologie di inserzioni o sotto forma classica o sotto forma di asta.
Con la prima opzione, tramite l’inserimento di un annuncio gratuito, le aziende possono sfruttare i sistemi automatici del marketplace per ricevere delle manifestazioni d’interesse per i propri prodotti.
Nel secondo caso, la creazione di un’asta consente di ottenere il miglior prezzo di mercato, nel minor tempo possibile. La vendita tramite asta è supportata da esperti di rifiuti che si attivano per ricercare quante più controparti possibili interessate all’acquisto supportando l’intelligenza artificiale. Scegliendo questo tipo di vendita il compenso per il lavoro svolto è pari all’1.5% del prezzo di vendita e viene richiesto solo successivamente all’effettiva vendita del materiale.

I materiali caricati sulla piattaforma non sono solo rifiuti
Cyrkl infatti consente alle aziende di inserire anche sottoprodotti, materie prime seconde, materiali riciclati o macchinari usati. La varietà di materiali permette di migliorare la circolarità delle risorse a 360 gradi facendo incontrare domanda e offerta il più possibile.
Per rendere più semplice la loro ricerca i materiali sono divisi per categoria e sottocategoria. Ad esempio, i bancali sono una sottocategoria del legno, l’HDPE una sottocategoria della plastica e via dicendo.
Ogni utente che naviga sulla piattaforma può filtrare i materiali per categoria,
sottocategoria ma anche posizione geografica, quantità e trasporto.

Cyrkl conta oltre 14.000 aziende
Nata nel 2019 a Praga la startup sull’economia circolare è riuscita a coinvolgere oltre 14.000 aziende in tutta Europa, un numero che continua a salire e che è visibile nella homepage di Cyrkl.
Il marketplace è accessibile in tutto il mondo e ha registrato utenti in 126 paesi diversi, tra questi la piattaforma ha referenti specifici in 13 Paesi europei, come Repubblica Ceca, Slovacchia, Italia, Polonia, Austria, Germania, Svizzera, Francia, penisola iberica, Regno Unito e Ungheria.
Complessivamente l’azienda impiega circa 70 dipendenti fortemente motivati a migliorare la circolarità delle risorse e l’attuale inefficace sistema di gestione dei rifiuti.
I dipendenti di Cyrkl, oltre a coadiuvare l’efficienza della piattaforma, forniscono consulenze dettagliate alle aziende.
Le consulenze spaziano dall’ottimizzazione della gestione dei rifiuti all’approvvigionamento di risorse che siano più sostenibili (o green sourcing), a seconda delle esigenze delle aziende interessate i consulenti sviluppano soluzioni concrete ad hoc.
Casi studi precedenti svolti da Cyrkl hanno mostrato come una più efficiente gestione dei rifiuti non solo porti a degli ingenti risparmi ambientali ma anche risparmi economici che possono arrivare fino al 45% dei costi di gestione.

https://cyrkl.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi