Giugno 2021

WWF new impact platform that engages businesses and investors to deliver on sustainability ambitions. Nineteen companies and investors across sectors, ranging from major market actors alongside companies operating in important forest producing countries, are the first leading participants in WWF’s new multi-stakeholder impact platform designed to address deforestation and forest degradation in landscapes around the world.

Global demand for land, energy, and wood products is increasing while deforestation and forest degradation continue at an alarming rate. Meeting this growing demand while keeping forests intact requires bold solutions. Companies and investors worldwide are in a unique position to enable innovative approaches that conserve and enhance the benefits of biodiversity-rich, productive forest landscapes while meeting some of the biggest challenges of our time: climate change, water and food security and sustainable livelihoods.

WWF’s new Forests Forward platform aims to improve the management of 150 million hectares of forest by 2030, providing opportunities to create meaningful impact in landscapes and facilitating reporting on these impacts. It has a strong emphasis on indigenous people and local communities, which play a critical role in forest conservation with local models of governance that can help protect forests, often better than many other forms of forest stewardship.

Participants in Forests Forward can engage in areas such as sustainable forest and plantations management, responsible timber trade, better silviculture, reforestation and ecosystem restoration, biodiversity protection and recovery, tackling illegality throughout the timber supply chain, credible forest certification, fair, inclusive and equitable value chains and investments in key landscapes. The programme is also developing a pipeline of land-use projects as part of WWF Bankable Nature Solutions. Through technical assistance to the origination and structuring of projects, participating companies in Forests Forward with a stake in plantations will implement the New Generation Plantations concept to conserve biodiversity and meet human needs, while contributing to sustainable economic growth and local livelihoods.

Julia Young, Global Lead for Forest Sector Transformation, WWF International says: “All actors with stakes in forests have an important role to play in embracing the full value of forests, not just for the timber they provide, but for the critical resources and services they supply to billions of people, the economy and nature. Forests Forward offers opportunities for transformative change, enabling companies to set and act on forward-looking, innovative pathways that make tangible impacts in forest landscapes, communities to benefit from the right incentives and approaches to sustainable forest management, and investors to make concrete, positive contributions to the global sustainability agenda. We welcome the first leading participants and look forward to engaging all stakeholders to improve the management of a targeted 150 million hectares of forests, as well as undertaking a rich diversity of actions to secure wider forest benefits for people and nature.”

Fran Price, WWF Global Forest Practice Lead, says: “We are at a critical juncture: more than ever, people understand how fundamental nature is to our lives and the importance of a sustainable future. Businesses and investors play a critical role in shaping this future. Forests are also one of the most important nature-based solutions. To tackle runaway climate change and realize global climate targets, we need greater action on deforestation, degradation and forest restoration. Forests Forward offers a unique platform to increase collaboration among diverse stakeholders, and boost innovation and solutions-oriented approaches to ensure forests continue to provide benefits to people and climate.”

The first set of businesses signing up to Forests Forward include major market actors HP Inc., IKEA, International Paper Company, Kimberly-Clark, Lowe’s Companies, Inc., Mandarin Oriental, Sofidel Spa, and Williams-Sonoma, Inc., alongside companies operating in important forest producing countries – Bois et Scierie du Gabon (BSG), Gabon Wood Industry (GWI), Companie des Bois du Gabon, Gabonaise d’Exploitation de Bois (GEB), Interholco, The ALPI Group, The New Forests Company, The Navigator Company, Stora Enso Oyj., Suzano S/A and Veracel.

Luigi Lazzareschi, CEO, Sofidel Group says: “We are pleased to participate in the Forests Forward program. For us it is an important way to once again strengthen our multi-stakeholder commitment to protect forests, preserve biodiversity, and meet human needs. Being part of this innovative platform will allow us to further expand and improve our efforts to help give people and the planet a positive future, contributing to the implementation of the long-awaited transformative change we all have to support.”

Ulrich Grauert CEO, Interholco says: “We are excited to partner with WWF in the Forests Forward programme, to turn sustainable hardwood made in Africa into a forest of solutions. Our engagement in this initiative will ensure sustainable management and protection of 1.1 million hectares of tropical forests as well as provide employment, infrastructure and economic development for the region we work in. Together, we want to make it possible for consumers to choose products that not only contribute to the UN Sustainable Development Goals (SDGs) but also offer concrete solutions to the world’s environmental and social challenges. A small step globally, but for sure important for 16,000 forest inhabitants and for future-minded consumers who wish to take care of our children’s planet.”

Darren Lapp, CEO, The New Forests Company, says: “This is a very exciting time for the responsibly-managed forest industry in Sub Saharan Africa. Landscape carbon offset monetization is becoming a reality, which will provide another revenue line for companies and small-growers, multinationals are now abiding by their sustainability policies and sourcing certified timber, and many international partners, including WWF, are increasing their involvement in supporting integrated forest management concepts. We’ve never seen this level of positive engagement before.”

All participants’ scope of work can be followed on WWF’s global interactive spatial platform.
Activities will be monitored and reported against clear outcomes and milestones.

www.forestsforward.panda.org

Biodegradare i rifiuti e neutralizzare i cattivi odori. BBA Ecotech S.r.l. è un’ impresa italiana fondata da un team di Bio-imprenditori con esperienza pluriventennale nella formulazione di additivi batterici, neutralizzanti odori e prodotti concentrati per formulazioni specifiche: trattamento rifiuti, scarichi, biorimediazione e controllo dei cattivi odori.

BBA : Bacteria Based Applications, una vasta gamma di microrganismi benefici, attentamente selezionati, sicuri, 100% naturali, non OGM.
Il nuovo partner della chimica tradizionale viene dalla natura.

BBA Ecotech ha un’organizzazione dinamica, che unisce la qualità delle attività strategiche di formulazione e confezionamento ad una flessibilità verso le esigenze del cliente, realizzando così prodotti competitivi in sintonia con le esigenze del mercato.

La strategia di BBA Ecotech unisce: innovazione, tecnologia ed efficienza, ricercando ceppi batterici puri, scelti per la loro attività metabolica ed enzimatica specifica, da aggiungere alla sua già vasta collezione.
BBA Ecotech non offre miscele “multiuso” standard, ma sviluppa insieme al cliente il mix batterico da applicare, formulazioni su misura per formulatori e distributori.

Lo slogan “WE KNOW HOW...” è la strategia per il futuro di BBA Ecotech, perché la scommessa è partire dall’ambiente, creare valore e trasferirlo in ogni ambito.

Le aree di intervento
Le comunità, l’industria, la biorimediazione, la detergenza, il trattamento acque reflue, la zootecnia.

www.bbaecotech.com

It’s All Retail 2021 in presenza. BRAINZ organizza la nuova edizione della mostra convegno IT’S ALL RETAIL al NH Milano Centro Congressi, il 6 luglio, con la partecipazione di 120 Relatori provenienti dal mondo Retail, GDO e Fashion.
Il mondo del Retail sta vivendo una profonda trasformazione e gli investimenti nella tecnologia e nell’innovazione influenzeranno sempre più questi cambiamenti che già oggi il settore sta cercando di affrontare.
IT’S ALL RETAIL rappresenta un’opportunità esclusiva per agevolare l’incontro e il confronto tra Retail, GDO e Fashion con esperti di Soluzioni, Sistemi e Tecnologie.
Che cosa serve a Retail, GDO e Fashion per realizzare l’innovazione ?

In It’s All Retail avrò il piacere di moderare le due tavole:

EFFICIENZA ENERGETICA
Diagnosi Energetica – Big Data & IOT – Building Automation – Certificati Bianchi – Project Financing – Cogenerazione – HVAC Saving – Impianti Frigoriferi – Recupero del Calore – Refrigeranti Naturali

Panel Discussion/Tavola Rotonda
Moderatore Enrico Rainero founder BYinnovation
– Sebastiano Castorina Direttore Tecnico LEROY MERLIN
– Livio Calabrese Sales Director FRASCOLD
– Mario D’Aleo WW Head of Engineering BENETTON
– Fortunato Della Guerra Direttore Tecnico INRES COOP
– Massimo Pennisi Responsabile Tecnico ZUIKI
– Emilio Quinto Facility Manager Corporate EATALY
– Giuseppe Laudicina Project Manager Customer Insights ENEL X ITALIA

GESTIONE EFFICIENTE della SUPPLY CHAIN e del MAGAZZINO
Smart Logistics – Demand Planning – Retail Planning Solutions – Supply Chain Platform – Transportation – Geolocation – Pooling – Smart working – Warehouse 4.0 – Material Handling – ID & Scanning – Picking Technologies – Automation & Ronotic – Sostenibilità – Cold Chain – RFID – Pallet & Ecopallet – Real Estate – Supply Chain & COVID-19 – Supply Chain e Ripresa Economica

Panel Discussion/Tavola Rotonda
Moderatore Enrico Rainero founder BYinnovation
– Novella Ciceri Logistic Coordinator VIVIENNE WESTWOOD
– Fabio Gallus Responsabile Logistica GABEL
– Andrea Lombardo Head of EMEA Logistics and Distribution LUXOTTICA GROUP
– Giovanni Melzi Head of Planning & Supply Chain STROILI ORO
– Michele Migliardi Supply Chain & Logistics Director STELLA MCCARTNEY
– Francesco Nappo Italy Expansion Director SCANNELL PROPERTIES
– Dario Nasti Direttore Supply Chain DOPPELGANGER ROMA
– Alessandro Pozzi Chief Operations Officer BOGGI MILANO
– Leonardo Ricci Area Manager MODULA

I partecipanti di IT’S ALL RETAIL sono:
TOP MANAGEMENT: Amministratore Delegato – Direttore Generale – Retail Director – Responsabile Strategie – Direttore Vendite – HR Director
MARKETING & CRM: CRM Director – Marketing Director – Loyalty Manager – Ecommerce Director Chief Digital Officer – Chief Data Officer
IT & TECHNOLOGY: Chief Information Officer – Chief Technology Officer – IT Manager Chief Security Information Officer – Pos & Payment Director
LOGISTINA e MAGAZZINO: Logistics Director – Responsabile Logistica – Responsabile Magazzino
UFFICIO TECNICO: Energy Manager – Facility Manager – Technical Director – Layout & Store Design – Visual Merchandising – Security Manager.

Settori: GDO – RETAIL – FASHION & LUXURY – ECOMMERCE – CONSUMER GOODS

6 Luglio 2021 – NH Milano Centro Congressi

– BYinnovation è Media Partner di IT’S ALL RETAIL

www.its-all-retail.com

Partner in Finanza Etica e Plastica Seconda Vita: due testimonianze “forti” sulla sostenibilità, nella ADACI Fucina Week, nella tavola coordinata da Enrico Rainero dedicata a “Sostenibilità e Green Purchasing”.

 (altro…)

Filiera del sughero FSC – Gruppo Molinas: proprietario dell’Azienda Agricola Limbara, che comprende la sughereta di Baldu, a Tempio Pausania (SS), ha aderito alla procedura FSC per i Servizi Ecosistemici.

La sughereta di Baldu nel Comune di Tempio Pausania (SS), in località denominata “Lu Canniscioni”, si estende per circa 99,3 ettari di proprietà, comprendenti bosco di Sughera, bosco di altre specie consociate di Quercus, macchia mediterranea con diversi stati di evoluzione.
L’area si trova su terreni con morfologia di alta collina e substrati di rocce granitiche e presenta suoli permeabili, da poco a mediamente profondi, aventi tessitura prevalentemente franco-sabbiosa.

La sughereta rappresenta per il Gruppo Molinas, che detiene tra Sardegna e Toscana circa 8.000 ha di proprietà sughericole, il primo progetto di certificazione forestale di sughereta con Standard FSC: il Gruppo, dopo aver ottenuto la Certificazione di Catena di Custodia per il sugherificio, ha deciso di puntare infatti sulla valorizzare dal punto di vista gestionale e responsabile di 99,3 ha, da estendere eventualmente al resto delle proprietà.

La sughereta assume un duplice valore: economico per l’ottenimento del prodotto sughero, ed ambientale, come zona di conservazione della biodiversità e riproduzione della fauna selvatica locale (lepri, volpi, cinghiali, volatili), oltre alla presenza di specie micologiche di particolare pregio (porcini ed ovuli).

L’area contribuisce inoltre alla protezione delle risorse idriche con il ripristino e la manutenzione delle sorgenti, pozzi e canali di scorrimento e risulta attraversata dalla dorsale di collegamento dell’acqua irrigua tra i bacini del Nord Sardegna.

FOCUS SERVIZI ECOSISTEMICI
Biodiversità, servizi idrici e ricreativi, suolo, sequestro del carbonio: valorizzare le funzioni naturali delle foreste.
I Servizi Ecosistemici o naturali sono definibili come i benefici che si ottengono dalle aree forestali, e forniscono alla società un’ampia gamma di utilizzi come fonti di acqua potabile, produttività del suolo e fissazione del carbonio.

Per contrastare il degrado e la deforestazione a livello globale, il Forest Stewardship Council® (FSC®) ha sviluppato degli strumenti per promuovere i pagamenti per questi servizi naturali: un modello alternativo per attrarre investimenti sostenibili in realtà degradate e non ancora certificate FSC, ed un valido incentivo per le realtà già certificate per continuare a gestire in modo responsabile i loro patrimoni forestali.

Come funziona la procedura FSC per i Servizi Ecosistemici?
La Ecosystem Services Procedure di FSC, pubblicata ufficialmente a Maggio 2018, fornisce nuovi strumenti per rafforzare gli incentivi per la salvaguardia delle foreste e dei servizi naturali connessi e permette di:
– verificare degli impatti. La nuova procedura FSC fornisce un approccio globale, che le realtà certificate FSC possono utilizzare per dimostrare l’impatto delle loro attività forestali, attraverso audit di parte terza indipendenti;
– promuovere il proprio impegno. Ciò fornisce a Governi, investitori, compratori e aziende la possibilità di verificare e comunicare il proprio impegno nel miglioramento e conservazione delle aree forestali.

Per dimostrare l’impatto delle attività di gestione forestale sui servizi ecosistemici, l’organizzazione o il gestore forestale dovranno implementare uno screening diviso in sette fasi, al fine del quale verrà valutato e quantificato l’impatto positivo delle attività di gestione forestale responsabile sui servizi stessi:
– Definizione del/dei servizio/i osservati (CO2, acqua, suolo, biodiversità, servizi ricreativi);
– Descrizione della condizione attuale e delle condizioni pregresse all’osservazione; beneficiari del servizio; potenziali criticità o minacce al mantenimento del servizio ecc.
– Definizione dell’impatto attraverso un approccio del cambiamento (Quale servizio stiamo cercando di migliorare/restaurare? Quali attività devono essere messe in campo per raggiungere questo obiettivo?);
– Individuazione quali output permettono di quantificare gli impatti positivi delle attività di mantenimento/conservazione dei servizi naturali (come ad esempio estensione della copertura forestale, qualità dell’acqua ecc);
– Definizione le metodologie per calcolare gli impatti;
– Misurazione degli indicatori e comparazione dei dati (benchmark con rilievi precedenti);
– Descrizione dei risultati.

Le aree attualmente verificate per i Servizi Ecosistemici in Italia
L’Italia è stato il primo Paese al mondo, nel 2018, a verificare un’area forestale per tutti e 5 i servizi forestali (acqua, carbonio, suolo, biodiversità, servizi turistici e ricreativi): si tratta del caso del gruppo di certificazione Waldplus (2.706 ha), un’associazione di piccoli proprietari pubblici e privati sparsi tra Trentino – Alto Adige, Veneto e Lombardia.

Nel 2019 sono arrivate poi le esperienze dell’Azienda Agricola Rosa Anna e Rosa Luigia s.s. (406 ha), azienda dedita alla pioppicoltura in aree golenali e alla vendita di prodotti in pioppo (sfogliati e pannelli), che ha verificato gli impatti positivi su 4 fattori (biodiversità, stoccaggio della CO2, riduzione dell’erosione del suolo e miglioramento del paesaggio); dell’Unione dei Comuni Valdarno e Valdisieve (1.448 ha; Toscana), prima e per ora unica realtà italiana accreditata dalla rete internazionale “Foresta Modello”, le cui foreste assorbono ogni anno 650 mila tonnellate di CO2 e possono vantare aree attrezzate per servizi turistici e ricreativi corrispondenti a circa 2.400 campi da calcio; e di ERSAF, l’Ente Regionale lombardo per i Servizi all’Agricoltura e alle Foreste, che con i suoi 16.594 ha è la seconda realtà forestale certificata FSC per estensione in Italia, dopo la Magnifica Comunità di Fiemme: è stato calcolato che le foreste di ERSAF abbiano assorbito finora oltre tre milioni di tonnellate di anidride carbonica, pari alle emissioni annuali medie di oltre 184 mila auto, mentre attività di corretta gestione della risorsa idrica ha generato un piano per la conservazione di 30 sorgenti ad uso potabile.

Il 2020 è stato invece l’anno della verifica per tutti e 5 i servizi ecosistemici della Sughereta Sperimentale Cuseddu-Miali-Parapinta (cfr. Scheda Focus Agris Sardegna). Questa sughereta, in cui insiste un’area lasciata a libera evoluzione, svolge molteplici ruoli: ambientale ed economico, ottimamente integrati grazie ad un oculato intervento antropico di gestione, dove alla produzione del sughero si accompagnano importanti valori di biodiversità.

Il marchio Forest Stewardship Council® FSC® identifica i prodotti contenenti legno proveniente da foreste gestite in maniera corretta e responsabile secondo rigorosi standard ambientali, sociali ed economici. La foresta di origine viene stata controllata e valutata da enti di certificazione indipendenti, in conformità a questi standard (principi e criteri di buona gestione forestale), stabiliti ed approvati da FSC International tramite la partecipazione e il consenso di tutte le parti interessate.

Il Sugherificio Peppino Molinas
È passato più di un secolo da quando Pietro Molinas fondava, a Calangianus, la sua azienda per la lavorazione del sughero. Un’attività semplice basata sull’utilizzo di pochi ed elementari utensili con i quali si eseguivano tutte le fasi di lavorazione del sughero. Una condizione comune a molti altri piccoli artigiani della zona, ma dalla quale è iniziato il percorso che ha portato alla moderna realtà industriale di oggi. Un percorso lungo, durante il quale un ruolo fondamentale è stato quello di Peppino Molinas. Fu lui, infatti, a cavallo della Seconda Guerra Mondiale, ad imprimere una svolta decisiva alla trasformazione dell’azienda da artigiana ad industriale. Con lui arrivarono i primi operai e fu avviata la meccanizzazione di molte fasi di lavorazione.
Tecnologia e valore delle risorse umane: è questo oggi il Sugherificio Molinas, la cui attività è articolata su quattro distinte unità lavorative riunite in un unico complesso industriale di quasi 50.000 metri quadrati di superficie coperta. Qui, uomini e donne di consolidata esperienza e professionalità, coadiuvati da una tecnologia sempre all’avanguardia, lavorano ogni giorno per ottenere dal sughero una vastissima gamma di prodotti. Dai tappi per l’enologia, quasi un miliardo all’anno fra le diverse tipologie, agli isolanti, ricercatissimi nella moderna bioedilizia; dai componenti per l’industria calzaturiera, ai rivestimenti per pareti e pavimenti.

Una complessa attività che utilizza e dà valore ad una materia prima naturale
Il sughero è rinnovabile per definizione, visto che con la sua raccolta gli alberi e le foreste non subiscono alcun danno. Al contrario, grazie proprio al sughero, nel tempo hanno acquistato un notevole valore economico e sociale che le mette al riparo da ogni altra attività che ne potrebbe mettere in pericolo la sopravvivenza. Una materia prima che per essere avviata ai vari cicli di lavorazione necessita di un accurato lavoro di selezione. Un’attività basilare per la qualità finale dei prodotti che si ottengono e che, da sempre, il Sugherificio Molinas affida a personale di altissima competenza; personale formato in azienda e che del sughero conosce ogni minimo segreto.

Cuore di tutto il complesso è il laboratorio di ricerca e sviluppo
È qui che vengono messi a punto nuovi processi di lavorazione e monitorata la costante e rigida applicazione delle norme imposte dalle numerose certificazioni che il Sugherificio Molinas ha conseguito nel corso degli anni.

www.fsc-italia.it

www.molinas.it

Partner in Aziende nella Transizione Sostenibile. ADACI Fucina Week apre con un webinar coordinato da Enrico Rainero in un argomento di caldissima attualità, coinvolgendo manager di settori diversi che portano testimonianze di successi in corso evolutivo, iniziative partite molti anni fa e oggi già mature nei temi che tutti sappiamo vitali per la sopravvivenza della qualità della nostra vita.

 (altro…)

0

Slow Fish: invertiamo la rotta. Giornata mondiale degli oceani e Decennio del mare delle Nazioni Unite. Gli oceani non sono un ecosistema infinito, vanno gestiti in un’ottica di sostenibilità ambientale, economica e sociale.

Slow Fish ha celebrato la Giornata mondiale degli oceani e il Decennio del mare delle Nazioni Unite con la prima delle conferenze internazionali in programma in questa edizione 2021.
Quattro membri dell’advisory board di Slow Fish si sono confrontati sulle principali tendenze che riguardano la biodiversità sommersa e le questioni chiave per invertirle.

Secondo l’ultimo rapporto della FAO sullo “Stato della Pesca e dell’Acquacoltura Mondiale”, nel 2030 la produzione ittica totale è destinata ad arrivare a 204 milioni di tonnellate con un incremento del 15% rispetto al 2018.
Il consumo globale di pesce per scopi alimentari è aumentato con un tasso medio annuo del 3,1% dal 1961 al 2017, una percentuale quasi doppia rispetto a quella della crescita della popolazione mondiale (1,6%) per lo stesso periodo, e superiore a quello del consumo di tutti gli altri alimenti proteici di origine animale (carne, latticini, latte, ecc.), che è aumentato del 2,1%. Sempre a livello globale i mari in cui si pesca di più sono Mediterraneo e Mar Nero, con il 62,5% di stock sovrasfruttati, il Pacifico sudorientale con il 54,5% e l’Atlantico sudoccidentale con il 53,3%.

Slow Food vuole porre l’accento sui processi che stanno portando velocemente a un impoverimento dei nostri mari.
La perdita di biodiversità non è solo un problema ambientale. A livello globale, infatti, più di una persona su dieci dipende dalla pesca per guadagnarsi da vivere e nutrire le proprie famiglie. Le persone impiegate nel settore primario della pesca e dell’acquacoltura sono 59,5 milioni, il 14% delle quali sono donne.
Per questo motivo, secondo Slow Food, è importante invertire la rotta finché si è in tempo e pensare agli ecosistemi marini non come un contenitore di risorse infinite, ma come un sistema complesso da studiare, salvaguardare e gestire in un’ottica di sostenibilità ambientale, economica e sociale. Il mare, quindi, inteso come bene comune dove i pescatori, soprattutto quelli della piccola pesca artigianale, devono essere maggiormente coinvolti nella pianificazione degli strumenti di gestione della pesca e della costa.

Alla conferenza sono intervenuti:
– Didier Ranc, Francia: pescatore in pensione, coordina il Presidio della prud’homie del Mediterraneo ed è presidente dell’organizzazione di pescatori di piccola scala Union Intersyndacale
– Antonio Garcia-Allut, Spagna: ha un dottorato in antropologia sociale, è professore associato presso l’Università di La Coruña, e detiene una cattedra Unesco in sviluppo costiero sostenibile presso l’Università di Vigo. Nel 2003 ha creato la Fondazione Lonxanet per la pesca sostenibile, una non profit per la difesa dei pescatori artigianali
– Yassine Skandrine, Tunisia: docente e ricercatore presso l’Istituto superiore di pesca e acquacoltura di Bizerte. È stato coordinatore e consulente di diversi studi, progetti e organizzatore di seminari e workshop a livello nazionale, maghrebino, mediterraneo e africano nel campo della pesca artigianale.
– Marco Dadamo, Italia: collabora con numerosi parchi naturali e istituti di ricerca realizzando interventi concreti finalizzati alla tutela e alla valorizzazione della biodiversità, in ambiente sia marino sia terrestre, sviluppando modelli di cogestione della fascia costiera. Insieme ai pescatori di Ugento e in collaborazione con le amministrazioni locali ha creato la prima Oasi Blu della Regione Puglia.
Moderatore
– Paula Barbeito, coordinatrice della campagna Slow Fish

Slow Fish, la manifestazione biennale dedicata al mare e a tutti i suoi abitanti, è giunta al traguardo della decima edizione, fortemente voluta dagli organizzatori, Slow Food e Regione Liguria, e da tutti i partner istituzionali – Ministero della Transizione Ecologica, Comune di Genova e Camera di Commercio di Genova in primis – e privati – BBBell, FPT Industrial, Pastificio Di Martino, QBA, Reale Mutua e UniCredit – che hanno scommesso su una delle primissime manifestazioni in presenza a livello nazionale.

www.slowfood.it

Recupero del polietilene. Ecopolietilene, consorzio per la gestione dei beni in polietilene, accende i riflettori su un tipo di plastica interamente riciclabile. «Una materia importante dal grande valore ambientale»

Il consorzio Ecopolietilene ribadisce l’importanza di una corretta gestione dei rifiuti derivanti dai beni in polietilene. Realtà nata nel 2017, ma operativa solamente da poco meno di un anno, Ecopolietilene è impegnato nella gestione dei rifiuti derivanti dai beni in polietilene, un particolare polimero plastico che rappresenta circa il 30% del volume totale della produzione mondiale di plastica, ma soprattutto un materiale che è interamente riciclabile.

«Facciamo nostro il messaggio della Giornata dell’Ambiente di quest’anno: il ripristino degli ecosistemi passa necessariamente da un minor sfruttamento delle risorse e da un maggior recupero dei rifiuti. E la plastica è uno dei fronti sui quali serve un impegno maggiore», osserva il direttore generale di Ecopolietilene, Giancarlo Dezio. «Il polietilene è in moltissimi oggetti di uso quotidiano, oltre che nell’industria. La sua peculiarità di essere riciclabile al 100% ne fa un materiale importante all’interno di una visione circolare di gestione dei rifiuti. Raccoglierlo correttamente e affidarlo a una filiera di gestione capace di riciclarlo, è dare un importante contribuito alla sostenibilità e alla tutela dell’ambiente».

In polietilene sono, a esempio, le reti utilizzate in agricoltura, i giochi che si trovano nei parchi, gli spartitraffico e i tubi impiegati in edilizia, ma anche oggetti molti più quotidiani come i taglieri da cucina e i mobili da giardino; sono fatti in polietilene alcune lampade, gli imbuti, scolapasta, portaposate, vassoi, pattumiere e caraffe, in un elenco che potrebbe proseguire quasi all’infinito. Per la sua leggerezza e resistenza, è possibile ritrovarlo in moltissimi oggetti, soprattutto in quelli utilizzati in ambito agricolo e urbano.

«Si stima che in Italia ogni anno vengano prodotti circa 500 mila tonnellate di rifiuti da beni in polietilene. Un volume che, se opportunamente trattato, può rappresentare un valore aggiunto per l’economia e per l’ambiente; un valore che non deve andare sprecato», prosegue il direttore generale del consorzio. «Ecopolietilene rappresenta i produttori, distributori e riciclatori di beni in polietilene e si prefigge di razionalizzare e gestire la raccolta e il trattamento di questa tipologia di rifiuti. Il consorzio vuole sensibilizzare sull’importanza di conferire correttamente questi materiali, soprattutto da parte delle imprese: queste infatti possono alimentare un importante circuito virtuoso, evitando dannose dispersioni nell’ambiente».

Per quanto riguarda i cittadini, «in attesa che possa trovare concretezza una raccolta separata di questi rifiuti, è fondamentale iniziare a distinguere i beni in polietilene per conoscerne l’importanza e il valore ambientale».

Ecopolietilene – consorzio per il riciclaggio dei rifiuti dei beni in polietilene, Ecopolietilene è un sistema autonomo, senza fini di lucro e riconosciuto dal Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare. È composto dalle aziende produttrici, dai distributori e dai riciclatori dei beni in polietilene e nasce dalla professionalità e dal know-how nella gestione dei rifiuti maturata dal Sistema Ecolight, al quale fanno riferimento il consorzio Ecolight ed Ecolight Servizi, società che si occupa della gestione integrata dei rifiuti professionali generati dalle aziende.

www.ecopolietilene.it

0

Etichetta Consapevole Too Good To Go: impegno a sensibilizzare i consumatori sulla differenza tra data di scadenza e termine minimo di conservazione.*

Il 63% degli italiani non conosce la differenza tra Data di Scadenza e TMC (Termine Minimo di Conservazione), contribuendo al 10% dello spreco alimentare in Europa dovuto all’errata interpretazione delle diciture.
Too Good To Go si impegna, promuovendo un’ulteriore specifica in etichetta, a consapevolizzare i consumatori sul reale significato del “da consumarsi preferibilmente entro”

Too Good To Go, l’app contro gli sprechi alimentari, lancia anche in Italia l’iniziativa Etichetta Consapevole: un’ulteriore aggiunta in etichetta della frase “Spesso buono oltre”, accompagnata da alcuni pittogrammi esplicativi dedicata ai prodotti con il TMC (ossia con la dicitura “da consumarsi preferibilmente entro”) per incoraggiare i consumatori ad utilizzare i propri sensi prima di gettare un prodotto. Sono 9 milioni le tonnellate di cibo sprecate ogni anno in Europa*, dovute all’errata interpretazione della dicitura, che equivalgono a più di 22 milioni di tonnellate di CO2e immesse nell’atmosfera**: un danno non solo economico, ma in primis ambientale.

Proprio per questo, in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente (5 giugno), Too Good To Go lancia l’iniziativa Etichetta Consapevole anche in Italia, con lo scopo di sensibilizzare e incentivare una maggior comprensione delle informazioni sul prodotto. Una campagna che l’app ha già promosso in altri Paesi come Danimarca, Germania, Svizzera, Francia, Regno Unito, Spagna e Portogallo, proprio per l’importanza del tema in ottica di contrasto allo spreco: il 10% dello spreco alimentare in Europa è infatti attribuibile alla non corretta interpretazione delle due diciture***.

In Italia, da una recente indagine di Altroconsumo risulta che solo il 37% dei consumatori**** è davvero consapevole che la data di scadenza “da consumarsi entro” attesta che effettivamente consumare il prodotto oltre quella data può essere un rischio per la salute, mentre il termine minimo di conservazione “da consumarsi preferibilmente entro” indica che l’alimento potrebbe iniziare da quel periodo di tempo a perdere minimamente alcune delle sue proprietà organolettiche (gusto, profumo, fragranza) ma, se conservato nella maniera corretta, è ancora perfettamente consumabile senza rischi anche oltre la data indicata.

“Il Termine Minimo di Conservazione indica la data entro la quale il prodotto alimentare conserva le proprie proprietà specifiche, in adeguate condizioni di conservazione. Moltissimi prodotti oltre la data riportata possono subire modificazioni organolettiche come sapore, odore o consistenza, ma possono essere comunque consumati senza rischi per la salute: se conservati bene si possono infatti mangiare anche dopo il termine minimo di conservazione e possiamo così evitare di buttare via tanto cibo che in realtà si può consumare senza pericolo. Utilizzare i sensi, per capire se il prodotto è molto deperito oppure ha odore o colore anomalo, rappresenta quindi una strategia utile per combattere lo spreco alimentare ed evitare che cibo ancora perfettamente ottimo rischi di essere buttato a causa di un’errata interpretazione della dicitura in etichetta”, spiega Laura Rossi, Responsabile Scientifico Osservatorio sugli sprechi alimentari del CREA – Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria.

Il consumatore, affidandosi ai propri sensi (vista, gusto e olfatto), può così evitare di gettare cibo ancora perfettamente commestibile: a un anno dal lancio dell’iniziativa di sensibilizzazione in Danimarca, il 70% dei consumatori ha dichiarato di essere più consapevole sul tema e il 60% di aver sprecato meno cibo dopo essere venuto a conoscenza del problema grazie alla campagna di Too Good To Go. Anche in Italia, l’obiettivo è quello di portare maggiore consapevolezza sul tema, per abbattere in modo concreto ed immediato gli sprechi alimentari, che ammontano a circa 27 kg per persona*****.

L’Etichetta Consapevole inviterà i consumatori a rivolgere l’attenzione al reale significato del TMC e a utilizzare i propri sensi prima di gettare arbitrariamente il prodotto. Sono già diverse le aziende che si uniscono alla chiamata di Too Good To Go, come “La Marca del Consumatore”, con la sua passata che già da gennaio presenta l’Etichetta Consapevole. Da maggio, inoltre, si possono già trovare sugli scaffali dei negozi biologici di tutta Italia alcuni prodotti a marchio NaturaSì con l’indicazione del termine minimo di conservazione, oltre che referenze di Salumi Pasini e WAMI, che riportano l’Etichetta Consapevole.
Altre aziende come Granarolo, Fruttagel, Bel Group, Gruppo VéGé, Raspini Salumi, Nestlé, Danone e Olio Raineri si sono impegnate ad aggiungere l’ulteriore specifica su alcuni loro prodotti nel corso del 2021 e Too Good To Go continuerà ad allargare il proprio raggio d’azione, con lo scopo di aumentare la consapevolezza e l’informazione del consumatore e, di conseguenza, diminuire gli sprechi domestici.

“Il progetto Etichetta Consapevole, che si inserisce tra le azioni che stiamo portando avanti all’interno del Patto contro lo Spreco Alimentare lanciato a gennaio, è uno step importante, sia per il consumatore che per le aziende. La consapevolezza, quando si tratta di sprechi alimentari, a volte è la prima e più determinante arma per generare un impatto concreto”, aggiunge Eugenio Sapora, Country Manager Italia di Too Good To Go.

Anche l’on. Maria Chiara Gadda, proponente della legge 166 del 2016 c.d. “Antispreco”; l’on. Daniela Rondinelli, europarlamentare e membro della Commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare; la dott.ssa Ludovica Principato, food waste scientist e docente all’Università Roma Tre; l’organizzazione dei consumatori Altroconsumo e Confconsumatori hanno ufficialmente appoggiato la campagna di Too Good To Go.

* European Commission, Market study on date marking and other information provided on food labels and food waste prevention, 2018.
** Equazione proposta da Too Good To Go su dati FAO (2013), 1 Kg di cibo sprecato corrisponde all’emissione d 2.5 Kg di CO2e nell’atmosfera.
*** European Commission, Market study on date marking and other information provided on food labels and food waste prevention, 2018.
**** Altroconsumo, Meno cibo in pattumiera, 2020.
***** Waste Watcher International Observatory-Università di Bologna-Last Minute Market su dati IPSOS, Le dinamiche dello spreco, 2021.

Too Good To Go
Nata nel 2015 in Danimarca con l’obiettivo di combattere lo spreco alimentare, l’applicazione Too Good To Go è presente in 15 Paesi, conta ad oggi oltre 38 milioni di utenti ed è tra le prime posizioni negli App Store e Google Play di tutta Europa. Too Good To Go permette a bar, ristoranti, forni, pasticcerie, supermercati ed hotel di recuperare e vendere online – a prezzi ribassati – il cibo invenduto “troppo buono per essere buttato” grazie alle Magic Box, delle “bag” con una selezione a sorpresa di prodotti e piatti freschi che non possono essere rimessi in vendita il giorno successivo.
Gli utenti della app non devono far altro che geolocalizzarsi e cercare i locali aderenti, ordinare la propria Magic Box, pagarla tramite l’app e andarla a ritirare nella fascia oraria specificata per scoprire cosa c’è dentro.

www.toogoodtogo.it

www.spessobuonooltre.it

video demo

Carbon performance complement to energy performance: EU buildings’ policy should address the carbon footprint of construction, says BPIE.

The EU’s forthcoming revision of legislation for buildings and construction is a critical opportunity to create policy and investment certainty on how energy performance requirements will be supported by carbon performance rules, says BPIE. New research from the think tank shows that while some EU Member States have introduced comprehensive policy action to reduce the carbon footprint of buildings and construction, this should now be coordinated and regulated at European level.

The European Union aims to be climate-neutral by 2050, requiring a fundamental transformation of the construction and building sectors. Direct building CO2 emissions need to more than halve by 2030 to get on track for a net-zero carbon building stock by 2050. In its Renovation Wave strategy, which addresses decarbonisation of the building stock, the European Commission announced its intention to introduce a ‘2050 whole life-cycle performance roadmap’ to reduce carbon emissions from buildings’ by 2023.

“For new buildings built to the highest energy efficiency standards, thelow operational energy demandmeansthat embodied carbon becomes the most significant sourceof carbon emissions over the building’s lifetime,” says Oliver Rapf, Executive Director of BPIE.

Embodied carbon emissions are associated with energy consumption and chemical processes during raw material extraction, manufacture, transportation, assembly, replacement, construction, demolition and disposal of buildings, accounting for approximately 10-20% of EU buildings’ CO2 footprint. To address this ‘hidden’ carbon footprint, BPIE suggests a common European approach to whole-life carbon (WLC) emissions of the building stock, which should yield additional benefits in terms of greater transparency, comparability, and monitoring of progress across borders and industries.

Achieving a common EU approach requires intensified coordination across policy measures addressing and affecting the different stages of the construction value chain. However, BPIE finds that the introduction of a ‘2050 whole life-cycle performance roadmap’ scheduled for 2023 is out of sync with the current legislative review process.

The ongoing review of the Energy Performance of Buildings Directive (EPBD) and the Energy Efficiency Directive (EED) provides a significant opportunity for the EU to begin consistently integrating WLC thinking and principles in the regulatory framework.

“Whole-life carbon in buildings and construction should be carefully considered now in 2021. Policy action taken by a number of Member States demonstrate that whole-life carbon policies are possible and desirable. The European Commission should reflect this in its forthcoming proposals to make sure that we don’t lose time in the fight against climate change.” Rapf concludes.

BPIE (Buildings Performance Institute Europe) is a leading independent centre of expertise on energy performance of buildings, providing data-driven and actionable policy analysis, advice, and implementation support to decision-makers in the public, private, and non-profit sectors.
Founded in 2010, BPIE combines expertise on energy efficiency, renewable energy technologies, and health and indoor environment with a deep understanding of EU policies and processes. A not-for-profit think-tank based in Brussels and Berlin, our mission is to make an affordable, climate-neutral built environment a reality in Europe and globally.

– BYinnovation is Media Partner of BPIE

www.bpie.eu

report

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi